COMMENTI
  (Da 1 a 3 di 3)  
13 febbraio 2019 16:14 - chinaski
#Pegonzi

Un consignio: non perda il suo prezioso tempo discutendo con l'utente Ennio-Ennius e varianti. E' solo un troll che imperversa da anni su questi spazi. Non è minimamente interessato ad un qualsiasi confronto costruttivo, ma non fa altro che ripetere come un mantra le stesse frasi fatte (per lo più facendo dei copia incolla ripetuti migliaia di volte). Per fortuna ormai non se lo fila più nessuno e monologa da anni, o al massimo gli replica solo qaulche disturbato suo pari ma di idee opposte.

Non tarderà a rendersi conto da solo di quanto ho scritto.

Saluti.
12 febbraio 2019 16:47 - pegonzi
Caro enniusfirst, non vedo il nesso tra il legalizzare la cannabis e il consentire a una persona di diventare dipendente dalla droga.
Secondo lei proibendola il problema della dipendenza non si pone?

E' proprio nell'illegalità che il consumo fiorisce. Sa perché? Perché è molto più lucrativo rispetto a un mercato legalizzato, perciò c'è molta più offerta (da parte dei criminali ben organizzati, ovviamente), il che peraltro lascia necessariamente a desiderare in qualità, intesa in termini di sofisticazioni e quant'altro.

Anche se a lei non piace, ci sarà sempre una fetta di popolazione che cadrà nella dipendenza, non si può evitare. Tanto vale piuttosto fare cultura, aiutare queste persone prima di tutto a non diventarlo (ancora una volta: lei crede che proibendo una sostanza si stia aiutando qualcuno?), quindi eventualmente ad affrontare il problema con il sostegno dello Stato invece che con le manette.
31 gennaio 2019 0:22 - enniusfirst
Quando l'opinione di un Donvito arriva a dichiarare che ..

'..Ma la politica di legalizzazione delle droghe sarebbe una scuola di civiltà, umanesimo, libertà e sviluppo economico.',

significa una sola cosa ed é che si rinuncia a qualsiasi battaglia per cercare di evitare che l'essere umano si privi di quella libertà che rappresenta la massima aspirazione per chiamarsi appunto ... Umano.

Come si può tirare in ballo valori come umanesimo, libertà e sviluppo economico quando si consente alla persona di diventare dipendente della droga e quindi suo servo ovvero schiavo portandolo, in moltissimi casi, alla sua disfatta fisica ed economica ?

Donvito é affetto da un assolutismo mentale tipico di un tuttologo giacobino alla Robespierre che al mattino invocava la dea Ragione , la Virtù ecc. ecc. e al pomeriggio mandava i suoi oppositori alla ghigliottina che, essendo legalizzata, faceva meno ... male..
  COMMENTI
  (Da 1 a 3 di 3)