testata ADUC
residenza sanitaria assistita RSA
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
9 agosto 2019 0:00
 
Buongiorno, sono l'unica nipote di una signora novantenne che attualmente è ricoverata in una RSA fuori dalla regione di residenza. Per tale motivo abbiamo un posto letto non convenzionato. Ho fatto domanda per un posto letto convenzionato e dopo 14 mesi di attesa mi hanno chiamato per un posto letto convenzionato. Secondo il regolamento dovrei trasferire immediatamente mia zia nel posto convenzionato. Se non lo faccio perdo il diritto a ripresentare la domanda per i 12 mesi successivi.
Attualmente sono nella impossibilità di poterlo fare per precedenti impegni già presi. Lo so che le ferie non sono degli impegni inderogabili, ma sono due anni che non le passo con mio marito e i miei figli per accudire alla zia. A dire che sono stremata è un puro eufemismo. Ho chiesto di poter fare il trasferimento a settembre, ma mi è stata negata la possibilità. Cosa posso fare per mantenere il diritto di ripresentare la domanda entro novembre 2019 e non dopo i 12 mesi a partire da agosto 2020?
Alessandra, dalla provincia di MO

Risposta:
se la signora "perde" il posto dovrà ripresentare la domanda, senza garanzia di disponibilità del posto al quale ha rinunciato.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori