testata ADUC
pretesa rette asilo nido coronavirus
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
15 marzo 2020 0:00
 
Buonasera, secondo voi un associazione di promozione sociale con solo codice fiscale svolgente attivitá di NIDO PER INFANZIA (che secondo me andrebbe svolta da impresa ed é una chiara attivitá commerciale) per bambini che oltre a far pagare la quota associativa fissa annuale e mensilmente RETTE differenziate a seconda degli orari e servizi richiesti, può chiedere il pagamento anche in caso di mancata frequenza del mese (vedi marzo per chiusura corona virus)...io sono dell'avviso che se la tipologia é associativa con attivitá solo istituzionale (solo codice fiscale) le entrate sono da identificare come rimborso spese e quindi in caso di mancata frequenza non puó esserci la pretesa. Diverso sarebbe se si esercitasse l'attivitá di nido sotto forma di azienda. Siete d'accordo?
Oltretutto uno dei componenti del direttivo identificandosi come Staff continua ad inviarci mail che sono diventate di carattere minaccioso chiedendo il mese di marzo. siamo appena al 13!!!!!
ve le allego per conoscenza
Grazie anticipatamente a chi mi darà un parere
Leonardo, dalla provincia di SS

Risposta:
i nostri codici, e la logica, prevedono che i servizi devono essere pagati quando vengono utilizzati. Tutto qui. Codice fiscale o partita iva sono irrilevanti. Qui trova le motivazioni valide anche nel suo caso: https://salute.aduc.it/coronavirus/articolo/coronavirus+asili+nido+chiusi+rette+non+sono+dovute_30780.php
Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori