testata ADUC
Coronavirus e visita figli genitori separati. Diritto anche senza provvedimenti del Tribunale
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Sara Astorino
3 aprile 2020 11:35
 
 Preliminarmente ringraziamo un associato di Aduc che ha avuto la tenacia di approfondire un proprio dubbio ed ha così prodotto un risultato utile per tutti i genitori separati.
Il dubbio nasceva dalla circostanza che il Ministero dell’Interno aveva chiarito che il diritto di visita dei genitori separati avrebbe dovuto essere garantito, anche spostandosi da un Comune all’altro.
Il provvedimento, tuttavia, si presentava incompleto poiché sembrava garantire il diritto di visita solo ai genitori separati o ai genitori con figli nati da un convivenza che avessero già ottenuto un provvedimento dal Tribunale (qui un nostro approfondimento precedente alle nuove disposizioni)
Ci si domandava se tale diritto fosse anche garantito a chi pur essendo separato, o genitore di un bambino nato da una convivenza, non avesse ancora ottenuto il provvedimento emesso dal Tribunale.
Tale diritto sembrava essere negato.

Questa giusta perplessità sorgeva anche in un nostro associato che in data 31 Marzo ci ha scritto manifestando il proprio timore.
Il 2 Aprile ci veniva comunicato che era stata dapprima effettuata una telefonata al Ministero dell’Interno e successivamente era stata inviata una lettera allo stesso per denunciare la mancata estensione del diritto anche ai genitori non in possesso di un provvedimento, chiedere delle delucidazioni e soprattutto chiedere che il diritto di visita fosse garantito a tutti i genitori senza alcuna distinzione .
Oggi 3 Aprile ci è stata comunicata la risposta del Ministero dell’Interno che specificava chiaramente che a TUTTI i genitori era garantito il diritto di visita! .
Nello specifico il Ministero dell’Interno spiega che “Gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche da un Comune all’altro. Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario (persone in quarantena, positive, immunodepresse etc.), nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori.”
Bene. Anzi: ottimo!

Casi del genere sono all’ordine del giorno, anche perché nei vari provvedimenti emergenziali (per fretta o distrazione) le dimenticanza di casistiche particolari possono sfuggire. Aduc e i suoi associati servono anche a questo.
Per chi volesse dare un suo contributo/suggerimento, qui come mettersi in contatto con noi.
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori