COMMENTI
  (Da 1 a 2 di 2)  
24 ottobre 2010 19:56 - lucillafiaccola1796
la causa è l'infelicità... con cui ci perseguitano o cercano di perseguitarci i dementipezzenti incapaci incompetenti da cui ci facciamo dirigere... chi per lekkaculaggine chi per debolezza chi perché è morto e non se n'è accorto... visto che ci hanno sbattuto qui sulla Terra con una fregamento o fregatura che dir si voglia, cerchiamo di essere felici quanto più possiamo in barba ai carnefici che ben conosciamo. l'unione fa la forza ma se si preferisce assaporare l'output dei malvagi... RIP!
24 ottobre 2010 4:50 - anarkeo
la causa di tanti bevitori giovani può essere la criminalizzazione della cannabis, che ultimamente è assai costosa a causa della guerra alla cannabis. Aumentati anche i rischi di carcerazione che spinge molti giovanissimi all'alcool, assai più nocivo! ma meno problematico nel reperirlo, sembra un contro-senso ma è vero. Genitori sono più contenti se il figlio beve acool, birra, vino,ecc...invece della cannabis, in realtà più sicura, meno dannosa. Ma una falsa informazione ripetuta da decenni,ha confuso la realtà delle cose, terrorizzando con false prospettive di non sò quali e quante orrende conseguenze, per chi prova anche una sola volta la cannabis! Complici della mistificazione sono le comunità terapeutiche che hanno una convenienza economica nel volere "recuperare" quanti più poveracci possibile, meglio se sono in grado da subito di lavorare gratis per la struttura che lo rinchiude. chi usa cannabis è considerato un tossicodipendente, cosa assolutamente falsa! a chi conviene tutta questa falsità, provate a pensarci per un momento, se io avessi ragione, a chi conviene:-narcomafie,enti contro la droga,Avvocati,Giudici,Farmaceutiche,petrolieri,latifondisti di legname,la chimica,produttori di plastiche e tessuti sintetici. Tutti questi e altri potenti industriali, hanno interessi nel mantenere inlegale la Cannabis. Informati! le prove di tutto questo ci sono, basta volerle trovare! "Legalizzatela"
  COMMENTI
  (Da 1 a 2 di 2)  
  COMMENTI
  (Da 1 a 2 di 2)  
24 ottobre 2010 19:56 - lucillafiaccola1796
la causa è l'infelicità... con cui ci perseguitano o cercano di perseguitarci i dementipezzenti incapaci incompetenti da cui ci facciamo dirigere... chi per lekkaculaggine chi per debolezza chi perché è morto e non se n'è accorto... visto che ci hanno sbattuto qui sulla Terra con una fregamento o fregatura che dir si voglia, cerchiamo di essere felici quanto più possiamo in barba ai carnefici che ben conosciamo. l'unione fa la forza ma se si preferisce assaporare l'output dei malvagi... RIP!
24 ottobre 2010 4:50 - anarkeo
la causa di tanti bevitori giovani può essere la criminalizzazione della cannabis, che ultimamente è assai costosa a causa della guerra alla cannabis. Aumentati anche i rischi di carcerazione che spinge molti giovanissimi all'alcool, assai più nocivo! ma meno problematico nel reperirlo, sembra un contro-senso ma è vero. Genitori sono più contenti se il figlio beve acool, birra, vino,ecc...invece della cannabis, in realtà più sicura, meno dannosa. Ma una falsa informazione ripetuta da decenni,ha confuso la realtà delle cose, terrorizzando con false prospettive di non sò quali e quante orrende conseguenze, per chi prova anche una sola volta la cannabis! Complici della mistificazione sono le comunità terapeutiche che hanno una convenienza economica nel volere "recuperare" quanti più poveracci possibile, meglio se sono in grado da subito di lavorare gratis per la struttura che lo rinchiude. chi usa cannabis è considerato un tossicodipendente, cosa assolutamente falsa! a chi conviene tutta questa falsità, provate a pensarci per un momento, se io avessi ragione, a chi conviene:-narcomafie,enti contro la droga,Avvocati,Giudici,Farmaceutiche,petrolieri,latifondisti di legname,la chimica,produttori di plastiche e tessuti sintetici. Tutti questi e altri potenti industriali, hanno interessi nel mantenere inlegale la Cannabis. Informati! le prove di tutto questo ci sono, basta volerle trovare! "Legalizzatela"
  COMMENTI
  (Da 1 a 2 di 2)