testata ADUC
Vita da cani. Per nutrire cani e gatti usiamo un territorio grande due volte il Regno Unito
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
16 ottobre 2020 13:06
 
 Gatti e cani vegani? E’ possibile. I loro proprietari sono sempre più preoccupati per l'impatto ambientale del loro animale domestico. Nel 2017, uno studio ha dimostrato che cani e gatti negli Stati Uniti - questi ultimi erano circa 70 milioni all'epoca - da soli erano il quinto più grande consumatore di carne al mondo!
Oggi, i ricercatori dell'Università di Edimburgo (Scozia) stanno riportando la questione in primo piano. Hanno valutato l'impatto ambientale complessivo della produzione di alimenti per animali domestici. Hanno lavorato su 280 tipi di cibo secco venduti negli Stati Uniti e in Europa, due regioni che rappresentano i 2/3 delle vendite globali.

Il risultato: circa 49 milioni di ettari di terreno agricolo vengono utilizzati per produrre cibo per i nostri cani e gatti: metà carne, il resto cereali. È circa il doppio delle dimensioni del Regno Unito.
La produzione di questi alimenti emette anche 106 milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2) ogni anno. L'equivalente di un Paese che si collocherebbe al 60mo posto nella classifica dei maggiori emettitori.

(articolo di Nathalie Mayer su Futura-Planéte del 15/10/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori