testata ADUC
legge 104/92
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
4 gennaio 2020 0:00
 
Buon giorno
vi scrivo per chiedervi delle informazioni in merito alla normativa INPS in termini di legge 104/92.
Mio figlio compirà 6 anni il 30 gennaio, dalla nascita è affetto da anacusia sinistra documentata con esami medici dall'ospedale Molinette di Torino.
A partire dai tre anni al bambino è stata riconosciuta l'invalidità civile e lo stato di handicap art.3 comma 3.
A partire dall'età di tre anni mio figlio è seguito dalla neuropsichiatra dell'Asl di competenza, dall'otorino dell'ospedale Molinette di Torino e dalla neuropsicomotricista.
Purtroppo al tempo si presentò il problema della carenza di neuropsicomoticiste presso l'asl e sono stata indirizzata presso l'associazione Don Gnocchi di Torino, presso cui mio figlio effettuò solamente la valutazione medica dopo di che fu messo in lista d'attesa e mai chiamato. Col trascorrere dei mesi in mancanza della loro chiamata ho deciso di mandare mio figlio presso uno studio privato di neuro-psicomotriciste, ed ancora oggi sta proseguendo il percorso nello stesso posto, sottolineo che l'associazione Don Gnocchi non ha mai chiamato mio figlio.
Nel febbraio 2019 durante la visita di revisione in sede INPS è stata tolta la 104 riconoscendo al bambino l'art.3 comma 1. Mi sono recata presso l'ANMIC di Torino ed ho parlato col medico legale e col loro avvocato i quali mi hanno sconsigliato di intraprendere una causa contro l'Inps ma di tentare di fare
nuovamente domanda tramite ASL. Durante il colloquio mi è stato spiegato che la decisione dell'Inps proviene dal fatto che il bambino viene seguito da un medico privato e non dell'Asl (il neuro-psicomotricista) e che nonostante la motivazione sia la grave carenza di specialisti da parte dell'Asl l'Inps non accetta medici privati e pertanto è stato tolto il diritto a mio figlio di usufruire della 104.
Ho seguito il loro consiglio ed ho fatto domanda all'asl, sono stata convocata a novembre ma la mia domanda è stata respinta nel dicembre 2019, mi sono recata nuovamente presso l'Anmic i quali hanno ripetuto la medesima motivazione, il medico privato. In realtà parlando con la neuropsicomotrista ho scoperto che tutti gli altri bambini che si recano presso quel centro hanno la 104, a questo punto devo dedurre che non centri nulla il fatto che mio figlio faccia psicomotricità presso un centro privato e mi chiedo quindi perchè l'Anmic mi abbia dato una motivazione errata o comunque superficiale e poi vorrei chiedere come fare ricorso al verbale INPS ma a questo punto non più tramite il legale dell'Anmic in quanto non mi sento più tutelata da loro.
In accordo con l'otorino nella primavera 2020 mio figlio comincerà a portare un apparecchio che dovrebbe aiutarlo a ridurre i brusii, cosa che lo aiuterebbe nella scuola primaria, dovrò chiedere numerosi permessi per almeno due mesi, tempo stimato per la prova e regolazione dell'apparecchio, ed avrei bisogno di ottenere nuovamente la 104. Voi avete possibilità di dirmi a chi posso rivolgermi? grazie
Erika, dalla provincia di TO

Risposta:
Il testo della legge 104 tratta anche di temi quali cura, ricerca, riabilitazione e prevenzione in tema di disabilità. Tratta quindi di controlli periodici durante la gravidanza, di rispetto di ritmi ed esigenze della madre al momento del parto, limitando interventi medici controproducenti. Si parla anche di accesso alle cure e alle terapie necessarie alla persona colpita da disabilità, con delega alle Regioni e al sistema sanitario locale per l’erogazione dei servizi.
L’art. 7 prevede che il sistema sanitario nazionale, attraverso le sue sedi locali e quelle convenzionate, garantisca anche la fornitura e la riparazione di apparecchiature, attrezzature, protesi e sussidi tecnici necessari per il trattamento delle menomazioni.
Si deduce che le spese mediche sono solo quelle sostenute presso le sedi locali del SSN e non quelle di strutture private.
Vi sono inoltre deduzioni fiscali come meglio specificate nella ns. scheda: https://sosonline.aduc.it/scheda/disabili+agevolazioni+fiscali+non_16571.php
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori