testata ADUC
Donne e droghe nelle carceri Usa. Rapporto di una discriminazione dove quelle di colore patiscono di più
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
9 giugno 2018 19:27
 
 Nonostante gli uomini hanno maggiori probabilità di essere presi di mira dalle forze dell'ordine, molte delle vittime della guerra alla droga sono donne. In gran parte a causa delle draconiane leggi sulle droghe, le donne sono uno dei segmenti in rapida crescita della popolazione carceraria degli Stati Uniti. La maggior parte delle donne dietro le sbarre sono madri, molte delle quali sono le uniche ad assistere i propri figli. Le donne, e in particolare quelle di colore, sono colpite in modo sproporzionato dall'applicazione della legge sulla droga, dallo stigma sociale, da leggi che puniscono chi non è in grado o non vuole informare gli altri, da norme che impediscono alle persone con una condanna di ottenere assistenza pubblica e da un sistema di trattamento delle dipendenze da droga progettato per gli uomini. Le donne incarcerate hanno anche redditi più bassi rispetto ai detenuti uomini, essendo quindi più difficile il pagamento di cauzioni, telefonate dalla prigione e servizi ausiliari (come le babysitter) che potrebbero richiedere per far fronte alle loro esigenze.
Le donne sono uno dei segmenti in più rapida crescita della popolazione carceraria.
Tra il 1978 e il 2014, il numero di donne nelle prigioni statali e federali è cresciuto di quasi l'800 per cento. Gli Stati Uniti rappresentano il 5 per cento della popolazione femminile mondiale ma hanno quasi il 30 per cento delle donne detenute nel mondo. Globalmente, le 25 giurisdizioni che hanno i più alti tassi di donne incarcerate sono tutte negli Stati Uniti. Più di un quarto delle donne nelle carceri statali sono state arrestate per reati di droga alla fine del 2015, rispetto al 15% degli uomini. Più del 61% delle donne nelle carceri federali, sono tali per reati di droga, rispetto a circa il 50 per cento degli uomini. Attualmente, ci sono 8.500 donne nelle carceri federali con l'accusa di droga, 24.700 nelle carceri di Stato e 27.000 nelle carceri locali. Delle 27.000 donne nelle carceri locali con l'accusa di droga, uno sbalorditivo 63 percento é in attesa di giudizio.
Il consumo e la vendita di droga avvengono in percentuali simili nei vari gruppi etnici e razziali, tuttavia le donne nere e latine hanno molte più probabilità di essere incriminate per violazioni della legge sulle droghe rispetto alle donne bianche. Le donne nere hanno quasi il doppio di probabilità - e le latine più del 20%- di essere incarcerati rispetto alle donne bianche. Anche se le donne nere non sono più propense delle donne bianche a usare droghe illecite durante la gravidanza, è molto più probabile che vengano segnalate ai servizi di assistenza ai minori per uso di droghe. In realtà, uno studio in merito pubblicato sul New England Journal of Medicine ha rilevato che le donne nere hanno 10 volte più probabilità rispetto alle donne bianche per essere designate alla cura dei bambini.
Più della metà (54%) delle persone incarcerate sono genitori di figli minori, tra cui più di 120.000 madri e 1,1 milioni di padri. Circa il 60% delle donne nelle prigioni statali e federali sono madri di figli minori. Due terzi di questi genitori sono incarcerati per reati non violenti, che rappresentano la maggior parte delle violazioni della legge sulla droga. Più di 5 milioni di bambini (uno ogni 14) hanno un genitore che è o è stato incarcerato. Le disparità razziali osservate nella popolazione incarcerata si riproducono anche tra i bambini, che vengono meno curati: fino al 2008, un bambino su nove (11,4 per cento), uno su 28 (3,5 per cento) di bambini latini e uno su 57 (1,8%) di bambini bianchi avevano un genitore incarcerato. Circa l'84% dei genitori nelle prigioni federali e il 62% dei genitori nelle prigioni di Stato sono ospitati a 100 miglia o oltre di distanza dai loro figli.
Le donne incarcerate per violazioni della legge sulla droga spesso non ricevono assistenza prenatale. I bambini vengono regolarmente separati dalle loro madri imprigionate, causando danni irreparabili al bambino.
Le prigioni usano comunemente restrizioni (manette e catene) sulle donne in travaglio e durante il parto, indipendentemente dalle loro situazioni. Secondo un rapporto ombra del 2015 del Comitato delle Nazioni Unite sulla tortura, "Solo 18 Stati hanno una legislazione in vigore che limita l'uso di restrizioni sulle detenute in stato di gravidanza, 24 Stati limitano l'uso di restrizioni sulle detenute in gravidanza solo attraverso politiche istituzionali e 8 Stati non hanno alcuna forma di regolamentazione. "Washington DC e il Federal Bureau of Prisons hanno anche vietato o limitato questa pratica, che l'American College of Obstetricians and Gynecologists denuncia perché mette a rischio la salute della donna e del feto ".
Le pene e le reclusioni di lunga durata che seguono una condanna per droga hanno creato uno status di seconda classe permanente per milioni di americani, che sono spesso banditi dal voto, dall’ottenere un lavoro, un prestito studentesco e per accedere ad alloggi o altre forme di assistenza pubblica, come l'Assistenza temporanea per famiglie bisognose (TANF) e il Programma di assistenza nutrizionale supplementare (SNAP). Un rapporto del 2013 ha rilevato che oltre 180.000 donne sono in queste condizioni nei dodici Stati che mantengono un divieto totale di assistenza per le persone con condanne per droga. A causa delle estreme disparità razziali nell'applicazione della legge sulla droga e delle condanne, queste conseguenze collaterali colpiscono in modo sproporzionato le persone di colore.

(da un rapporto della DPA - Drug Policy Alliance del 08/06/2018)
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori