testata ADUC
Censurata la mia offerta di sedare Welby
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
21 dicembre 2006 0:00
 
Grazie. Sono contento che almeno la mia proposta di sedazione a Welby sia arrivata prima essendomi offerto di fare sedazione il 26/ 10 alla "Luca Coscioni" a cui il dr. Canale era presente. Ho capito anche perche' sia stata fatta passare quasi inosservata. Se Welby si fosse spento non avrebbe avuto la risonanza che ha oggi: Io sono stato 'murato' dato che non sono Politico e tanto meno religioso.

Risposta:
La ringraziamo della sua lettera. Non siamo pero' d'accordo con le sue conclusioni. Le ricordiamo che la sedazione terminale e' strumentale allo stacco del respiratore, che nessun medico ha detto di poter fare (compreso lei). Anche il dott. Casale, medico di Welby, aveva offerto la sedazione terminale tempo addietro, senza pero' garantire la sospensione della respirazione assistita (una posizione molto simile alla sua). Ma questa opzione non corrisponde alla volonta' di Welby, che certo non vuole rimanere sedato per settimane, mesi o anni in attesa di morire. Egli sta chiedendo di essere lasciato libero di scegliere quali cure accettare e quali rifiutare. Ci pare una richiesta ed una battaglia, anche e soprattutto politica, del tutto condivisibile. Accettare soluzioni diverse e di compromesso su cio' che lui (e noi con lui) ritiene un diritto umano e costituzionale puo' essere accettabile per alcuni, ma non per Welby. E per questo non possiamo che essergli grati.
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori