testata ADUC
 USA - USA - Coronavirus e cannabis terapeutica
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
26 marzo 2020 9:53
 
Mary Jane Rathbun era una leggendaria attivista della cannabis. Come volontaria in ospedale a San Francisco durante il culmine dell'epidemia di AIDS, divenne nota per aver preparato e distribuito brownies di cannabis a pazienti affetti da AIDS presso il General Hospital di San Francisco. Insieme a Denis Peron, Rathbun ha anche contribuito a far approvare la San Francisco Proposition P nel 1991 e la California Proposition 215 nel 1996. Ha anche contribuito a creare il San Francisco Buyers Club - il primo dispensario di cannabis medica negli Stati Uniti. È stata arrestata tre diverse volte durante questa sua attività, contribuendo a portare interesse e attenzione al problema dell'AIDS che della legalizzazione della cannabis. A livello globale.

Sebbene Rathbun non sia più qui (è morta nel 1999), la sua eredità sopravvive.

A partire dalla scorsa settimana, 21 anni dopo la sua morte, i dispensari di cannabis negli Usa, in Stati come Illinois, California e New York sono stati considerati essenziali come le farmacie ed è quindi stato permesso loro di rimanere aperti nel corso dell’emergenza coronavirus
.

In prima linea nelle pandemie
Il coraggio è ancora richiesto a quelli dell'industria della cannabis. A partire dal capire come servire i pazienti nel modo migliore. Soprattutto in un ambiente in cui il cambiamento delle leggi e dei tempi non protegge ancora i pazienti della cannabis o l'industria.

Il primo aspetto è chiaramente quello di osservare le regole di funzionamento nella pandemia applicabili a tutte le imprese. Il secondo è pensare a come aiutare i pazienti. La consegna a domicilio è ovviamente solo un'opzione. Ma un modo perché, dopo che l'immediatezza della pandemia sarà finita, di portare avanti una maggiore riforma della cannabis e di supportare studi medici sull'efficacia della cannabis come protettore virale e neurale. Per l'industria e i pazienti.

La cannabis come farmaco (sia narcotico che antivirale) è tra quelli ufficiali in questo momento, anche se i governi vogliono fingere che non sia tale.

Dall'AIDS al Coronavirus: cosa è cambiato?
C'è stato un cambiamento nel modo in cui viene vista la cannabis, ma c'è ancora molta strada da fare. E purtroppo, la cannabis è ancora considerata, almeno ufficialmente, come un farmaco che è ai margini.

Poiché il mondo reagisce e si rimette in piedi, anche se questo non è ancora tale per il mondo degli affari, l'industria stessa, i sostenitori della causa e i pazienti devono assicurarsi che la cannabis sia considerata nelle sue giuste funzioni sia legalmente che negli armadi dei medicinali – così come nell’ambito generale delle leggi e della farmacologia.

Le persone malate non sono criminali - né l'industria della cannabis è illegittima - in qualsiasi luogo e in qualsiasi paese, che legittimamente cerca di aiutarli.

(articolo di Marguerite Arnold pubblicato sulla newsletter della ICBC- International Cannabis Business Conference del 23/03/2020)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori