testata ADUC
Quesito su retta pagata in anticipo e non fruita
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
20 novembre 2019 0:00
 
Mia moglie, affetta da alzheimer e ricoverata in una casa di riposo è stata inviata, per sopraggiunto aggravamento, al SSN sabato 29 Giugno - Il lunedì successivo e cioè il 1^ Luglio ho provveduto a pagare la retta mensile (1.600 Euro) senonché la paziente non ha fatto più ritorno nella struttura in quanto è deceduta il 9 Luglio, giorno nel quale mi sono recato alla casa di riposo per comunicare verbalmente la notizia ai responsabili Poiché, nella confusione della circostanza, non ho provveduto a inviare una raccomandata A.R., come previsto dal regolamento, mi è stata negata la restituzione della somma anticipata (senza alcuna prestazione del servizio). Si chiede: in linea di diritto ciò è plausibile? - Per ora ringrazio. Il marito.
Franco, dalla provincia di RM

Risposta:
di per sé non vi sono illegittimità, dal momento che la persona sarebbe dovuta entrare e la struttura ha lasciato libero il posto anziché darlo ad altri. Ad ogni modo occorre che legga le condizioni generali del contratto di servizio della struttura e verifichi cosa ha (o avrebbe dovuto) firmato al momento del pagamento. Li richieda per raccomandata ar se del caso.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori