testata ADUC
Informazioni relative quota totalmente a carico asl per inserimento RSA
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
17 novembre 2018 0:00
 
Buongiorno,
vi ho già scritto 1 anno e mezzo fa in quanto mia mamma affetta da alzheimer, aveva problemi di media gravità.
A distanza di questo tempo purtroppo mia mamma ha avuto un crollo ed è totalmente NON autosufficente, non allettata ma necessità di cure ed attenzioni che costano fatica e denaro.
Attualmente io sono l'amministratrice di sostegno e mia madre vive con mio fratello, la moglie ed il figlio appena nato. Al momento abbiamo richiesto un isee per valutare se rientriamo nella categoria per avere dei contributi dal comune (il precedente isee era di € 18700, mentre la soglia da ciò che so è di 16000). Avendo mia mamma ora problemi di deambulazione (cammina poco e male) comportamentali seri in assenza di calmanti, secondo il vostro parere potremmo richiedere un contributo TOTALE per un eventuale inserimento in RSA? Ormai non riusciamo più a gestire la sua salute che è severamente compromessa.
Vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti
Elena, dalla provincia di MI

Risposta:
dovreste confrontarvi con un medico legale che verifichi l'intensità sanitaria delle cure di cui sua madre necessita. Potete comunque richiederlo ma in caso di diniego il parere di un medico legale sarebbe determinante per comprendere se fare causa contro la Asl per ottenere che le prestazioni siano a loro totale carico.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori