testata ADUC
Biglietti spettacoli annullati e non rimborsati. L’indignazione dell’ex-Beatles e la figuraccia internazionale dell’Italia
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
10 giugno 2020 12:16
 
  La vicenda dei voucher che ormai dominano la presunta ripresa economica di alcune categorie nel nostro Paese, ora annovera anche una figuraccia internazionale. É quella dell’ex-Beatles Paul McCartney che ha attaccato il governo italiano per aver approvato una legge che impone, per chi aveva pagato il biglietto dei suoi concerti di Roma e Lucca già annullati, di avere in rimborso un voucher da spendere entro un anno per le iniziative dello specifico venditore piuttosto che i soldi .
La norma italiana, che viola il codice civile e le direttive comunitarie, è uno dei cavalli di battaglia del governo e del legislatore per cercare di affrontare la crisi economica del settore: non ci sono solo gli incentivi come per molte delle categorie economiche, ma anche i finanziamenti obbligatori e a fondo perduto dei malcapitati tramite questi voucher.

Lo stesso metodo utilizzato per il settore turistico, con identici problemi che è facile immaginare.
Spettacoli, come i viaggi, che non è detto vengano ripetuti uguali e che non è detto che il consumatore abbia tempo, desiderio e denaro per affrontare di nuovo.
Nel caso del concerto dell’ex-Beatles… che lui torni in Italia entro la validità del voucher rifilato… è escluso (stiamo parlando di biglietti che sono costati anche 600 euro l’uno, oltre alla spese - alberghi e spostamenti prenotati, tutti “rimborsati” con voucher – per recarsi a Roma o Lucca).

Su questo Aduc ha presentato ricorso alla Commissione Ue e all’Antitrust.
Nel frattempo abbiamo inviato i malcapitati a fare altrettanto:
- Antitrust e
- Commissione Ue

Nel frattempo ci teniamo questa figuraccia internazionale, che non potrà che essere tale vista la notorietà di MacCartney che ha attaccato il governo italiano e la corporazione degli operatori del settore (Assomusica). Tutto il mondo saprà come il diritto e il buon senso sono applicati dai nostri governanti e dal nostri legislatori.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori