testata ADUC
25 milioni di sfollati a causa dei cambiamenti climatici. Un pianeta al limite
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
6 agosto 2020 19:17
 
 Quasi 1.900 disastri ambientali hanno innescato 24,9 milioni di nuovi sfollati interni in 140 paesi e territori nel 2019, secondo il Centro di monitoraggio degli sfollamenti interni (IDMC), che fa riferimento al Consiglio norvegese per i rifugiati. È la cifra più alta dal 2012 e triplica il numero di nuove migrazioni all'interno dello stesso Stato a causa di conflitti o violenze. Le migrazioni climatiche sono note da mezzo secolo. Fino a solo un paio di anni fa, l'attenzione su di loro era marginale.

COME SONO CHIAMATE QUESTE PERSONE SFOLLATE E PERCHÉ NON SONO RIFUGIATI
Il movimento naturale di un migrante per motivi climatici è quello di trasferirsi in un'altra regione del proprio Stato per salvarsi la vita. L’abitante del Bangladesh che lascia temporaneamente il suo villaggio allagato da un ciclone; il somalo che, spinto dalla desertificazione, si trasferisce in un'altra zona più fertile, o il figiano che si allontana dalla costa prima dell'innalzamento del livello del mare. Sono conosciuti come migranti climatici o sfollati per motivi ambientali. Ma non sono rifugiati. La Convenzione di Ginevra del 1951 non considera le ragioni ambientali nelle circostanze che danno origine allo status di rifugiato: il diritto internazionale protegge le persone perseguitate per razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica. Legalmente, nessuno è perseguitato dai cambiamenti climatici. Giuridicamente.

Beatriz Felipe è un ambientalista e ha pubblicato il libro “Le migrazioni climatiche prima dell'ordine legale internazionale”. Dottore in giurisprudenza, ricorda che la maggior parte dei movimenti causati dal degrado ambientale avvengono all'interno degli stessi Stati, quindi non è favorevole all'utilizzo del termine rifugiato per designarli. Né è d’accordo ad adattare la Convenzione di Ginevra come soluzione. "Quando si richiede asilo in un altro Stato, si deve dimostrare che il danno è a un individuo, non ad un gruppo. Il danno in questi casi è di solito subito da un'intera comunità, non da una sola persona”. "È importante trovare modi per proteggere queste persone senza la necessità di una definizione chiara".

Andrew Harper, consigliere speciale dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) in materia di azione per il clima, non è favorevole a entrare in disquisizioni sul termine più corretto quando si tratta di qualificare questi milioni di sfollati. "Non lasciamoci distrarre dalle discussioni sulla terminologia. Non c'è tempo da perdere. Si tratta di vedere come proteggiamo queste persone in modo che non debbano scappare”. Il discorso di Harper, che ha coordinato l'emergenza dello tsunami a Sumatra (Indonesia) tra il 2005 e il 2006, assume un aspetto più drammatico: “È una guerra contro la natura. L'abbiamo innescata e ne stiamo pagando le conseguenze. Le persone stanno fuggendo per salvare le loro vite ".

—COME SI POSSONO PROTEGGERE SE NON HANNO UNA PROTEZIONE LEGALE?
—Possono essere protetti utilizzando i sistemi legali esistenti. La prevenzione e l'investimento nelle comunità locali sono importanti. Insegnare loro a gestire meglio l'acqua e altre risorse, fornire energia rinnovabile in modo che smettano di tagliare alberi con cui ottenere legna per cucinare ... Agisci prima. Non aspettare che scappino.
Harper sostiene la responsabilizzazione delle persone, fornendo loro soluzioni immediate per adattarsi al mutare della situazione. "Non stiamo cercando di riformare il sistema di protezione internazionale. È la stessa comunità locale che protegge meglio le persone che la circondano. La stragrande maggioranza degli sfollati si trasferisce in una regione molto vicina". Harper, un australiano che vive a Ginevra (Svizzera), lancia un avvertimento. “Questi sfollati non vivono esattamente in aree di pregio. Piuttosto sono vicino ad un deserto, con carenza d'acqua ... in luoghi marginali”.

Felipe, che è anche ricercatore associato al Center for Environmental Law Studies di Tarragona (Cedat) dell'Universitat Rovira i Virgili, ha un'opinione simile ad Harper riguardo al modo di agire. "Sono necessarie nuove strategie di adattamento che emergono dalla ricerca, in modo che le persone non siano costrette ad andarsene". Queste strategie consistono nell'applicazione di diverse forme di allevamento che richiedono meno acqua o nella creazione di infrastrutture su isole a bassa quota per contenere l'innalzamento del livello del mare. Occorre esaurire tutte le possibilità prima di ricollocare intere comunità in altre aree del Paese, come è già avvenuto in una maniera diretta dagli stessi governi delle Fiji o dell'Alaska (USA).

Il dottore in legge e specialista nell'aspetto più legale degli sfollato climatici si impegna a chiamarli migranti. Serve a riflettere un'altra realtà che può essere una conseguenza del cambiamento climatico, quella degli apolidi. Se il livello del mare aumenta abbastanza da inghiottire un'isola del Pacifico, il territorio fisico scompare e quello Stato cessa di esistere. I suoi abitanti diventerebbero apolidi. Stateless dal cambiamento climatico.

DAL CAMBIAMENTO CLIMATICO ALLA VIOLENZA
Le catastrofi naturali hanno conseguenze immediate e secondarie che sono a seconda dei casi più o meno dannose. Le prime sono ovvie. Se un'onda gigantesca sommerge un'intera regione, non puoi più vivere lì. Gli effetti di fondo della crisi climatica sono altrettanto facili da capire ma sono più remoti e talvolta sconosciuti. Basta, però, recarsi nel Corno d'Africa e osservare il seguente fenomeno. Un lago che ha irrigato una vasta area si prosciuga, i raccolti diminuiscono, due popolazioni competono per il cibo scarso che esiste, combattono e una parte della comunità fugge in un'altra regione dello stesso Stato o attraversa un confine.

—QUAL È IL RAPPORTO TRA POVERTÀ, CONFLITTI DI GUERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI?
"Fanno sì che le persone competano per il cibo". I cambiamenti climatici danno la spinta definitiva allo scoppio dei conflitti in stati già fragili, facendo sì che le persone debbano emigrare.

La precedente risposta di Harper, che ha lavorato all'UNHCR per due decenni, ci spiega come un abitante di una regione vulnerabile alle conseguenze dei cambiamenti climatici diventi uno sfollato o un rifugiato se, perseguitati dalla violenza, attraversano un confine. Jesús Núñez, che ha co-presieduto l'Istituto per lo studio dei conflitti e dell'azione umanitaria da quando è stato fondato 20 anni fa, spiega la competizione tra le popolazioni degli stati più vulnerabili: “Non stiamo parlando di oro, diamanti o petrolio. Cercano il controllo dell'acqua”. Circa 200 fiumi internazionali sono condivisi da due o più paesi, generando punti di conflitto delimitando in alcune occasioni i confini interstatali.

Beatriz Felipe, autrice del rapporto Climate Migrations: An Approach to the Current Landscape, descrive una situazione in cui povertà, violenza e crisi climatiche si mescolano: la carovana di migranti che lascia il corridoio asciutto dell'America centrale (una regione arida colpita da siccità cicliche). Secondo l'UNHCR, 570.000 persone provenienti da Honduras, Guatemala, El Salvador e Nicaragua hanno cercato protezione dalla violenza o dalla persecuzione fino alla fine del 2019. Alcuni di loro hanno fatto parte delle carovane in direzione del Messico e degli Stati Uniti. "Fuggono dai conflitti, da povertà, siccità. Sono rifugiati per motivi economici o ambientali? Molti chiedono asilo all'arrivo in questi paesi del nord, ma vengono negati e il loro ingresso è considerato illegale", afferma.

Più rifugiati, meno attenzione
Il cambiamento climatico a volte porta ai valichi di frontiera. Se gli sfollati per motivi climatici diventassero rifugiati, il loro numero aumenterebbe notevolmente. Núñez riconosce il pericolo che un maggior numero di richiedenti asilo possa comportare una minore protezione. "Chiaramente, lo status di rifugiato sarebbe indebolito." Secondo il rapporto sulle tendenze globali dell'UNHCR. Sfollamenti forzati nel 2019, l'anno scorso c'erano 79,5 milioni di sfollati forzati, di cui 26 milioni erano rifugiati.

Harper espone una casistica intermedia, che non implica l'attraversamento delle frontiere né il trasferimento a una regione rurale vicina, ma piuttosto lo spostamento verso le aree urbane all'interno dello stesso paese. “Con lo sfollamento di molte persone, le città stanno crescendo. Spesso non hanno le infrastrutture per ospitare questa nuova popolazione". Harper si riferisce agli sfollati che ingrossano le città ma con un livello economico così debole da non poter pagare le tasse, il che a lungo andare porta alla mancanza di assistenza sanitaria, investimenti in sicurezza e fallimenti nel sistema educativo.

I migranti sfollati vogliono tornare al più presto nella loro terra. A differenza dei conflitti di guerra, che in alcuni casi vengono risolti, il danno causato dai cambiamenti climatici è talvolta irreversibile. "Ci sono posti in cui non puoi tornare l'anno prossimo e pensare che tutto vada bene." E continua: "Se non proteggiamo l'ambiente, dovremo proteggere le persone".

OCCIDENTE. STESSE CAUSE, CONSEGUENZE MOLTO DIVERSE
Secondo Oxfam Intermón, nei paesi a reddito medio-basso, ci sono stati 11 volte più sfollati a causa di eventi meteorologici estremi rispetto ai paesi ad alto reddito tra il 2008 e il 2019. Jesús Núñez, di IECAH, ritiene che sia possibile confrontare le catastrofi che si verificano in Occidente e nei paesi poveri. “L'evento è lo stesso. Ci sono conseguenze se si verificano a Parigi o in un luogo sottosviluppato. La verità è che i disastri non smettono di aumentare".
L'australiano Harper concorda sul fatto che nessun paese è immune alle catastrofi ambientali ma ricorda: "La capacità degli stati poveri di mitigare le conseguenze è molto limitata". E sintetizza la situazione con enfasi: “L'Occidente è diventato ricco grazie a un modello di produzione che ha contribuito al cambiamento climatico. Il resto dei paesi non ha avuto l'opportunità di crescere e ora sta soffrendo le conseguenze del disastro ambientale. Non è giusto".

Alla domanda sul motivo per cui gli sfollati climatici stanno ricevendo più attenzione, Harper sostiene che la scienza è progredita di più ed è molto più chiara. "Le prove ci sono. La terra si sta riscaldando." Per questo motivo, i periodi di siccità aumentano in Africa orientale, tempeste e cicloni sono più frequenti e virulenti nelle regioni tropicali. Il Centro di monitoraggio degli sfollati interni, un organismo internazionale creato nel 1998 come parte del Consiglio norvegese per i rifugiati, non ha iniziato a contare il numero di sfollati per cause ambientali fino al 2008.

"A meno che non vediamo una chiara minaccia, le persone lasciano le cose per il giorno successivo", spiega Harper, che trae una conclusione dal periodo di isolamento a cui metà del pianeta è stata sottoposta negli ultimi mesi. "Non è necessario viaggiare se gli stessi risultati possono essere raggiunti mettendo insieme i soccorritori.” L'esperto dell'UNHCR parla delle emissioni di CO2 degli aerei e il fatto che confinamento ha fornito prove non intenzionali che il mondo può fermarsi e respirare.

L'inquinamento può causare rifugiati climatici?
Gli esperti consultati concordano sul fatto che gli abitanti che si spostano dalle grandi città con scarsa qualità dell'aria alle aree rurali non dovrebbero essere considerati sfollati. "È un problema di salute pubblica. Spetta ai governi fermarli”, dice Harper. "L'inquinamento è molto grave, ma quando un rifugiato o uno sfollato a causa di catastrofi ambientali cambia regione, lo fa perché teme per la propria vita", afferma.


(articolo pubblicato su El Pais del 06/08/2020)

apertura
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori