testata ADUC
Abiti a Cavallino: guai ad andare a Lecce a fare la spesa senza necessità. Autodenuncia
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Alessandro Gallucci
9 maggio 2020 13:52
 
 Il dpcm 26 aprile 2020 consente di muoversi sull’intero territorio regionale. Secondo il comune di Cavallino, non solo a dire il vero, questo però non significava poter fare la spesa fuori dal proprio comune di residenza, se non per quel caso in cui si fossero dovuti acquistare beni irreperibili nel proprio comune. Ritenevamo quella interpretazione eccessivamente stringente. Il Governo, sollecitato su più fronti a far chiarezza, con un “capolavoro” interpretativo ha affermato che
«è possibile spostarsi in ambito regionale per situazioni di necessità, come, ad esempio, fare la spesa, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro. Resta inteso che la giustificazione di tutti gli spostamenti ammessi, in caso di eventuali controlli, può essere fornita nelle forme e con le modalità consentite. Di norma la spesa deve farsi in esercizi ragionevolmente prossimi alla propria abitazione, pur non essendo più previsto il territorio comunale quale limite territoriale degli spostamenti; un maggior allontanamento è consentito solo in presenza di specifiche ragioni che lo rendano necessario».

Fare la spesa è una necessità: meglio farla vicino casa, ma comunque se hai necessità puoi farla fuori dal tuo comune. Cosa dice il comune di Cavallino?
«La polizia locale di Cavallino fino alla data del 17 maggio continuerà ad applicare il principio del contenimento degli spostamenti delle persone relativamente alla possibilità di fare la spesa provenienti da altro comune, in assenza di specifiche ragioni che lo rendano strettamente necessario».
Questo il comunicato sulla pagina Facebook di quella polizia locale.

Non è chiaro perché da necessario si passi a strettamente necessario e non è chiaro che cosa sia necessità per quel comando.
Noi riteniamo errato, se non di più, questo comportamento. Siccome chi scrive abita a Cavallino, se ne approfitta del presente per informare la locale polizia che nei prossimi giorni, si recherà a fare la spesa fuori comune, chiaramente dichiarandolo nell’autocertificazione e non usando sotterfugi qualora al rientro in paese fosse fermato da loro. Sperando di essere fermato da loro.



 
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori