testata ADUC
Virgin
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
28 maggio 2020 0:00
 
Buongiorno,
ho chiesto la sospensione di 3 mesi dell'abbonamento alla palestra Virgin alla quale sono iscritto perchè alla riapertura, avvenuta lunedì, non è stata in grado di garantire tutti i servizi per i quali ho stipulato il contratto di abbonamento. Il paradosso è stato quando, questa sera, presentandomi al punto informazioni all’ingresso e specificando tali inadempienze contrattuali, la ragazza affermava che era presente un punto legato alla possibilità della Virgin di “variare il contratto”. Resto perplesso e mi faccio evidenziare il punto. A casa leggo: ”VA si riserva la facoltà di modificare le disposizioni del regolamento Interno al fine, tra gli altri di garantire la tua incolumità”... bla bla. Ma veramente pensano che siamo scemi? Vi sembra corretto pagare per intero un abbonamento per il quale non sono garantiti tutti i servizi? Ho chiesto una sospensione fino a che non saranno ripristinati e mi è stata negata. Credo sia necessario intervenire perché ci sono i presupposti per un recesso dal contratto per inosservanza dei termini contrattuali. È corretto? Possibile non possa sospendere?
Cordiali saluti
Emilio, dalla provincia di PG

Risposta:
la clausola che ci ha detto sembra che sia vessatoria. E comunque, clausola o non clausola (che nel caso, impugnata, sarebbe nulla), lei ha diritto a pretendere rimborso, riduzione dei costi o annullamento del contratto. Qui le informazioni del caso: https://www.aduc.it/comunicato/coronavirus+palestre+che+riaprono+rimborsi_31225.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori