testata ADUC
Lo Stato di salute nel mondo - 2017. OMS
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
27 dicembre 2017 17:34
 
 Lo stato di salute nel mondo, all'inizio di questo secolo, ha registrato un accumulo di progressi senza precedenti. Grazie ai Millennium Development Goals, sia i decessi causati da molte delle più temute malattie infettive che la fame e la povertà estrema, sono diminuiti significativamente nei primi cinque decenni. Nel 2015 sono stati avviate iniziative per nuovi obiettivi, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, un programma fino al 2030 che punta a continuare con questi miglioramenti. Nei primi anni, tuttavia, i progressi sono molto più timidi.
Questo 2017 che sta terminando, ha lasciato la situazione ferma alcuni di questi indicatori che, se non modificati, rendono difficile raggiungere gli obiettivi fissati per i 12 anni. E la vittoria di Donald Trump, con tagli alla cooperazione internazionale, lascia una terribile incertezza. Per andare avanti, sono necessari dei soldi e gli Stati Uniti sono il più grande donatore al mondo.
Per la prima volta, la Fondazione Bill e Melinda Gates ha pubblicato quest'anno il rapporto Goalkeepers, che fa il punto su tutto ciò che è stato realizzato e le proiezioni per il futuro. Le conclusioni sono che se l’impegno non continua, se i Paesi non continuano ad aumentare il loro coinvolgimento per combattere i grandi mali di questo Pianeta, entro il 2030 una parte della strada percorsa dovra’ essere ripercorsa.
Non si può dire che il 2017 sia stato un buon anno in termini di salute globale, ma tra le tante notizie preoccupanti ce ne sono state alcune molto incoraggianti. Queste sono alcune delle pietre miliari - positive e negative - che l'anno ha lasciato.
I paradossi del morbillo e dei vaccini
L'umanità sa come sradicare una malattia dalla faccia della terra: il vaiolo non esiste grazie ai vaccini. La poliomielite va allo stesso modo. E con questi stessi strumenti, ci si puo’ anche sbarazzare del morbillo, una malattia che nella maggior parte dei casi è lieve, ma nelle occasioni in cui diventa complicata può diventare mortale. Ciò ha prodotto 90.000 morti nel 2016 (l'ultimo dei quali di cui si hanno dati), la maggior parte sono bambini al di sotto dei cinque anni, sebbene grazie alle vaccinazioni sono l'84% in meno rispetto al 2000.
Nei Paesi in via di sviluppo gli impegni in merito stanno riducendo drasticamente i casi. Nel 2017 è stato sradicato dal Bhutan e dalle Maldive. In Nigeria e in India, due dei Paesi con la più alta percentuale, quest'anno ci sono state massicce campagne che hanno fatto vaccinare milioni di bambini. Mentre questo e’ in corso, nei Paesi ricchi i movimenti anti-vaccinali diffondono una paura infondata in merito a questa pratica, portando molti genitori a non vaccinare i propri figli. Di conseguenza, in alcuni Paesi i tassi di immunizzazione stanno scendendo al di sotto del 95%, il che fa riaffiorare la malattia, facendo anche rischiare la vita per una malattia totalmente prevedibile.
Primi passi verso una copertura sanitaria universale
Quest'anno c'è stato un cambiamento nella direzione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il suo nuovo leader, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, si e’ posto una chiara priorità per il suo mandato: raggiungere una copertura sanitaria universale. A dicembre, la comunità internazionale ha firmato una road map a Tokyo per raggiungere questo obiettivo entro il 2030, anche se la strada non sarà facile: oggi, 400 milioni di persone non dispongono di almeno uno dei servizi essenziali per la salute. "Siamo convinti che la copertura universale sia un diritto umano, non un privilegio. È uno scandalo che una famiglia debba scegliere tra l'acquisto di cibo o medicine. È uno scandalo per una madre perdere suo figlio perché manca sufficiente assistenza di base. Non possiamo accettare un mondo del genere", ha detto lo scorso settembre il direttore dell'OMS presso la sede delle Nazioni Unite.
Stagnazione nella lotta contro malaria e tubercolosi
Due delle più letali malattie infettive continuano a uccidere quasi allo stesso ritmo dell'anno scorso. In due relazioni presentate nell'ultimo trimestre del 2017, l'OMS ha avvertito che la lotta contro la malaria è sottofinanziata a causa di finanziamenti insufficienti e che il tasso di avanzamento della ricerca e del trattamento della tubercolosi è insufficiente per raggiungere gli obiettivi di eradicazione della epidemia.
Inquinamento killer
L'inquinamento è la principale causa ambientale di morte nel mondo. Supera a lungo l'AIDS, la tubercolosi, la malaria e tutte le guerre in corso nel mondo. Nel 2015, è stato il responsabile di oltre nove milioni di morti, il 16% di quelli registrati in quell'anno. Si manifesta in particolare con i più piccoli. Secondo un rapporto pubblicato dall'OMS quest'anno, più di un quarto delle morti tra i bambini sotto i cinque anni (1,7 milioni) sono dovute ad inquinamento ambientale. E le emissioni non smettono di crescere.
Anticipi contro malattie trascurate
Sono 21 quelle che l’OMS cataloga come malattie tropicali trascurate (tre si sono aggiunte quest'anno) e colpiscono più di un miliardo di persone negli ambienti più vulnerabili del Pianeta. Quest'anno, l'organizzazione ha visto progressi molto incoraggianti nella lotta contro di esse. Eccone alcuni:: un miliardo di persone malate sono state curate per almeno una malattia tropicale che nel 2015 non era stata diagnosticata (ultimi dati disponibili); 556 milioni di persone hanno ricevuto un trattamento preventivo per la filariosi linfatica (elefantiasi); più di 114 milioni di persone hanno ricevuto cure per oncocercosi (cecità fluviale: il 62% di coloro che ne avrebbero bisogno). Nel 2016 sono stati segnalati solo 25 casi umani di malattia da verme della Guinea, che hanno messo a repentaglio l'eradicazione; i casi di tripanosomiasi africana umana (malattia del sonno) si sono ridotti da 37.000 nuovi casi nel 1999 a meno di 3.000 nel 2015. Il tracoma, la maggiore causa infettiva di cecità nel mondo, è stata eliminata come problema di salute pubblica in Messico, Marocco e Oman.
Il più grande focolaio di colera e il piano contro di esso
L'ONG Oxfam ha definito l'epidemia di colera in Yemen di quest'anno come la "più grande della storia". Con oltre 750.000 casi e oltre 2.000 morti, è paragonabile solo a quella iniziato ad Haiti nel 2010, aggiungendo un milione di casi, anche se in tempi molto più lunghi. Un’altra si e’ manifestata anche nella Repubblica Democratica del Congo con oltre 38.000 casi. Il colera è ancora un problema di salute pubblica in 47 Paesi, con 2,9 milioni di infezioni e 95.000 morti ogni anno. In questo contesto, l'ONU e i suoi partner hanno lanciato un piano per porre fine a una malattia che puo’ essere prevenuta attraverso adeguati servizi igienico-sanitari e vaccini. L'obiettivo: ridurre i decessi del 90% ed eliminare la trasmissione in 20 Paesi entro il 2030.
La fame aumenta
Lo scorso settembre la FAO ha dato brutte notizie al mondo: la fame è aumentata per la prima volta negli ultimi quindici anni. Gli esperti non sanno se gli ultimi dati sono una nuova tendenza o qualcosa di tempestivo a causa delle crisi umanitarie di cui il mondo soffre. Oggi l'11% della popolazione ha fame, rispetto a quasi il 15% nel 2005. La malnutrizione nei bambini sotto i cinque anni ha una tendenza molto migliore: anche se 155 milioni di bambini continuano a soffrirne, la riduzione dal 2005 è stata di 6,6 punti (dal 29,5% al 22,9%). Ma ancora una volta, non dovremmo cadere nell’autogratificazione. C'è cibo per tutti, quindi la cifra dovrebbe essere dello 0%, che è l'obiettivo per il 2030 nell'ambito degli obiettivi di uno sviluppo sostenibile.

(articolo di Pablo Linde, pubblicato sul quotidiano El Pais del 27/12/2017)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori