testata ADUC
Plastica nei sacchetti del té. Studio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
26 settembre 2019 17:06
 
 Preferisci il tè nero, tè verde o tè ... con microplastiche? Sorge la domanda, mentre uno studio canadese, pubblicato il 25 settembre su “ACS Environmental Science & Technology”, rivela che le bustine di tè in plastica rilasciano, sotto l'effetto del calore, una moltitudine di microparticelle nell'acqua. Queste buste, spesso dall'aspetto setoso, sono apparse recentemente sul mercato di tè e tisane, accanto ai sacchetti di carta più tradizionali.
Il team di ricercatori ha deciso di analizzare le bustine di quattro diversi marchi, di cui non rivelano i nomi. Dopo aver scartato i piccoli contenitori di filo metallico dalle foglie di tè che contenevano, sono stati sciacquati con acqua pulita per rimuovere eventuali contaminanti e quindi infusi in acqua a 95 gradi C per 5 minuti. che si avvicina alle condizioni standard d'uso.
I loro risultati sono significativi: non solo l'infusione dei sacchetti porta alla contaminazione dell'acqua con materiale plastico - nylon o PET (polietilene tereftalato), a seconda della natura della bustina analizzata - ma il numero di particelle "liberate" è anche astronomico. Una singola bustina di tè può rilasciare più di 2 milioni di particelle di plastica con dimensioni comprese tra 1 e 150 micron e circa 15 miliardi di particelle che misurano meno di 1 micrometro (circa il 20% di nanoparticelle, diametro meno di 100 nanometri). Alla fine, 13-16 microgrammi di plastica finiscono nell'acqua di una tazza di tè.

Effetto della temperatura
"È molto paragonabile ad altri alimenti contaminati da microplastiche", afferma Nathalie Tufenkji, professore alla McGill University di Montreal e autore principale dello studio. È stato dimostrato che il sale da cucina, ad esempio, contiene circa 0,005 microgrammi di plastica per grammo. Questa differenza potrebbe essere in parte dovuta a una migliore prestazione del microscopio elettronico utilizzato nello studio canadese, ma l'unico aspetto metodologico non può spiegare un tale divario, afferma il ricercatore.
Inoltre, e sebbene il nylon e il PET siano materie plastiche per uso alimentare, i ricercatori hanno identificato un chiaro effetto della temperatura: gestito nelle stesse condizioni ma a temperatura ambiente (22 gradi C), una bustina rilascia circa 300 volte in meno di particelle.
Basta navigare in Internet per vedere che diversi marchi commercializzano tè o tisane confezionati in sacchetti di plastica, principalmente nylon, a volte polipropilene. Quest'ultimo non è stato testato in questo studio.

Valutazione richiesta dall'OMS
Queste micro e nanoplastiche rappresentano un rischio per la salute umana? Difficile da saperlo. Gli scienziati hanno condotto studi preliminari sulla dafnia, un piccolo crostaceo d'acqua dolce comunemente usato per determinare la tossicità acuta delle sostanze chimiche, che ha suggerito un impatto biologico delle microplastiche. I dafnidi esposti hanno mostrato anomalie anatomiche e la loro mobilità è stata compromessa in modo dose-dipendente.
Mentre è dimostrata la presenza di queste microparticelle nel cibo, nell'aria e nell'acqua, "la questione del loro impatto sull'uomo e sugli organismi sta chiaramente crescendo", afferma Johnny Gasperi, docente presso il laboratorio acqua, ambiente e sistemi urbani (LEESU, Università Paris-Est-Créteil).
L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha invitato alla fine di agosto "a condurre una valutazione approfondita delle microplastiche presenti nell'ambiente e delle loro potenziali conseguenze per la salute umana", quando è stata pubblicata una sintesi di recenti conoscenze sulle microplastiche nell'acqua potabile. A causa delle loro dimensioni, queste particelle potrebbero essere assorbite dall'organismo attraverso il tubo digerente.
In attesa di ulteriori informazioni, i ricercatori canadesi raccomandano di evitare l'uso non necessario di materie plastiche monouso e di favorire l'uso del tè sfuso o in sacchetti di carta.

(articolo di Sylvie Burnouf, pubblicato sul quotidiano Le Monde del 26/09/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori