testata ADUC
Staminali in California. Boom economico grazie ai sussidi pubblici alla ricerca
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
29 gennaio 2011 12:04
 
In uno studio pubblicato lo scorso 27 gennaio l’ente statale per la ricerca sulle staminali della California, dichiara che i fondi stanziati fino ad ora a favore dello ricerca sono in grado di creare migliaia di posti di lavoro e milioni di dollari di entrate per le casse pubbliche.
La ricerca, commissionata dal CIRM (California Institute for Regenerative Medicine) ha preso in esame gli effetti di un precedente stanziamento di fondi del 2006.
La Proposition 71, una legge sulle cellule staminali, approvata dall’elettorato nel 2004, aveva assicurato 3 miliardi di dollari di finanziamenti a favore della ricerca, miliardi che si esauriranno, secondo le stime del CIRM, nel 2014.
A quanto emerge dall’indagine, è previsto che 1,1 miliardi di dollari producano 25.500 posti di lavoro, dagli scienziati agli addetti del settore edile, e circa 200 milioni di entrate pubbliche entro la fine del 2014.
Hank Greely, direttore della Scuola di Legge e Bioscienze dell’Università di Standford (Stanford University's Center for Law and the Biosciences), ha dichiarato che le cifre pubblicate sono molto plausibili, anche se potrebbe essere prematuro ricercarne gli effetti positivi.
Greely non è era direttamente coinvolto nell’inchiesta, ma faceva parte di un team di esperti che nel 2007, a Standford, ha creato una serie di metodologie per valutare i benefici economici derivati dai finanziamenti alle staminali.
Questi sono risultati naturali derivanti dall’esborso di denaro”, ha affermato Greely, “la prova del nove sta nel vedere se i fondi aiuteranno davvero la ricerca sulle terapie. Saremo testimoni di un approccio medico alla ricerca?”.
Di seguito alcuni dati chiave dello studio:
- 13. 000 nuovi posti di lavoro nel settore dell’edilizia per la costruzione di infrastrutture che ospitino i laboratori di ricerca sulle staminali;
- i beneficiari delle sovvenzioni hanno ottenuto circa 844 milioni di dollari tra finanziamenti pubblici e privati.
A livello locale, l’Ente statale per la ricerca ha destinato 66 milioni di dollari all’Università della California di Davis, all’Università statale di Sacramento e al Jackson Laboratory-West sempre a Sacramento, un’organizzazione no-profit che si occupa di ricerca genetica.
Al Centro di Terapie Rigenerative del polo universitario di Davis, che ha ricevuto 61 milioni di dollari in fondi CIRM, gli effetti sono stati immediati, ha dichiarato Jan Nolta, direttore dell’istituto.
I fondi per il Centro di Davis (20 milioni) sono arrivati alla fine del 2008, quando il settore edile accusava i colpi della crisi immobiliare e il sistema universitario californiano si trovava ad affrontare possibili chiusure o soppressioni delle facoltà. L’istituto è stato aperto nel 2010.
Oggi, i progetti contemplano l’utilizzo del sistema cellulare staminale adulto per riparare danni cardiaci o epatici, per curare le ulcere diabetiche e per sviluppare bendaggi biologici per ferite gravi.

(articolo di Traduzione di Serena Gallucci)
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori