testata ADUC
Governo. Coronavirus e l'ordine sparso
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
25 febbraio 2020 13:32
 
 Avanti in ordine sparso, tra polemiche, accuse e veleni.
E' l'effetto del Coronavirus.

Il primo ad essere colpito è stato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha preso una serie di misure senza coordinarsi con l'Ue. Ha interrotto autonomamente i voli dalla Cina, cosi come aveva sottoscritto, autonomamente, un memorandum politico-commerciale con la Cina.
Ora, a buoi scappati, chiede aiuto alla Ue per contrastare l'epidemia.

Non da meno sono i presidenti delle regioni Marche, Basilicata, Puglia e Calabria in vena di pensate autonome, con l'unico effetto di seminare panico.
Eppure, esiste una Conferenza permanente tra Stato e Regioni, che dovrebbe coordinare le iniziative, anche in campo sanitario. 
Esiste, inoltre, una Conferenza delle Regioni, tra i vari presidenti, anch'essa con compiti di coordinamento.

A cosa servano questi organismi non è dato di comprendere visto che, alla prima occasione, ogni Regione va per conto suo.

Ischia, ha provato a chiudere l'accesso a cinesi, lombardi e veneti, dimenticando che esiste l'Associazione nazionale dei comuni italiani che ha il compito di coordinare e rappresentare i propri interessi davanti allo Stato e alle Regioni.

Candelina finale è stata l'accusa del premier Conte che ha criticato l’ospedale di Codogno (Lombardia) per non aver osservato i protocolli e aver favorito così la diffusione del contagio da Coronavirus. Ovvia risposta piccata degli esponenti regionali lombardi.

Se questo è un Paese.
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori