testata ADUC
 USA - USA - Legalizzazione cannabis. Stato di New York: il 61% è favorevole
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
28 ottobre 2020 11:50
 
Il sostegno alla legalizzazione della marijuana a New York supera l'opposizione con un margine di due a uno, secondo un nuovo sondaggio.
Agli intervistati è stato chiesto di valutare il loro livello di sostegno per una serie di questioni politiche. Sulla legalizzazione della cannabis, il 61 per cento dei newyorkesi si è detto favorevole ad attuare la riforma a livello statale, rispetto al 30 per cento che è contrario. Il nove per cento ha detto di essere indeciso.
In una domanda separata, il sessanta per cento degli intervistati ha affermato in modo simile di sostenere la legalizzazione federale della marijuana, mentre il 30 per cento ha dichiarato di essere contrario alla politica e il 10 per cento non era sicuro.
Il sondaggio di Spectrum News e Ipsos, con interviste a 1.451 maggiorenni dal 7 al 19 ottobre, è stato pubblicato pochi giorni dopo che il governatore Andrew Cuomo (D) ha affermato che lo stato legalizzerà la marijuana "presto", aggiungendo che le entrate fiscali generate dalle vendite di cannabis contribuirà agli sforzi di ripresa economica in mezzo alla pandemia di coronavirus.
"Ci sono molte ragioni per farlo, ma uno dei vantaggi è che porta anche entrate, e tutti gli stati, ma soprattutto questo stato, abbiamo bisogno di entrate e cercheremo ogni occasione". "E penso che questo metterà la marijuana tra i primi provvedimenti."
Cuomo ha incluso la legalizzazione nelle sue ultime due proposte di bilancio, ma i negoziati tra il suo ufficio e il legislatore sono falliti entrambe le volte, con punti critici che hanno bloccato l’accordo, come il modo in cui verranno assegnate le entrate fiscali sulla cannabis.
Uno dei suoi più accredaiti consiglieri ha detto all'inizio di questo mese che il piano è di provare di nuovo a legalizzare la cannabis a New York all'inizio del 2021.
 "Ci stiamo lavorando. La reintrodurremo nel nostro budget a gennaio". "Pensiamo di poterla portare a termine entro il primo aprile".
A Cuomo, inoltre, è stato chiesto se la legalizzazione potrebbe essere un mezzo per compensare il deficit di bilancio causato dalla pandemia di maggio. Mentre ha affermato che è "obbligo del governo federale, nella gestione di questa pandemia nazionale, fornire un aiuto finanziario ai governi statali e locali", ha aggiunto che "io sono a favore della legalizzazione della marijuana. Ho lavorato molto duramente per superare l’attuale impasse." "Credo che la faremo, ma non ci siamo riusciti nell'ultima sessione perché è una questione complicata e deve essere fatta in modo completo".

Cuomo aveva indicato ad aprile scorso di ritenere che la sessione legislativa del 2020 fosse "effettivamente finita" per questo anno, ed aveva sollevato dubbi sul fatto che i legislatori potessero, nell’ambito delle politiche di distanziamento sociale, approvare la riforma della cannabis a distanza tramite videoconferenza.
Il leader della maggioranza dell'Assemblea, Crystal Peoples-Stokes (D), aveva fatto commenti simili quando le era stato chiesto ad aprile una sua opinione, anche se aveva dato la colpa parziale per la mancata attuazione della riforma al governatore, che aveva dato priorità ad altre questioni durante la pandemia.
A giugno, un senatore aveva affermato che il legislatore dovrebbe includere la legalizzazione della cannabis in un pacchetto di riforma della giustizia penale, sostenendo che il cambiamento di politica è un passo necessario soprattutto nel contesto dei dibattiti sulla riforma della polizia. Ma queste sono rimaste solo parole.
L'Associazione delle Contee dello Stato di New York ha affermato in un rapporto pubblicato il mese scorso che la legalizzazione della marijuana "fornirà allo Stato e alle contee risorse per l'educazione sanitaria e l'assistenza tecnica" per combattere la pandemia.
Nel frattempo, il Senato dello stato ha approvato diversi piccoli progetti di legge di riforma sulla marijuana negli ultimi mesi. La Camera ha approvato un disegno di legge a luglio che amplia il bacino di persone a cui cancellare automaticamente le loro condanne per possesso di piccole quantità di marijuana. In precedenza il Senato aveva votato a favore della legislazione per impedire lo sfratto degli inquilini per il loro uso legale della marijuana medica.
Grazie a un disegno di legge che estende la depenalizzazione della cannabis, firmato lo scorso anno dal governatore, il sistema giudiziario unificato dello Stato di New York ha fatto un annuncio il mese scorso indicando ciò che le persone possono fare per cancellare i dati sulle loro precedenti condanne per marijuana.
A livello locale, una legge locale emanata a New York City quest'estate vieta i test antidroga pre-assunzione per la marijuana, per la maggior parte delle posizioni lavorative.

Intanto, si apprende da altre notizie su sondaggi, che gli elettori del vicino New Jersey intendano approvare un referendum elettorale per legalizzare la cannabis la prossima settimana. Un sondaggio pubblicato la scorsa settimana mostra che il 65 per cento degli elettori del New Jersey è a favore della riforma.

I risultati sono in linea con i precedenti tre sondaggi sugli elettori del Garden State da parte della stessa azienda e uno della Fairleigh Dickinson University, con approssimativamente due a uno a favore della legalizzazione. Un sondaggio separato pubblicato all'inizio di questo mese dalla Stockton University ha mostrato un sostegno tre a uno per la legalizzazione della cannabis tra gli elettori del New Jersey.

(articolo di Kyle Jaeger su Marijuana Moment del 27/10/2020)
 

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori