testata ADUC
Richiesta informazione per retta rsa
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
15 febbraio 2020 0:00
 
Buongiorno, mio padre e' ricoverato presso una rsa nella regione Toscana. La sua residenza e' in Umbria, e per questo, essendo fuori regione, non ha diritto alla quota di accreditamento usl e paga tutte le spese per medicinali e viaggi e altri presidi alimentari di cui ha bisogno. Prossima settimana verra' trasferito in una rsa accreditata in Umbria, dove a seguito della visita dell'apposita commissione potra' avere diritto alla quota di accreditamento. Ieri ho parlato con l attuale rsa, dicendo che la prossima settimana sara' trasferito. Il loro regolamento prevede che chi esce dopo il 15 del mese, perde la parte di quota mensile gia' pagata all'inizio del mese. Ho chiesto che avendo pagato tutto febbraio, se potevano lasciarmi la camera fino a fine mese, per poter vedere anche come il mio babbo si ambienta nella nuova struttura, se avesse problemi di destabilizzazione dal nuovo ambiente... poi tanto il mese e' pagato!!! Ieri sera mi hanno detto certo terremo la camera a lui fino a fine mese. Stamani mi telefonano, dicendo che per correttezza, mi vogliono informare che, siccome c'e' una signora che deve entrare e vuole una camera singola come quella del babbo, farebbero entrare nella camera lei, e se il babbo avesse bisogno di tornare li, la sposterebbero subito e lui andrebbe nella sua camera.
Ho detto sì, solo perchè so che vuol dire quando hai problemi di salute e non sai dove andare e come fare, e devi entrare in queste strutture, altrimenti non hai modi diversi per poter gestire le situazioni di varie patologie che a casa ad un certo momento, diventano ingestibili.
ho chiesto: se al suo posto entra una nuova signora pagando, allora mi restituite la mia parte di quota?
no perche' da regolamento lui esce e deve pagare tutto il mese, la signora paga i suoi giorni.
per me e' solo perchè così riscuotono da due persone.
Ho cercato una risposta in internet ma non la trovo, se potete aiutarmi, perchè per me questa cosa non e' corretta da parte loro. Se avessi qualche riferimento normativo potrei anche scrivergli oltre altre cose, non solo economiche che sono successe nei vari anni, rimango sempre piu' amareggiata.
grazie
Francesca, dalla provincia di PG

Risposta:
purtroppo non c'è un riferimento normativo, si applica il contratto all'epoca sottoscritto ed il regolamento da voi accettato. Di conseguenza, se il regolamento prevede che anche in caso di dimissione del degente sussiste l'impegno al pagamento dell'intera mensilità, c'è poco da fare.
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori