testata ADUC
Legalizzazione marijuana in Canada dal 17 ottobre. Informazioni chiave da conoscere
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 ottobre 2018 13:12
 
Il Canada sta legalizzando l'uso per gli adulti della marijuana a partire dal prossimo 17 ottobre e sarà il secondo e il più grande Paese a farlo. Il governo federale ha stabilito le linea generale della legge sulla legalizzazione, ma ha lasciato alle province e ai territori la possibilità di regolamentare alcuni dei dettagli, ad esempio se consentire l’autocoltivazione presso il proprio domicilio, stabilire l'età per acquisto tra 18 o 19 anni e se vendere attraverso negozi gestiti dalle pubbliche amministrazioni o da privati.
A seguire uno sguardo su come apparirà l'industria, nonché alcune differenze fondamentali tra l'approccio canadese e quello dei nove Stati americani che hanno legalizzato la cosiddetta marijuana ricreativa
CHE COSA E' CONSENTITO
Il Canada Cannabis Act consente alle persone di 18 anni di acquistare marijuana online o nei negozi al dettaglio. La maggior parte delle province ha alzato l'età minima a 19 anni, così da uniformarsi con l'età degli alcolici. Negli Stati Uniti, gli Stati con la legalizzazione ricreativa hanno un limite di età di 21 anni, che corrisponde all'età degli alcolici. La legge canadese stabilisce un limite di 30 grammi per ogni acquisto e/o possesso in pubblico. Poco più di un oncia, che è il limite di possesso in tutti tranne uno degli Stati degli Usa dover la cannabis è legale: il limite del Maine è di 2,5 once (71 grammi). Tuttavia, non c'è limite a quanta cannabis i canadesi possono possedere nelle loro case. La legge canadese consente anche ai residenti di coltivare fino a quattro piante in casa, anche se due province - Quebec e Manitoba - hanno scelto di vietare la crescita domestica. Stati degli Usa tra cui California, Nevada, Alaska e Colorado consentono la coltivazione in casa fino a sei piante.
CHE COSA E' DISPONIBILE
A differenza degli Stati Uniti, dove sono disponibili molti tipi di prodotti, il Canada consente al momento la vendita di soli fiori di cannabis essiccati, tinture, capsule e semi. Ci si aspetta che gli alimenti e i concentrati infusi con marijuana siano disponibili in circa un anno. I residenti di tutto il Canada potranno acquistare marijuana online, attraverso i siti web gestiti da ogni provincia, una risorsa utile per gli utenti di cannabis che abitano in quelle città in cui potrebbe essere vietata la vendita nei negozi. La maggior parte delle province avrà alcuni negozi già aperti il ??prossimo mercoledì 17 ottobre: dai 20 nel New Brunswick a un solo negozio nella British Columbia. Si prevede che altre centinaia saranno aperti a livello nazionale nel prossimo anno. Le tasse federali ammonteranno a $ 1 per grammo o al 10 percento, a seconda di quale importo sia maggiore. Il fisco federale tratterrà per sé un quarto di questa imposta mentre il resto rimarrà alle province, che potranno aggiungere i loro ricarichi. I consumatori pagheranno anche le tasse locali di vendita.
COINVOLGIMENTO DEL GOVERNO
Una differenza fondamentale tra i modelli canadese e americano è il coinvolgimento del governo. Il principale sforzo federale negli Stati Uniti è quello di far rispettare le leggi sulle droghe che trattano ancora la marijuana come sostanza controllata. In Canada, il governo federale regola i produttori. Finora il Canada ha concesso la licenza a circa 120 coltivatori. Le province hanno il compito di supervisionare la distribuzione. Alcuni compreranno la marijuana all'ingrosso e la consegneranno ai negozi al dettaglio e, attraverso il servizio postale federale, ai clienti online. Il coinvolgimento del governo nella distribuzione potrebbe aiutare a controllare i prezzi, mantenendoli a un livello competitivo rispetto al mercato nero senza che la sovrapproduzione possa minacciare la redditività dei produttori autorizzati, dicono gli esperti. In alcuni stati degli Stati Uniti, in particolare nell'Oregon, un eccesso di offerta legale ha sollevato preoccupazioni sul fatto che il prodotto sia stato dirottato verso altri Stati.
LO SPETTRO DEI REGOLAMENTI
L'unico altro Paese ad aver legalizzato la marijuana è l'Uruguay del Sud America, che ha adottato un approccio estremamente regolamentato e rigoroso. Lì, le farmacie vendono agli adulti di età superiore ai 18 anni, che possono acquistare cannabis fino a 40 grammi al mese - una quantità tracciata con il riconoscimento delle impronte digitali. Sono disponibili solo due tipi di cannabis. All'altro estremo della regolamentazione ci sono alcuni Stati degli Stati Uniti, dove la legalizzazione ha provocato una sorta di corsa verde, con le aziende che cercano di fare business vendendo prodotti che vanno dalle cartucce di vape ai giunti pre-laminati e alle bibite infuse. Il Canada è in qualche modo nel mezzo. Alcuni produttori autorizzati sono grandi aziende, ma ci sono anche regole severe sull'imballaggio per evitare approssimazioni e il divieto di diversi tipi di pubblicità sulla marijuana, tra cui quelle in cui si vedono giovani consumatori o persone famose che ne fanno uso.
GUIDA DEI VEICOLI E PROBLEMI ALLE FRONTIERE USA
Alcuni Stati degli Stati Uniti, tra cui Washington e Colorado, testano il sangue di un guidatore per verificare che non contenga tracce del consumo di marijuana. In Canada, le autorità di polizia per ora si limiteranno ai metodi tradizionali per far rispettare il codice della strada, ma alcune province pensano di adottare dei test della saliva, ma in merito sono in attesa di una normativa da parte del governo federale. Le autorità hanno posto dei cartelli sui confini canadesi per avvisare i viaggiatori che è illegale portare la marijuana negli Stati Uniti, ma alcuni potrebbero non rendersene conto. Lo stesso vale per coloro che dicono alle autorità statunitensi che attraversano il confine perché vanno a lavorare nell'industria legale canadese. "Avremo un grosso problema al confine tra Canada e Stati Uniti", ha affermato Peter MacKay, ex giudice conservatore, ministro della Difesa e degli Esteri. "Saranno migliaia se non centinaia di migliaia di canadesi che improvvisamente non potranno entrare negli Stati Uniti.".

L’agenzia stampa Associated Press ha organizzato una copertura mediatica in materia. Tutti gli aggiornamenti quotidiani di cronaca e normativi si possono leggere a questo link: http://apnews.com/tag/LegalMarijuana
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori