testata ADUC
I bambini rivelano ciò che pensano veramente degli adulti. Studio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 agosto 2020 13:35
 
 Ogni genitore sa che a volte suo figlio dice qualcosa che crea una distanza. Un momento simile è arrivato per una di noi, Emma Maynard, quando suo figlio Oscar si stava avvicinando ai test SATS del sesto anno alla fine della scuola primaria. Nonostante i migliori sforzi della scuola per minimizzare l'entità dei test, sentiva la pressione.
Il ritmo a scuola era cambiato e lui si stava sintonizzando su alcune grandi aspettative. Davanti c'era la scuola secondaria, una mischia di adolescenti e tutta una serie di nuove pressioni sociali. Con gli occhi azzurri fissi determinati, ha lanciato uno sguardo alla mamma e ha detto: "Gli adulti non sempre capiscono bene, sai".
Questo è stato l'inizio di una conversazione in cui Oscar aveva molto da dire sulle decisioni degli adulti e sul posto della scuola nella sua vita. La conclusione è stata che altri amici potrebbero sentirsi allo stesso modo, o avere una visione completamente diversa, e che sarebbe interessante scoprirlo.
Come accademici, abbiamo deciso che questa potrebbe essere la base di un vero progetto di ricerca. Lavorando con il nostro collega Kayliegh Rivett, abbiamo iniziato a definirlo come un progetto di ricerca guidato dai bambini, con i bambini che progettano e realizzano le proprie ricerche, analizzano i loro dati e riportano i loro risultati in un documento di ricerca. Due anni dopo, il documento è stato finalmente pubblicato sul Journal of Qualitative Research in Psychology.
 
Bambini ricercatori
Il primo passo del progetto è stato quello di riunire un gruppo di nove bambini, già noti a Maynard e che si conoscevano tra di loro. Lo abbiamo fatto per garantire che i bambini avessero un ambiente confortevole e sicuro in cui lavorare. Abbiamo inviato a loro e ai loro genitori un video che spiega il progetto, con informazioni a misura di bambino e moduli di consenso, e fornito a ogni bambino appunti, penne, registratori vocali, bevande e snack.
Sentivamo fortemente che la natura di ciò che aveva detto Oscar rifletteva l'importanza delle voci dei bambini in un mondo dominato dagli adulti. Abbiamo quindi iniziato con un focus group in cui i bambini hanno pensato alle parole "gli adulti non sempre capiscono bene". Non abbiamo chiarito il significato o il contesto, lasciando che i bambini lo interpretassero da soli e abbiamo chiesto loro di trovare ulteriori domande da discutere.
La nostra prima lezione in questa avventura è stata di renderci conto di quanto i bambini si relazionano fortemente con una classe: nonostante fossero a casa dei loro amici con la mamma di Oscar, sono passati immediatamente alla modalità classe. Abbiamo notato che sembravano desiderosi di dare una risposta "giusta". Mani eccitate si alzarono per rispondere alla domanda, agitando freneticamente, con i bambini che lottavano per rimanere seduti. È venuta fuori una marea di idee, con noi che cercavamo di registrare ogni pensiero.
Alla fine si sono accordati su cinque domande dell'intervista. Questi includevano "Cosa hanno fatto gli adulti per farti sentire felice / arrabbiato?" e "C'è qualcosa che secondo te gli adulti sbagliano e perché?". I nove bambini si sono poi intervistati a vicenda in gruppi di tre, e noi siamo rimasti molto indietro mentre discutevano tra loro sugli adulti nelle loro vite.
Oscar e Will hanno intrapreso l'analisi con noi e sono diventati autori nel giornale dell’iniziativa: i ragazzi hanno potuto spiegare il significato di ciò che i loro coetanei avevano detto in modi che siamo certi ci avrebbero superato. Ci siamo seduti, scarabocchiato, ascoltato audio, sgranocchiato biscotti. Ci siamo spostati avanti e indietro tra registrazioni scritte e audio, confrontando e riflettendo.
 Risultati
I risultati mostrano che i bambini credono che gli adulti pensano di dover sapere tutto. Ma i bambini sanno che non lo sanno e sono d'accordo. Ciò riguardava le cose in grande formato: tenere i bambini al sicuro e capire il mondo, ma anche come fare i conti.
"Gli adulti ... devono solo rendersi conto che potrebbero aver dimenticato" ha detto Ben. "Gli adulti non possono pensare di essere i migliori perché hanno già passato la loro infanzia …", ha osservato Jamie. Harry ha sottolineato che "solo perché sono più grandi e sono già stati a scuola, non significa che abbiano prestato attenzione a quanto appreso a scuola". E come ha detto Eva: "... dicono che anche loro una volta erano bambini, ma poiché siamo diversi penso che a volte ci dovrebbe essere permesso di avere le nostre opinioni".
Hanno anche spiegato perché la loro infanzia è diversa. È pieno di social media, di cui gli adulti si lamentano, ma sono stati gli adulti a inventarli, a metterli nelle mani dei bambini e a rafforzarne l'uso ogni giorno.
I bambini hanno anche riferito di sentire che era estremamente importante che gli adulti riconoscessero i loro risultati, spiegando perché erano così desiderosi di darci le risposte "giuste". Si sentivano frustrati quando gli insegnanti sceglievano altri studenti per rispondere a una domanda e non hanno dato loro la possibilità di dimostrare che avevano una risposta corretta.
I messaggi trasmessi sono forti: riguardano la perfezione. I bambini si sentono circondati da corpi perfetti, menti acute, ottimi risultati a scuola e amicizie impeccabili. Tra un'infanzia eccessivamente valutata e un simile esame sociale, le pressioni sui bambini oggi sono enormi.
Quindi la prossima volta che noi adulti alziamo gli occhi al cielo alla generazione dei fiocchi di neve che ha bisogno di rassicurazioni costanti sui social media e oltre, forse dovremmo essere più curiosi e chiederci perché.

(articolo di Emma Maynard - Senior Lecturer in Education, University of Portsmouth – e Sarah Barton - Senior Lecturer in Education, University of Portsmouth-, pubblicato su The Conversation del 07/08/2020)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori