testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Il coronavirus ferma anche Canapisa
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
24 maggio 2020 16:17
 
L'emergenza sanitaria e le stringenti norme per il contenimento dell'epidemia hanno bloccato l'organizzazione della ventesima edizione della street-parade antiproibizionista. Dopo vent'anni, scanditi da polemiche e dagli innumerevoli tentativi di bloccare o trasferire in altre città l'annuale "invasione" di antiproibizionisti, è il coronavirus a mettere per la prima volta d'accordo i pro e i contrari alla manifestazione nazionale per la legalizzazione delle droghe leggere. «Quest'anno Canapisa non si terrà a causa del divieto di assembramento - annuncia l'Osservatorio antiproibizionista Canapisa-crew, il collettivo promotore dell'iniziativa -. Non possiamo ritrovarci "gioiosamente illegali" all'annuale-street parade di fine maggio.
Canapisa da vent'anni porta in piazza i diritti violati dei circa otto milioni di consumatori di sostanze in Italia, scoprendo quel tappeto sotto cui nessuno vuole guardare, suscitando infinite contraddizioni interne alle stesse istituzioni. Le iniziative culturali, lo sportello per la riduzione del danno, il sostegno morale e legale a coloro che finiscono nelle maglie della corte penale o medica (psichiatria), riprenderanno con slancio non appena i rapporti umani e sociali (non sostituibili dai mezzi interattivi) lo consentiranno. Le nostre lotte insieme agli altri collettivi continueranno per un mondo libero dal proibizionismo, perché da quando è stato introdotto le droghe dilagano, i diritti umani diminuiscono, le narcomafie si arricchiscono, le carceri scoppiano e la spesa sociale è sempre più insostenibile». Per gli organizzatori, quella di quest'anno sarebbe dovuta essere l'edizione del "riscatto" dopo il divieto a manifestare imposto lo scorso anno che ha trasformato l'ultima manifestazione in un semplice presidio in piazza della Stazione con numeri molto ridimensionati rispetto alle migliaia e migliaia di antiproibizionisti che annualmente invadono la città per contestare e chiedere la fine delle politiche proibizioniste.
(Il Tirreno)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori