testata ADUC
Come si lavora nei quartieri poveri argentini per combattere le droghe
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 giugno 2021 10:30
 
Dopo aver trascorso 10 anni in prigione e quattro anni vivendo per strada, Óscar González ha trovato il suo scopo nell'Hogar de Cristo, un centro di quartiere che accompagna le persone con dipendenze da diverse droghe, in particolare la pasta a base di paco - cocaina (PBC). “Allora prendevo alcol etilico e pillole. Mangiavo dalla spazzatura e vivevo con i topi. In un angolo di Avenida 9 de Julio. Un giorno, più di 10 anni fa, ho rubato del denaro. Ho finito con un taglio alla testa e alla bocca. Da lì sono andato alla Casa, che è vicino a Villa 21-24, dove mi hanno accolto con abbracci”, racconta l'uomo di 47 anni.

La Federazione Familia Grande Hogar de Cristo è una rete di centri di quartiere creata da sacerdoti cattolici che vivevano nelle periferie della Città di Buenos Aires. La prima struttura nasce nel 2008 a Villa 21-24, una delle più povere della capitale, con una messa di monsignor Jorge Mario Bergoglio, oggi papa Francesco. In questo momento, la federazione raggruppa 190 spazi in 19 province dell'Argentina e ha già aiutato più di 20.000 persone a curare le loro dipendenze. L'organizzazione ha messo in evidenza che l'uso di droghe nei quartieri informali era un sintomo di un problema molto più ampio di esclusione sociale. Molte persone che si sono avvicinate vivono in alloggi scadenti, hanno un accesso inadeguato ai servizi pubblici, subiscono violenze, sono disoccupati e la risposta statale che ricevono è insufficiente.

"Tutti i centri nascono da una richiesta dei quartieri e delle comunità che soffrono", afferma Pablo Vidal, coordinatore dell'area delle dipendenze di Cáritas Argentina e uno dei riferimenti della federazione a livello nazionale. González afferma di essere stato prossimo a morire ben quattro volte perché non stava assumendo i farmaci prescritti. Oltre alla sua dipendenza e all'HIV, ha contratto la tubercolosi. “Quando Jorge Bergoglio è diventato Papa, ero in terapia intensiva. Quel giorno ricordo di aver detto che avevo bisogno di un'altra possibilità. Nel 2014, Hogar de Cristo mi ha mandato a Roma per vedere Sua Santità, pensando che fossero i miei ultimi anni. Da quando sono tornato da quel viaggio, la mia vita ha cominciato a cambiare. Mi sono resa conto che se non avessi preso il mio trattamento, non avrei potuto aiutare gli altri".

Oggi González è uno dei compagni della Casa Masantonio, situata accanto all'Hogar de Cristo in Villa 21-24, che fornisce un supporto completo agli utenti di paco e ai pazienti con HIV e tubercolosi. Lo spazio è conosciuto dai vicini come il piccolo ospedale. “Accompagno persone che stanno per morire. Gli diamo le medicine e il cibo. Quando non vengono li cerchiamo”, dice. In gennaio e febbraio, González si è recato a Salta, una provincia nel nord dell'Argentina, per visitare la città di Pichanal. C'è un'area picnic frequentata dai frati dove mangiano 1.000 ragazzi della comunità indigena Ava Guaraní. E González, come missionario, si è reso disponibile a collaborare.

L'esempio di altri ex utenti come Vidal indica le chiavi del metodo implementato nell'Hogar de Cristo. In primo luogo, viene riconosciuta la dignità umana di tutti coloro che arrivano. I centri di quartiere li accolgono così come sono, indipendentemente dal loro passato. In secondo luogo, ogni gruppo di lavoro esamina la situazione di ciascuno e fornisce un supporto completo. Terzo, i centri ricevono in qualsiasi momento e in qualsiasi circostanza. Questo significa mettere da parte comfort, sicurezza e prevedibilità e aprirsi a persone che arrivano nelle condizioni più complesse.

Una delle strategie dell'organizzazione fa perno sui ragazzi che sono più avanzati nelle cure per organizzarsi a trovare gli altri e avvicinarli alla Casa. "Il quartiere stesso va a cercare i suoi residenti", dice Vidal. González partecipa a questa iniziativa. “Siamo usciti con un thermos, biscotti e bicchieri. Ci avviciniamo alle rancheadas, che sono le piazze o gli angoli dove i ragazzi si riuniscono. Ci siamo seduti con loro, abbiamo bevuto mate e abbiamo parlato loro della Casa. Li invitiamo a venire a mangiare e fare il bagno", afferma González. Una volta che la persona si avvicina e ripone la sua fiducia nella Casa, inizia un processo lungo e complesso. “Questa è una cosa complessa. È un lavoro artigianale. Chiedi a ciascuno di loro cosa vogliono fare in quel momento. Per molto tempo, alcuni vengono solo per mangiare e fare il bagno. Scommettiamo sul percorso personale di ciascuno. Quando si prendono delle iniziative, la domanda è maggiore”, spiega Vidal.

L'équipe di psicologi, assistenti sociali e volontari fa sì che le persone che frequentano i centri di quartiere formino relazioni solide e senso di appartenenza alla comunità. Le attività dell'Hogar de Cristo comprendono la fornitura di pasti, vestiti e l'accesso a una doccia. Inoltre, ci sono gruppi terapeutici, laboratori teatrali, cinema, calcio, formazione al lavoro e spazi per la prima infanzia. I volontari che sono nella Casa da più anni e che sono quasi riabilitati, hanno il compito di stare all’accoglienza per chiunque entri, cucinare, passare la scopa o fare la prima cosa che viene in mente. “Mettersi al servizio degli altri e sentirsi utili dà loro significato. Tra loro c'è un grandissimo sconforto e pensano di non poterne uscire. Quando vedono che la persona che prima consumava droghe ora accompagna gli altri, intorno a loro si genera la speranza”, sottolinea Vidal.

Secondo una ricerca condotta da Ann Elizabeth Mitchell, docente presso la Facoltà di Scienze Economiche dell'Università Cattolica Argentina (UCA), con poche eccezioni, le persone che frequentano l'Hogar de Cristo percepiscono un miglioramento generale del loro benessere da quando hanno iniziato a frequentare il centro di quartiere. I cambiamenti positivi più diffusi sono una riduzione della frequenza del consumo di droga e un miglioramento della cura della persona, dei rapporti con se stessi e con la famiglia. Un'altra opportunità che spesso si sperimenta è l'accesso a una soluzione abitativa. L'inserimento territoriale è un aspetto che differenzia Hogar de Cristo da altre alternative terapeutiche. Avere libertà di movimento e mantenere i contatti con la famiglia consente loro di assumersi la responsabilità del loro processo di riduzione dei consumi. Le persone che frequentano i centri rimangono vicine alla realtà che le ha portate a consumare droghe e cercano di evitarlo nello stesso ambiente.

Lavoro di comunità, anche in tempo di pandemia
Hector Sandonato ha 54 anni ed è venuto a Hogar de Cristo nel 2014 per insegnare taekwondo come volontario. All'inizio non ha detto che per 18 anni aveva fatto anche uso di droghe. Come parte del suo trattamento, si è formato come operatore terapeutico e oggi sta perseguendo una carriera nel lavoro sociale. Soffriva di epatite C e l'organizzazione lo ha aiutato a portare a termine il trattamento, gestito attraverso una donazione della Fondazione Leo Messi. Oggi, Sandonato accompagna altre persone che iniziano il loro percorso per smettere di consumare e durante la pandemia si è occupato del triage, che consiste nel ricevere le persone all’ingresso e nel controllare che non entrassero con sintomi di covid-19.

Con l'arrivo della pandemia i centri si sono dovuti riorganizzare. Erano sempre tenuti aperti e fornivano posti letto quando le restrizioni alla mobilità erano più dure. “Molti ragazzi e ragazze che sono nelle famiglie e continuano a consumare droghe, erano responsabili delle richieste alimentari dei quartieri popolari. Cucinavano e portavano il cibo ai vicini che presentavano fattori di rischio. Si sono esposti e sono scesi in piazza. È così che i più emarginati si sono fatti avanti per sostenere il lavoro di comunità”, riflette Vidal.

Il sacerdote Lorenzo de Vedia, detto Padre Toto, guida la parrocchia Virgen de los Milagros de Caacupé di Villa 21-24 de Barracas, a Buenos Aires. Crede che la pandemia porti nuove sfide. “Oggi vedi più ragazzi e ragazze per le strade. Crescerà la necessità di accompagnarli sulla strada della ripresa. Le iniziative delle Case di Cristo dovranno essere ulteriormente rafforzate”, afferma. Nel 2013, Marcelo Fuentes è entrato in contatto con l'Hogar de Cristo nel quartiere Bajo Flores. L'uomo di 44 anni racconta: “Ho abbandonato i miei figli per 10 anni per aver scelto la droga. Ho fatto diversi tentativi per smettere di consumarla e non ci sono mai riuscito. Un giorno sono andato a chiedere aiuto al sacerdote locale e lui mi ha avvicinato a questo spazio. A quel tempo a Villa Soldati non esisteva un centro. Alla fine, ho fatto il mio recupero lì. Mi hanno ricevuto dalla strada, quando non avevo niente. Mi hanno dato un piatto di cibo e un tetto. Mi hanno insegnato tutto quello che so”. Ora, Fuentes fa parte del team terapeutico dell'Hogar de Villa Soldati, il suo quartiere d'infanzia, dove vive ancora sua madre. “La guarigione dei miei problemi era nel servizio, nel dedicarmi all'altro. Durante il mio trattamento, ho iniziato a studiare per diventare un compagno terapeutico. Oggi ne sono il coordinatore”, dice. Gli aiuti sono disponibili per questo progetto 24 ore al giorno. Fa notare che quando accompagna altre persone che consumano droghe, le chiamate vengono ricevute in qualsiasi momento. E aggiunge: “questo ha cambiato la vita del quartiere. Tutto il gruppo con cui si è abituato ora è alla Casa e accompagna altre persone a lasciare il percorso della droga”.

(Florencia Tuchin, Planeta Futuro/El Pais del 04/06/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori