testata ADUC
 MONDO - MONDO - NoFakeScience. E’ nato un gruppo di esperti
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
20 luglio 2019 12:23
 
“Basta, non se ne può più”. E’ senza dubbio ciò che si sono detti gli appartenenti ad un gruppo di ingegneri, medici, ricercatori e specialisti della diffusione in diverse discipline scientifiche, che hanno messo online un appello rilanciato da qualche giorno anche dal giornale L’Opinion.
Questo gruppo, col nome “NoFakeScience”, è di 20 persone ma l’appello ha già 230 firmatari, una lista pubblica di scienziati, giornalisti e cittadini in cui ci sono anche dei Premi Nobel che la Chimica come Jean-Marie Lehn e Jean Pierre Sauvage.

Ecco un estratto dell’appello:
“Noi scienziati, giornalisti e cittadini preoccupati, lanciano un grido d’allarme su come viene trattata l’informazione scientifica nei media, nonché per come viene trattata nei dibattiti pubblici. In un momento in cui la sfiducia nei confronti dei media e delle istituzioni sta raggiungendo nuove vette, chiediamo un impegno profondo all'intero mondo dell’informazione in modo che gli argomenti scientifici possano essere resi noti a tutti senza sensazionalismo o distorsione ideologica, in modo da ristabilire fiducia tra scienziati, media e cittadini ".
"Oggi assistiamo a un crescente uso improprio del lavoro degli scienziati. I loro risultati sono spesso presentati solo se rafforzano le opinioni preesistenti, oppure vengono presentati come frutto di ricerche pagate da lobby di parte. Cerchiamo di essere chiari: lo stato delle nostre conoscenze non può essere un supermercato in cui possiamo scegliere solo ciò che ci serve e lasciare sullo scaffale ciò che contraddice le nostre opinioni".


Questo appello non sorprenderà coloro che seguono le vicende su Facebook, YouTube e Twitter da qualche anno e soprattutto negli ultimi mesi. C’è una rabbia crescente tra alcuni membri della comunità scientifica che vedono i loro risultati chiari che hanno raggiunto su una serie di argomenti socialmente importanti, dall'energia nucleare ai vaccini agli OGM e al clima, sempre più completamente distorti e presentati in modo negativo sui media, con giornalisti che, probabilmente ben intenzionati, ma che non considerano con il necessario occhio critico l'ideologia e l'incompetenza di alcune ONG o membri di secondo piano della comunità scientifica, probabilmente vittime del famoso effetto Dunning-Kruger e delle loro buone intenzioni.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori