testata ADUC
 MONDO - MONDO - Acqua. Mancanza di igiene nei servizi. Rapporto Oms Unicef
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
19 dicembre 2020 22:58
 
 La mancanza di servizi idrici e igienico-sanitari di base nelle strutture sanitarie ha messo circa 1,8 miliardi di operatori sanitari e pazienti a più alto rischio di infezione da COVID-19 e altre malattie, hanno detto l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF). In un nuovo rapporto, le due Agenzie hanno anche avvertito che un numero allarmante di strutture sanitarie non hanno accesso a un’efficace igiene delle mani e non sono in grado di separare i rifiuti in modo sicuro. 
Nei Paesi meno sviluppati (PMS), una struttura sanitaria su due non dispone di acqua potabile di base, una su quattro manca di strutture igieniche per l’igiene delle mani nei punti di cura, e tre su cinque non dispongono di servizi igienici di base, secondo il rapporto.  Il Direttore Esecutivo dell’UNICEF, Henrietta Fore, ha affermato che mentre tali vulnerabilità all’interno dei sistemi sanitari esistevano già prima della pandemia del coronavirus, il 2020 “ha reso impossibile ignorare queste disparità”. “Nell’immaginare e plasmare un mondo post-COVIDO, assicurarsi di inviare bambini e madri in luoghi di cura dotati di adeguati servizi idrici, igienico-sanitari e igienici (WASH) non è solo qualcosa che possiamo e dobbiamo fare. È un must assoluto”, ha sottolineato.  Secondo le stime preliminari, il costo pro capite di circa 1 dollaro per consentire a tutti i 47 paesi meno sviluppati di istituire un servizio idrico di base nelle strutture sanitarie costerebbe circa 1 dollaro pro capite. In media, sarebbero necessari in media 0,20 dollari pro capite all’anno per il funzionamento e la manutenzione dei servizi.  Il rapporto ha rilevato che gli investimenti immediati e incrementali in acqua, servizi igienico-sanitari e igiene (WASH) hanno grandi ritorni: migliorare l’igiene nelle strutture sanitarie è un “best buy” per affrontare la resistenza antimicrobica. 
Per approfondire clicca qui

(dalla newsletter del Partito Radicale del 19/12/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS