testata ADUC
Annullamento voli causa Covid
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 settembre 2020 0:00
 
Buonasera,
sono tra i tanti a cui è stato annullato un volo causa pandemia. La compagnia Iberia mi ha "offerto" la possibilità di RICHIEDERE un voucher utilizzabile entro il 30 giugno 2021. Ho rifiutato via PEC questa opzione, chiedendo il rimborso ai sensi della normativa europea. Forte delle disposizioni nazionali in materia, Iberia ha rifiutato il rimborso invitandomi nuovamente a CHIEDERE il voucher. Ad oggi non ho avuto nè il rimborso e nemmeno il voucher. Con la nuova normativa approvata nel mese di luglio, è stato introdotto in capo alle compagnie aeree l'obbligo di riconoscere il rimborso passati 12 mesi dell'EMISSIONE del voucher, su richiesta del consumatore nel caso di mancato utilizzo dello stesso. Se oggi richiedessi il voucher, dopo un anno dalla sua emissione, che potrebbe essere artatamente ritardata dalla compagnia, potrei richiedere il rimborso.
Vorrei però capire, e forse potreste aiutarmi, quali sono i tempi della procedura di infrazione avviata dall'Europa nei confronti del nostro paese, perchè se ci fossero indicazioni stringenti verso l'Italia, tali da rimettere in discussione l'attuale normativa, potrei trovarmi ad aspettare un anno dalla emissione del voucher, non potendo beneficiare di eventuali aggiustamenti della legge a vantaggio dei consumatori.
Vi sarei grato se mi aiutaste a capire la prospettiva della procedura di infrazione.
Cordiali saluti
Nicola, dalla provincia di NA

Risposta:
domanda da un milione di dollari... non ci sono tempi di legge per una procedura del genere. Occorre quindi, affidarsi alla buona volontà della Commissione e della Corte di Giustizia europea, giocando anche sul fatto che la società civile fa pressioni (come facciamo noi, per esempio).
Allo stato dei fatti, se non ha esigenze diverse e più immediate, visto che comunque le compagnie sono obbligate a rimborsare entro 12 mesi, consigliamo di farsi dare il voucher. Consideri che se dovesse avviare una causa per intimare il rispetto delle direttive europee (causa su cui è molto probabile le sarebbe riconosciuta la ragione), i tempi di questa causa sarebbero ben oltre questi dodici mesi, e senza considerare gli eventuali costi che non è detto che un giudice accollerebbe solo alla parte soccombente.
Comunque, qui la situazione: https://www.aduc.it/comunicato/viaggi+coronavirus+rimborsi+giudice+italiano+deve_31444.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori