testata ADUC
Legalizzazione cannabis in Sudafrica. Ci manca proprio poco…
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 dicembre 2018 11:32
 
Il 2018 è stato definito "l'anno della cannabis" in Sud Africa. Ma ci sono ancora ostacoli prima che un'industria legale della marijuana possa prosperare in un potere economico africano ritenuto ideale per la coltivazione su larga scala. I sostenitori si sono sentiti confortati dalla decisione della Corte costituzionale che a settembre ha confermato la legalizzazione del consumo per maggiorenni e la coltivazione privata di piccole quantità. Una fiera sulla cannabis nella capitale, Pretoria, questo mese è stata la prima in Africa, secondo gli organizzatori. Tuttavia, comprare e vendere cannabis per scopi ricreativi rimane illegale, e un meccanismo oneroso di licenze ostacola la coltivazione e la vendita di marijuana medica. Anche se la pianta di cannabis materialmente non era presente alla fiera, l’iniziativa è servita a far riflettere sul fatto che la cannabis ha un grande potenziale commerciale, in particolare per l'esportazione. Man mano che i visitatori si informavano sulle tecniche e le attrezzature alla bisogna e sui prodotti correlati alla cannabis, i promotori hanno evidenziato come si stanno sviluppando i grandi mercati al consumo in Europa e il successo quest’anno della legalizzazione canadese della marijuana ricreativa, e come una tendenza simile a livello statale sia in atto negli Stati Uniti. "Sono finiti i giorni della stigmatizzazione del pigro fumatore di canne, chiuso in casa", ha detto Andrew Lawrie di Schindlers Attorneys, una società sudafricana che ha un dipartimento dedicato alla legge sulla cannabis. "La cannabis ormai c’é, ma ora stiamo parlando di industria, di società, di tasse". Alcuni pionieri del settore potrebbero ancora affrontare il rischio di responsabilità penali in attesa della prossima iniziativa del parlamento sudafricano per armonizzare le leggi sulla cannabis alla sentenza della Corte costituzionale, ha dichiarato Lawrie in un'intervista. Alla fiera, lui e un collega hanno distribuito pacchi di cartine per sigarette con lo slogan "Rolling In Style" e il nome del loro studio legale. Anche dei "cannab-cocktail" erano in vendita, mentre l’idratante per le labbra Mango Monkey era in mostra. Aziende specifiche esponevano la loro “Casa della Canapa”.
Il direttore dell'Expo, Silas Howarth, ha affermato che esiste già "un'industria legale sana e forte" di prodotti a base di cannabis in Sud Africa, tra cui una bevanda energetica e una birra (Durban Poison, dal nome di una varietà di cannabis) che utilizza olio di semi di canapa in produzione ed è senza THC, la principale componente psicoattiva della pianta. Alcune farmacie sudafricane offrono anche prodotti che non alterano la mente delle persone "anche se sono richieste prescrizioni”. Alcuni guaritori tradizionali usano la cannabis nei trattamenti. Il potenziale di crescita per il Sudafrica come fornitore di cannabis potrebbe essere "massiccio", poiché il mercato globale per la cannabis medica si espande e le leggi sull'uso ricreativo sono sempre più permissive, ha affermato Howarth. Non ha comunque dato una cifra in dollari per la previsione di questo commercio in Sudafrica.
Il piccolo Paese montuoso del Lesotho, circondato dal Sud Africa, ha già concesso autorizzazioni ad alcune compagnie straniere per coltivare ed esportare marijuana medica.
Altre nazioni della regione, incluso lo Zimbabwe e il Malawi, si stanno muovendo in una direzione simile.
In Sud Africa, "legalmente esistono le norme per rilasciare le licenze e non c'è nulla che le fermi in questo momento ... Tutti dicono ‘domani’ - tutti i giorni, ma questo domani arriverà presto", ha detto Neta Isralls, responsabile tecnico di Vegtech, un'azienda sudafricana specializzata in agricoltura in serra e che aveva un proprio stand alla fiera. "È un processo molto chiuso", ha detto Isralls. "Non è che inizieranno a rilasciare licenze e 1.000 persone in tutto il Paese improvvisamente otterranno licenze. Quando lo faranno, saranno le persone che hanno già investito un sacco di soldi per mettere su strutture di tipo farmaceutico che saranno pronte ad andare avanti". Il Sudafrica ha un buon clima per la crescita della cannabis, localmente chiamata "dagga", e bassi costi di manodopera e produzione rispetto alle nazioni consumatrici occidentali.
Rob Davies, ministro del commercio e dell'industria, ha affermato che il governo sta valutando il potenziale del Sudafrica per diventare "un attore attivo" nel mercato dei prodotti correlati alla cannabis.
La sentenza della Corte costituzionale che consente l'uso privato della cannabis "costringerà a un ripensamento di tutta la legislazione e potrebbe vedere il governo autorizzare la produzione di massa di marijuana a scopo medico", ha dichiarato il mese scorso la Federazione Sudafricana dei sindacati. Si potrebbero assumere e organizzare in modo che "i lavoratori nel nuovo settore siano protetti".
Il Parlamento dovrebbe determinare presto quale quantità di marijuana sia ritenuta accettabile per uso personale e per la coltivazione, dal momento che la Corte costituzionale non ha fornito indicazioni specifiche. Per ora, spetta alla polizia barcamenarsi in merito, il che significa che i consumatori dovrebbero essere particolarmente cauti, secondo l’avvocato Lawrie. "In questo momento, stiamo consigliando alle persone di mantenere un profilo basso e di controllarsi". La speranza, ha detto Lawrie, è che il Parlamento non solo stabilisca linee guida per l'uso personale, ma che vada oltre, "verso la liberalizzazione del commercio locale".

(da un lancio dell’agenzia Associated Press – AP del 24/12/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori