testata ADUC
Sistemi alimentari sostenibili. La prima mappa mondiale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
30 novembre 2019 18:33
 
 Mai prima d'ora è stato prodotto così tanto cibo nel mondo. Eppure 820 milioni di persone soffrono ancora di fame e 1,3 miliardi di persone affrontano una moderata insicurezza alimentare (accesso insufficiente a cibo nutriente adeguato). A malapena 9 specie di piante coltivate a fini alimentari (su 6.000 esistenti) rappresentano il 66% della produzione agricola totale. La produzione alimentare è responsabile del 26% delle emissioni di gas serra, un terzo del cibo finisce nella spazzatura e i terreni agricoli sono sfruttati eccessivamente.

Un insieme di 20 indicatori economici, sociali, ambientali e nutrizionali
Un team di ricercatori dell'International Center for Tropical Agriculture (Ciat) ha appena stabilito il primo indice di sostenibilità dei sistemi alimentari, unendo qualità e sicurezza alimentare, ma tenendo anche conto del loro impatto ambientale e sociale. I ricercatori, il cui lavoro è stato pubblicato su Scientific Data il 25 novembre, hanno coperto quasi due decenni di letteratura scientifica sui sistemi alimentari. Hanno selezionato 197 diversi indicatori e quindi hanno ristretto l'elenco a 20 indicatori facilmente accessibili per la maggior parte dei Paesi.
Ciò tiene conto della diversità delle colture, della quantità di acqua utilizzata, del valore aggiunto dell'agricoltura per lavoratore, della volatilità dei prezzi, ma anche delle calorie disponibili per abitante, della quota di cibo nella spesa delle famiglie, la diversità della dieta o la prevalenza dell'obesità. Hanno quindi costruito un indice aggregato per ottenere un punteggio valido per 97 Paesi, compreso tra 0,259 e 0,726 (valori arrotondati).

Mappa dei sistemi alimentari più sostenibili. La scala è blu scuro (miglior punteggio) o rosso (punteggio più basso). Per i Paesi in grigio, i dati sono insufficienti.

I Paesi ricchi hanno i migliori sistemi alimentari
In fondo alla classifica: Giordania, Bangladesh, India e Madagascar, con un punteggio inferiore a 0,3. All'altra estremità, la Nuova Zelanda è prima, con 0,731, seguita da Svizzera e Canada. La principale potenza agricola europea, la Francia, non sta andando così male, con un undicesimo posto e un punteggio di 0,680. Più sorprendente gli Stati Uniti che sono al sesto posto, nonostante un alto tasso di obesità e di emissioni di CO2. In generale e nonostante i loro svantaggi, i sistemi alimentari dei Paesi ricchi sono considerati più duraturi di quelli dei Paesi in via di sviluppo. Con le loro gravi carenze di spreco alimentare, inefficienza energetica, malnutrizione, diversità e sviluppo economico, la maggior parte dei Paesi africani si trova nella zona arancione.

Uno strumento per l'analisi dell'impatto delle politiche pubbliche
"L'interesse di questo lavoro non è tanto quello di etichettare il sistema alimentare di un determinato Paese come "sostenibile" o "insostenibile", ma di offrire la possibilità di confrontarli tra loro e nel tempo”, dicono i ricercatori. “Questo strumento può essere estremamente utile per tracciare i progressi dei Paesi nel raggiungimento dei loro obiettivi di sostenibilità o per valutare l'effetto di un fattore particolare, e quindi identificare le strategie più efficaci". L'Algeria, ad esempio, ha visto raddoppiare il suo punteggio di sostenibilità tra il 2000 e il 2016, mentre quello dell'India è peggiorato di quasi il 9%.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Santé del 28/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori