testata ADUC
Cannabis terapeutica. I benefici sugli anziani in Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
9 dicembre 2018 8:29
 
 Shari Horne si è rotta le dita dei piedi una decina di anni fa e, dopo l'intervento chirurgico, "ho delle placche, spine e viti ai piedi, e a volte mi fanno male", ha detto.
Così la signora Horne, 66 anni, applica un balsamo contenente cannabinolo, derivato dalla pianta di cannabis o dalla marijuana. Allevia il dolore
La pomata non l’ha aiutata quando ha avuto la borsite sulla sua spalla, ma una tintura di cannabinolo mescolato con THC, l'ingrediente psicoattivo della cannabis, le ha dato sollievo.
Usando una pipa, fuma anche "alcuni tiri" di un marchio di cannabis chiamato Blue Dream dopo cena, perché "Penso che il relax sia salutare per te."
Molti dei suoi vicini a Laguna Woods, in California, una comunità per lo più di anziani nella Contea di Orange, dove lavora nel Consiglio Comunale, hanno una una routine simile.
"La gente di 80 e 90 anni, anche alcuni colonnelli dell'Aeronautica in pensione, stanno trovando un tale sollievo" con la cannabis, ha detto la signora Horne. "Quasi tutti quelli che conosco la usano in una forma o nell'altra" - incluso il marito Hal, 68 anni, un broker assicurativo in pensione, che dice che la cannabis lo aiuta a dormire.
Molti anziani di Laguna Woods usano cannabis medica - per disturbi che vanno dall'artrite e dal dolore ai nervi del diabete alle lesioni alla schiena e all'insonnia – grazie al dispensario locale, Bud e Bloom, che noleggia un autobus gratuito per portare gli abitanti nella sua sede di Santa Ana dove li rifornisce. Insieme ad un pranzo, questi viaggiatori hanno anche uno sconto per gli anziani.
I medici che trattano gli anziani si aspettano che il loro uso di cannabis cresca, così come continua a crescere il numero di Stati che legalizzano la marijuana medica.
Dopo le elezioni di mid-term, quando gli elettori dell’Utah e del Missouri hanno approvato l'uso medico, 33 Stati e il Distretto di Columbia hanno legalizzato la marijuana medica, insieme a dieci Stati che hanno anche legalizzato l'uso ricreativo.
Sebbene il governo federale continui a mettere al bando la cannabis, classificata come droga “Schedule I” insieme all'eroina (il che significa che non avrebbe alcun valore terapeutico), secondo i sondaggi, il sostegno pubblico è fortemente cresciuto in favore della legalizzazione.
Questo sostegno potrebbe aumentare quando la generazione dei baby boomer, spesso non estranei alla marijuana, avranno l’età dei loro genitori che erano invece molto scettici in merito. Le persone tra i 50 e i 64 anni hanno maggiori probabilità di usare la marijuana che non i loro genitori più anziani.
"Potrebbe non piacerti", dice il dottor David Casarett, capo delle cure palliative al Duke University Medical Center. "Potresti non crederci. Ma i tuoi pazienti stanno usando questa roba". Questo medico e il dottor Joshua Briscoe, uno psichiatra del Duke, anche lui esperto in cure palliative, sono co-autori di un recente articolo sulla marijuana medica e sugli anziani pubblicato sul Journal of American Geriatrics Society. Sostengono la legalizzazione per uso medico. Sperano che il governo federale riclassifichi la cannabis ("una grande opportunità", ha ammesso il dott. Briscoe), ponendo meno ostacoli alla tanto necessaria ricerca. "Siamo sempre alla ricerca di un farmaco migliore che possa trattare il dolore e una miriade di altri sintomi senza pesanti effetti collaterali, e la cannabis è promettente" come trattamento per una serie di situazioni, ha detto il dottor Briscoe.
La loro visione - insieme a un importante rapporto dell'anno scorso delle Accademie nazionali delle scienze, dell'ingegneria e della medicina – ha messo in evidenza una serie di disturbi per i quali la cannabis sembra avere effetti terapeutici.
Ma i ricercatori sono preoccupati sul fatto che le persone anziane stiano essenzialmente avviandosi ad un auto-trattamento, con scarsa assistenza da parte di professionisti del settore medico.
I consumatori di cannabis si trovano di fronte a una serie di opzioni non chiare, tra cui i vari ceppi e marchi della sostanza e i molti metodi di assunzione: fumo, vaping, tinture, commestibili, creme o cerotti. I consumatori potrebbero anche incappare in effetti collaterali potenzialmente dannosi.
Quando Joy Kavianian, 55 anni, residente a Laguna Woods, con il morbo di Parkinson, voleva ridurre i suoi tremori sul lato destro in modo che potesse continuare a produrre ceramiche, una ricerca di una certa considerazione poneva molte domande sulla cannabis. "Non sapevo come questa si sarebbe combinato con le mie altre medicine". "Come avrebbe condizionato il mio dormire? L'unica risposta è stata assumerla lentamente e vederne gli sviluppi”. Ha imparato che una tintura, posizionata sotto la lingua circa 40 minuti prima di andare nella sua bottega artigiana, le concede quattro ore per lavorare con efficacia. Ma questa scoperta ha richiesto settimane di tentativi ed errori.
"Il sostegno sociale e la legislazione stanno superando la ricerca", ha detto il dottor Briscoe. "Se consiglio di prendere una certa dose per una patologia ed è quella giusta, non c’é un’evidenza e certezza scientifica".
Cosa comportano gli esperimenti ancora limitati per le persone anziane? Il caso più evidente, ha detto il dottor Casarett, è che la cannabis può ridurre il dolore neuropatico, a volte causato da diabete, fuoco di Sant'Antonio o chemioterapia, senza gli effetti tossici degli oppioidi.
Alcuni studi hanno anche dimostrato che la cannabis allevia la nausea e il vomito che spesso segue la chemioterapia. In effetti, la Food and Drug Administration ha approvato due farmaci sintetici a base di THC, ma alcuni pazienti sostengono che fumare la cannabis reale funzioni meglio.
La cannabis sembra alleviare gli spasmi muscolari nelle persone con sclerosi multipla, anche se la ricerca è poca in merito, oltre a migliorare l'appetito nei pazienti con cancro o AIDS - sostiene il dottor Briscoe. "Molti pazienti giurano che sia l'unica cosa che li aiuta a dormire", ha aggiunto. Ma mentre la conciliazione del sonno è conseguenza spesso dell'uso di cannabis, è modesta l'evidenza scientifica che migliori in modo affidabile il sonno. Anche i suoi effetti sull'ansia e la depressione non sono chiari.
E come ogni droga, la cannabis ha effetti collaterali, alcuni di di un certo rilievo per i consumatori più anziani, che metabolizzano i farmaci in modo diverso dagli adulti più giovani. Le vertigini, ad esempio, possono portare a cadute dannose. L'uso di marijuana è anche associato ad un aumentato rischio di incidenti automobilistici, quindi il dott. Casarett e il dott. Briscoe consigliano ai pazienti anziani di non guidare per sei-nove ore dopo l'uso, a seconda anche del metodo di assunzione. Inoltre, "si parla molto degli effetti cognitivi a lungo termine negli adulti", ha detto il dott. Casarett. Ma non ci sono prove che i consumatori di marijuana medica siano maggiormente a rischio rispetto a quando fanno uso di farmaci tradizionali.
Y. Tony Yang, un ricercatore sui servizi sanitari e sulla loro politica politica presso la George Washington University, ha recentemente sostenuto in un editoriale di JAMA Neurology che la decisione di giugno scorso da parte della F.D.A. avrà conseguenze di vasta portata. L'agenzia ha approvato Epidiolex, il primo farmaco a base di CBD che può essere prescritto e venduto legalmente negli Stati Uniti, per ridurre le convulsioni in rare forme di epilessia adolescenziale. "Un medico può ora prescrivere questa off-label per tanti altri usi", ha detto il dottor Yang. "E dal lato della ricerca, questo potrebbe aprire la strada a studi clinici controllati per altri scopi".
Le assicurazioni sanitarie potrebbero rifiutarsi di coprire l'uso off-label, ha detto. Medicare, ad esempio, non copre la cannabis medica e non coprirà i farmaci usati off-label. I viaggiatori in autobus di Laguna Woods spesso pagano da $ 100 a $ 200 al mese per prodotti a base di cannabis, una impresa finanziaria per alcuni.
Ma persone come Catherine McCormick, che ha 53 anni, trovano che valga la pena spendere questi soldi. Per ridurre il dolore dopo un intervento chirurgico che le ha sostituito il ginocchio, ha assunto alte dosi di ibuprofene, "troppo vino" e diversi farmaci da prescrizione, tra cui ossicodone, benzodiazepine e un antidepressivo. Si è liberata da tutti questi in pochi mesi fumando cannabis. Questo l’ha resa una persona che crede agi effetti medici di questa sostanza. "Ho più energia. Posso camminare", ha detto. "Non ho dolori. Mi sento molto meglio".

(articolo di Paula Span, pubblicato sul quotidiano The New York Times del 08/12/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori