testata ADUC
Coronavirus e mobilità individuale. Come fare ricorso contro le multe ritenute ingiuste
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Redazione
1 aprile 2020 13:31
 
  aggiornato al 18/05/2020
La mobilità individuale in tempo di coronavirus è limitata e disciplinata, anche con possibili ulteriori restrizioni decise dalle autorità locali. Le informazioni sulle attività delle forze dell’ordine in merito sono parte della quotidianità dei vari bollettini che ci aggiornano sulla situazione emergenziale. Ed è bene che controlli e informazione ci siano.
Ma non è detto che tutto sia come dovuto. Abbiamo documentato (caso a nostro avviso particolare) di una multa fatta a chi era andato in un negozio per acquistare “solo” vino e pasta. Ma oltre ai casi particolari, purtroppo ce ne sono anche altri che, nella quotidianità, stanno diventando, per la loro dubbia legittimità, ordinari: tensione e novità per le forze dell’ordine? Approssimazione di valutazione delle norme da parte dei cittadini? Tutto è possibile: siamo tutti nuovi a queste situazioni; errori da parte di chi deve rispettare e chi deve far rispettare la legge sono fisiologici.

Per chi, multato, si sentisse di avere ragioni valide da opporre al provvedimento, ecco come, dove e quando fare ricorso:
1. non pagare la multa (altrimenti il ricorso è nullo). Inviare degli scritti difensivi entro 30 giorni dal momento in cui si riceve il verbale all'Autorità Competente indicata sul verbale (generalmente è il Prefetto del luogo dell'infrazione; in alternativa, il Comune se si viola una norma comunale, la Regione se la norma è regionale, ecc.); gli scritti difensivi vanno inviati per raccomandata a/r o PEC, in carta libera.
2. l’Autorità interpellata (entro i 5 anni successivi), potrà accogliere gli scritti difensivi, oppure rigettarli emettendo un’ordinanza ingiunzione, e l'importo della multa raddoppia. In quest'ultimo caso, si potrà fare ricorso entro 30 giorni dalla notifica davanti al giudice di pace.
Importante sui termini per scritti difensivi e ricorso
Allo stato dei fatti, il termine per gli scritti difensivi o il ricorso sono sospesi fino al 15 maggio. Solo a partire dal 16 maggio, quindi, decorrerà il termine di 30 giorni entro cui presentarli.
 
 
SERVIZIO "SCRIVIMI UN RICORSO". Per chi è interessato, l'Aduc offre il servizio a contributo minimo di redazione di ricorsi. Per avere un preventivo, scrivere a assistenza@aduc.it allegando la scannerizzazione del verbale e indicando i motivi per cui si pensa di fare ricorso.


CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori