testata ADUC
Contratto rsa
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
25 novembre 2018 0:00
 
Buongiorno,
a breve mio padre verrà ricoverato in una RSA come lungodegente. Lui invalido 100% con il parkison, pensionato, viveva con mia madre percettrice di pensione minima.
La RSA per accettare la richiesta di ricovero di mio padre ha chiesto l'autocertificazione del reddito di tutti, padre, madre e 3 figli non conviventi.
Finora non ci siamo opposti per evitare che la RSA declinasse la domanda di mio padre, ma ora, al momento di firmare il contratto vorremmo sapere se dobbiamo firmarlo per forza o se possiamo farlo firmare solo a mio padre e mia madre. La RSA potrebbe rifiutarsi di ricoverarlo? Come dobbiamo comportarci?
Grazie. Saluti.
Deborah, dalla provincia di MI

Risposta:
la RSA può pretendere la firma di altri soggetti in qualità di garanti o coobligati solo se si tratta di rapporto esclusivamente privatistico, quindi se non c'è intervento pubblico per il pagamento della quota sanitaria o della quota sociale. Se la persona viene inserita tramite il pubblico l'RSA per quel posto non è più soggetto privato ma erogatore di servizio pubblico e quindi non può pretendere altre firme. Qualora decidesta comunque di firmare il contratto, in questo secondo caso, sappia che si tratta di fatto di una fideiussione omnibus, indeterminata nella durata e nell'ammontare complessivo, e quindi può essere revocato in qualunque momento, per il futuro.
----------------
Ha risposto Emmanuela Bertucci: https://sosonline.aduc.it/info/bertucci.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori