testata ADUC
Roma Capitale. Il lascito della sindaca Raggi: una città sommersa dai rifiuti
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
1 giugno 2021 9:40
 
  Si sarebbero svolte fra qualche giorno le elezioni per il sindaco e per il Consiglio comunale ma, causa Covid, sono state rinviate al prossimo autunno.

Dopo 5 anni di governo la sindaca Raggi lascia in eredità ai romani una citta sommersa dai rifiuti: scelte sbagliate, incapacità di indirizzo politico e gestionale e contrasti con la Regione Lazio le cause del disastro.
Con l'avvio odierno delle attività di piena ristorazione la situazione non può che peggiorare.

Eppure, la sindaca Raggi (M5S), aveva tutte le carte per governare la Capitale: eletta con il 67% dei voti e la maggioranza assoluta in Consiglio comunale, evento unico dal dopoguerra, poteva determinare un cambio sostanziale di quello che è uno dei problemi che affliggono la città: i rifiuti.

Oggi la sindaca Raggi non ha la maggioranza in Aula: l'ultimo ad abbandonare le fila del M5S è stato il Presidente del Consiglio comunale, in sostanza il numero due della compagine cinquestellata. Erano 30 i consiglieri cinquestellati su 49 componenti del Consiglio, oggi ne sono rimasti 24. Non meno disastrosa la vicenda della Giunta capitolina: più della metà degli assessori nominati nel corso del tempo non sono più in carica. Una giravolta di cambi, di sostituzioni, di migrazioni da un assessorato all'altro ha reso impossibile governare la Capitale d'Italia.

La responsabilità ha un nome: Virginia Raggi.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori