testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Cbd. Tar Lazio conferma sospensione da lista stupefacenti
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
26 ottobre 2023 16:09
 
  Il Tar del Lazio ha confermato la sospensione del Decreto del Ministero della Salute con il quale s'inserisce il cannabidiolo (Cbd) tra i medicinali che contengono sostanze stupefacenti. L'effetto di questa decisione è che i prodotti orali contenenti cannabis light sono consentiti. L'udienza di merito fissata il prossimo 16 gennaio. 

Antonella Soldo, coordinatrice dell'associazione Meglio Legale: "Il CBD non è una droga. Questa banale verità ha avuto bisogno di un pronunciamento da parte di un tribunale. I giudici del TAR Lazio, infatti, hanno ribadito che il decreto del ministero della salute che inserisce questa molecola non drogante nella tabella dei medicinali con effetti stupefacenti, va bloccato. Ormai è un format quello di un governo che produce obbrobri giuridici che poi i tribunali devono fermare. Ci sarebbe di che riderne se non fosse che di mezzo di sono le persone e le loro vite: in questo caso quelle di migliaia di imprenditori e imprenditrici che investono lavorano e un bel giorno si svegliano e rischiano di perdere tutto per il capriccio di un proibizionista. Se vuole fare qualcosa di utile questo governo si interroghi su come colpire il narcotraffico e lasci in pace chi lavora"

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS
 
ADUC - Salute - Notizia - ITALIA - Cbd. Tar Lazio conferma sospensione da lista stupefacenti

testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Cbd. Tar Lazio conferma sospensione da lista stupefacenti
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
26 ottobre 2023 16:09
 
  Il Tar del Lazio ha confermato la sospensione del Decreto del Ministero della Salute con il quale s'inserisce il cannabidiolo (Cbd) tra i medicinali che contengono sostanze stupefacenti. L'effetto di questa decisione è che i prodotti orali contenenti cannabis light sono consentiti. L'udienza di merito fissata il prossimo 16 gennaio. 

Antonella Soldo, coordinatrice dell'associazione Meglio Legale: "Il CBD non è una droga. Questa banale verità ha avuto bisogno di un pronunciamento da parte di un tribunale. I giudici del TAR Lazio, infatti, hanno ribadito che il decreto del ministero della salute che inserisce questa molecola non drogante nella tabella dei medicinali con effetti stupefacenti, va bloccato. Ormai è un format quello di un governo che produce obbrobri giuridici che poi i tribunali devono fermare. Ci sarebbe di che riderne se non fosse che di mezzo di sono le persone e le loro vite: in questo caso quelle di migliaia di imprenditori e imprenditrici che investono lavorano e un bel giorno si svegliano e rischiano di perdere tutto per il capriccio di un proibizionista. Se vuole fare qualcosa di utile questo governo si interroghi su come colpire il narcotraffico e lasci in pace chi lavora"

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS