testata ADUC
Obesità e sottoalimentazione: i due aspetti della malnutrizione
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 dicembre 2019 15:58
 
  L'arrivo di alimenti ultra trasformati, saturi di calorie vuote e privi di nutrienti essenziali, è la causa dell'emergenza in alcuni Paesi poveri, e in misura minore nei Paesi sviluppati, della presenza simultanea, nella stessa famiglia o nello stesso individuo, di un ritardo di crescita di solito causato dalla denutrizione e dall'obesità grave, che di solito è il risultato di un eccesso di cibo. Questo fenomeno si verifica quando la dieta è troppo ricca di calorie e priva di composti necessari come aminoacidi e acidi grassi essenziali, vitamine, minerali o persino oligoelementi. Alcuni studi in merito sono pubblicati sulla rivista The Lancet.

Una convivenza devastante
In oltre un terzo dei Paesi poveri, principalmente nell'Africa sub-sahariana, nell'Asia meridionale e orientale, negli ultimi decenni sono comparse nuove forme di malnutrizione. Se la fame nel mondo è sempre stata un grosso problema in queste regioni, ora stiamo assistendo, grazie all'avvento di fast food e alimenti iperindustrializzati, alla combinazione di sovrappeso e ritardo di crescita. Se anche solo una di queste condizioni pone già seri problemi di salute, a volte gravi, quando agiscono in sinergia, è un disastro. Questi due problemi di salute pubblica stanno causando danni da diverse generazioni. Possiamo quindi immaginare che la progenie di persone con queste nuove forme di malnutrizione finisca per esacerbare i problemi di salute.

La responsabilità dei sistemi alimentari
Il tempo a disposizione per i Paesi ricchi poveri e denutriti è finito. Secondo il direttore del dipartimento Nutrizione per la salute e lo sviluppo dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), "Tutte le forme di malnutrizione hanno un unico denominatore, vale a dire i sistemi alimentari che non forniscono alle persone alimenti sani, sicuri e sostenibili, e ad un prezzo accessibile. La risoluzione di questo problema richiederà un'azione a vari livelli del sistema alimentare, dalla produzione e trasformazione al consumo e ai rifiuti, comprese le vendite, la distribuzione, i prezzi, la commercializzazione e l'etichettatura. Tutte le politiche e gli investimenti in questo settore dovranno essere radicalmente rivisti". Dobbiamo quindi ripensare l'intero funzionamento dei nostri sistemi alimentari. La sfida non è sradicare la fame dal mondo, ma sradicare la malnutrizione in tutte le sue forme.

Come combattere?
Il comune denominatore di queste nuove forme di malnutrizione è la profonda modifica dell'approvvigionamento alimentare. Dobbiamo garantire l'accesso a cibi sani e vari attraverso i nostri sistemi alimentari del futuro e limitare gli alimenti industriali ultra trasformati. I mercati tradizionali stanno diventando rari e i supermercati si stanno moltiplicando, il che non è inevitabile. Alcuni prodotti di marca basano il loro commercio su prodotti freschi e, se vogliamo mangiare bene, dobbiamo promuovere queste catene a a svantaggio di altre. Senza questo, il doppio onere della malnutrizione (denutrizione e sovrappeso) nelle donne in gravidanza, quindi nei bambini piccoli e nei bambini, aggrava facilmente i problemi di salute prevenibili con alimenti di qualità in tutte le fasi di vita. Ma questo non è ancora disponibile ed economicamente accessibile.
Secondo l'OMS, "Ciò può includere, ad esempio, migliori cure prenatali e pratiche di allattamento al seno, assistenza sociale o nuove politiche per i sistemi agricoli e alimentari il cui obiettivo principale è il cibo sano. Il problema è sistemico e pertanto tutte le parti interessate devono esserne coinvolte, dai governi alla società civile, compresi accademici, media, benefattori e settore privato". L’OMS conclude quindi che "data l'economia politica del cibo, la mercificazione dei sistemi alimentari e la crescita delle disuguaglianze nel mondo, sarà necessaria una comunità allargata di attori per affrontare la nuova realtà nella nutrizione. Questi attori devono lavorare interconnessi su scala globale e rafforzarsi reciprocamente. Senza una profonda trasformazione dei sistemi alimentari, i costi economici, sociali e ambientali dell'inazione impediranno la crescita e lo sviluppo di persone e società per decenni".

(articolo di Jiulien Hernadez pubblicato su Futura-Sciences del 23/12/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori