testata ADUC
Volare verso il nulla
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 settembre 2020 9:49
 
Ci sono voluti solo una decina di minuti per vendere i 134 biglietti, nonostante il prezzo oscillasse tra i 500 ei 2.300 euro. "Questo è probabilmente il volo più venduto nella storia della Qantas", ha detto il CEO australiano Alan Joyce. Perché se il volo QF787, che decollerà da Sydney il 10 ottobre, sorvolerà diverse gemme oceaniche come la Grande Barriera Corallina o la Roccia Sacra di Uluru, atterrerà sette ore dopo ... esattamente nello stesso posto.
Da diverse settimane si moltiplicano i voli "senza destinazione", soprattutto in Asia. A luglio China Airlines, una compagnia con sede a Taiwan, aveva offerto ai malati di viaggio voli "falsi", riporta l'agenzia di stampa Reuters. Carte d'imbarco, ma anche controlli passaporti e istruzioni di sicurezza a bordo, c'era tutto ... Tranne che l'aereo non aveva mai lasciato l'asfalto della pista. Ad agosto la compagnia ha riadattato l'esperienza, questa volta effettuando due veri voli da Taipei.

Nello stesso mese, un altro vettore taiwanese, Eva Air, ha noleggiato uno dei suoi jet con l’effigie del personaggio immaginario Hello Kitty, con partenza e atterraggio dall'aeroporto internazionale di Taoyuan. In programma: un volo di 2 ore e 45 minuti ad un'altitudine di 20.000-25.000 piedi sopra Taiwan e l'arcipelago giapponese Ryukyu. A fine agosto, la compagnia giapponese All Nippon Airways ha offerto un volo panoramico di 90 minuti a bordo di uno dei suoi A380: i passeggeri hanno diritto a un'esperienza di "stazione balneare hawaiana" in aeroporto e a bordo dell'aereo, che normalmente opera tra Tokyo e Honolulu.
La Royal Brunei Airlines, la compagnia di bandiera di questo piccolo stato situato nell'isola del Borneo, ha offerto un giro turistico di 85 minuti "Dine & Fly". Secondo il quotidiano Borneo Bulletin, i 99 posti disponibili per il primo volo sono andati esauriti in 48 ore. Da allora la società ne ha noleggiati ancora altri. E il successo sembra sempre essere lì. Uno dei passeggeri intervistati dalla rivista Vice ha detto che tutti i biglietti in business class per il "volo" del 20 settembre erano già stati venduti prima del 1 del mese.
Pur ammettendo che l'esperienza possa sembrare incongrua, addirittura "ridicola", Willy Kong non si pente dei 93 euro che gli è costato il biglietto:
“Molte persone possono pensare che salire su un aereo sia solo per portarti dal punto A al punto B. Per me essere su un aereo è in realtà una delle parti più eccitanti. Esperienza."
Il giovane non aveva lasciato la sua terra natale da febbraio, quindi quando si sono aperte le prenotazioni per "Dine & Fly", "il prurito di viaggiare di nuovo si è fatto sentire, anche è solo essere di nuovo su un aereo e viaggiare ‘da nessuna parte’", spiega.

Controproposte ecologiche
Chen Shu-Tze ha speso l'equivalente di 200 euro per imbarcarsi su un volo della compagnia aerea low cost Tigerair Taiwan sull'Isola di Jeju, in Corea del Sud. I biglietti, che includono un buono di un anno per un viaggio di andata e ritorno da Taiwan alla Terra della calma mattutina, sono andati esauriti in 4 minuti. "La pandemia sta avendo un impatto devastante sul turismo e sull'industria aerea, voglio aiutare a rilanciare l'economia e prendo l'aereo", ha detto a Reuters l'ingegnere 44enne.

Il settore è stato infatti duramente colpito dalla crisi sanitaria. Sebbene le restrizioni al traffico siano ancora in vigore in molti paesi, il sito Web di Statista riporta un calo del 48% dei voli di linea in tutto il mondo per la settimana del 21 settembre, rispetto allo stesso periodo del 2019. il ritorno ai livelli pre-pandemici non è previsto fino al 2024.
A giugno, l'International Air Transport Association (IATA) ha dichiarato che "il 2020 sarà [il] peggiore nella storia dell'aviazione", con perdite stimate in oltre 84 miliardi di dollari (71 miliardi di euro). In Europa, diverse società, come Air France-KLM e la tedesca Lufthansa, hanno ricevuto fondi dal governo madre per evitare il collasso. Altri, come Virgin Atlantic o Thai Airways, hanno già dichiarato bancarotta.
A Singapore, dove non esiste un collegamento domestico, la situazione è delicata: a luglio, il trasporto passeggeri all'interno del gruppo Singapore Airlines (SIA) - che comprende SIA, la sua filiale regionale SilkAir e la compagnia low cost Scoot - è sceso del 98,6% rispetto al 2019. Il 10 settembre il gruppo ha annunciato che avrebbe licenziato circa 2.400 dipendenti nella città-stato e all'estero, riporta il quotidiano locale in lingua inglese Today.

Quindi come si generano entrate per mitigare le perdite? I leader del gruppo SIA hanno pensato di istituire, a loro volta, voli verso il nulla. Tanto più che questa soluzione ha diversi innegabili vantaggi: far volare l'aereo, fare in modo che i piloti non perdano il controllo, ma anche mobilitare gli equipaggi che altrimenti sarebbero tecnicamente disoccupati.
Ma è a livello ambientale che si pone il problema: con o senza destinazione, l'aereo resta un mezzo di trasporto inquinante. A Singapore, ad esempio, un bando per i contributi dei cittadini all'iniziativa delle associazioni ambientaliste ha rivelato diverse centinaia di controproposte alla SIA per generare entrate aggiuntive senza dover togliere gli aerei dall'asfalto delle piste.
La compagnia australiana Qantas si è impegnata a pagare per compensare le emissioni di carbonio del suo volo panoramico da Sydney. Sebbene i critici abbiano notato che in realtà non ridurrebbe le emissioni.
L'industria aeronautica ha generato 915 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio nel 2019, che rappresenta il 2% delle emissioni globali di gas serra. Uno studio dell'Australia Institute, un think tank ambientale, prevede che le emissioni potrebbero diminuire del 38% quest'anno a causa dei voli cancellati dalla crisi sanitaria.

(articolo pubblicato su Le Monde del 23/09/2020)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori