testata ADUC
Trump: il crack del presidente crackato
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
29 aprile 2020 16:58
 
Sempre più nel surrealismo. L’uscita di Donald Trump che suggerisce l'iniezione di disinfettante nel corpo umano per combattere il coronavirus ha fatto il giro del mondo. Tra risate e sgomento, i medici unanimi hanno messo in guardia gli americani da qualsiasi prova di questo tipo, generalmente riservata a coloro che cercano di porre fine alla propria vita. Metteremmo una scena del genere in una fiction dove il pubblico urlerebbe per nulla. Lo stesso Alfred Jarry, scrivendo un sequel del suo Ubu, probabilmente non ci avrebbe pensato.

Questa pubblicità per l'elisir del dottor Trump, infatti, è solo l'ultima di una lunga serie di dichiarazioni barocche e perentorie rilasciate dal Presidente dall'inizio della crisi. Il presidente prima ha negato il pericolo con forti argomentazioni, quindi ha proposto di non fare nulla per combattere l'epidemia, in modo da preservare lo stile di vita americano, suggerendo così il sacrificio deliberato dei malati per salvare l'economia. Ha quindi annunciato un ritorno alla normalità a Pasqua e ha criticato le misure di contenimento adottate dai governatori, prima di chiedere improvvisamente il completo isolamento dello Stato di New York. Quindi ha profetizzato senza preavviso un massacro di 200.000 morti, spiegando che sotto questa soglia spaventosa, per la sua amministrazione sarebbe stato un grande successo. Soprattutto, ha accolto con favore l'unico risultato importante nella sua visione: il pubblico record per le sue conferenze stampa quotidiane. In breve, mentre il bilancio delle vittime dovuto al coronavirus ha appena superato quello della guerra del Vietnam, ha dimostrato ancora una volta la sua ignoranza enciclopedica, la sua infantile malattia e il suo disprezzo abissale per tutto ciò che potrebbe assomigliare al pensiero razionale.

Nulla di nuovo, si dirà, Donald Trump non parla all'intelligenza degli americani ma alle loro viscere. Chiudendo i confini e sospendendo l'emissione di "carte verdi" per l'immigrazione legale, ha nuovamente indicato il suo avversario, che è quello del suo elettorato: lo straniero, responsabile di tutti i mali, questa volta impersonato dal "virus cinese", una nuova forma di immigrazione clandestina. Vedendo l'effetto disastroso della sua uscita, ha detto senza ridere di rinunciare ai suoi briefing quotidiani sulla stampa, "che stanno sprecando il suo tempo".

Sopraffatti, molti americani finiscono di ricordare questi exploit con questa formula rassegnata: "Lla parte peggiore è che verrà rieletto". Forse è lì che è cambiato qualcosa. Come se la parabola del disinfettante fosse la goccia di candeggina che ha fatto traboccare il vaso. Oltre il 90% degli americani ha dichiarato ai sondaggisti che sarebbero stati diffidenti nei confronti di qualsiasi tentativo di ingerire un tale prodotto, il che suggerisce che abbiano un po' di buon senso. Ancora più importante, i sondaggi di opinione mostrano, per la prima volta dopo tanto tempo, un calo della popolarità del presidente. Mentre le crisi generalmente avvicinano gli americani alla Casa Bianca, la media dei sondaggi condotti negli Stati Uniti mostra che il 52% degli americani non si fida di essa, anche se è ancora il 43% a sostenerla. L'opinione in tutti i sondaggi sostiene le misure di protezione adottate dai governatori e disconosce l'irenismo irregolare del Presidente. Ancora più preoccupante per lui: in tre degli Stati che gli hanno assicurato la vittoria nel 2016, ora è parecchi punti dietro l'avversario Joe Biden, anche se l'ex vicepresidente rimane piuttosto discreto nella crisi. I democratici sostengono il loro candidato e ricordano che Trump, benché legalmente eletto, era in minoranza di voti rispetto a Hillary Clinton.

Nulla è perso, ovviamente: Trump giocherà a fondo la carta anti-establishment denunciando la coalizione degli eredi di Obama e Clinton, espressione di un'America progressista, persino socialista, che riunirebbe i bohémien della East Coast, il West Coast Babas e le minoranze, contro il profondo, bianco e popolare vecchio paese, un argomento che ha avuto successo nel 2016. Ma la sua gestione disastrosa del coronavirus ha iniziato a montarre e lo scoppio di una grave crisi economica e sociale lo ha privato della sua risorsa principale durante la campagna. Per la prima volta, questo presidente vede una crepa nella sua popolarità. Cosa che può cambiare la situazione il prossimo novembre.

(articolo di Laurent Joffrin pubblicato sul quotidiano Libération del 29/04/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori