testata ADUC
Veganismo. La giustizia britannica dovrà decidere se è una filosofia... Sentenza: Lo è!
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 gennaio 2020 10:45
 
 Un vegano convinto che il suo stile di vita richieda un tipo di copertura legale si è presentato davanti alla giustizia britannica per chiedere protezione da un licenziamento che considera discriminatorio. Il caso sollevato da Jordi Casamitjana, vegano per 17 anni, davanti a un tribunale del lavoro dovrebbe stabilire per la prima volta nel Regno Unito se il veganismo è una "convinzione filosofica" degna di essere equiparata ad altre religioni o semplicemente un'opzione utilizzata, in questo caso, come scusa da parte del denunciante.

La causa intentata da Casamitjana davanti a un tribunale di Norwich (est dell'Inghilterra) è perché è stato licenziato dal suo lavoro nella League Against Cruel Sports - un'organizzazione che combatte contro sport come la caccia alla volpe o, oltre i confini britannici, la corrida - per le loro dichiarate convinzioni vegane. L'ex lavoratore di quell'organizzazione quando era ancora nell’organico, secondo la denuncia, scoprì che alcune compagnie che fanno esperimenti sugli animali partecipavano al piano pensionistico dell’azienda. Che nega le accuse e adduce a sua difesa la natura irregolare del suo ex dipendente. Un portavoce dell'organizzazione ha insistito sulla sua inequivocabile difesa del veganismo e di altri modi per respingere lo sfruttamento degli animali. Il caso, sostengono, riguarda un dipendente che non ha svolto il proprio lavoro e ora fa affidamento su una presunta lealtà delle sue convinzioni per risolvere una denuncia di lavoro.

La causa si basa sulla discriminazione a cui il lavoratore sarebbe stato sottoposto per il suo dichiarato veganismo e mira a forzare un cambiamento nella legge britannica sull'uguaglianza per includere questa filosofia o stile di vita. La legge, approvata nel 2010, definisce la "religione o credo" come una delle nove "caratteristiche protette" che includono la razza, il sesso, la gravidanza e la maternità come fattori contro qualsiasi tipo di discriminazione.
 Casamitjana si è presentato ai giudici in un'udienza giovedì 2 gennaio manifestando la sua resistenza all'uso del trasporto pubblico - l'auto privata non è mai stata un'opzione - per evitare "collisioni" con insetti o uccelli. Queste e altre specie animali sono vittime, secondo il ricorrente, di quello che oggi chiamiamo sviluppo.

Casamitjana si dichiara anche come "compagno di animali" a cui rifiuta l'etichetta di "animali da compagnia" ed è allergico agli zoo o a qualsiasi altra forma di "sfruttamento degli animali". Il suo avvocato, Peter Daly, ha sostenuto che "il veganismo etico è una convinzione filosofica che ha un crescente supporto nel Regno Unito e nel resto del mondo".
Ciò che i giudici di Norwich dovranno decidere in prima istanza (sempre in attesa di un appello successivo) avrà valore di riferimento per gli attivisti della causa, stabilendo che qualsiasi azione che contravvenga al veganismo sarebbe oggetto di una denuncia di discriminazione.
Il veganismo rifiuta il consumo di tutti i prodotti alimentari e animali, compresi gli oggetti fatti con la pelle o il miele, nonché l'uso di animali negli esperimenti farmacologici. È "una filosofia e un sistema di credenze", secondo il denunciante. Casamitjana ha raccolto 8.700 sterline (oltre 10.000 euro) attraverso una campagna di crowdfunding per finanziare il processo. Se avrà successo, il Regno Unito sarà il primo grande Paese ad riconoscere diritti specifici per i vegani.

(articolo di Patricia Tubella, pubblicato sul quotidiano El Pais del 03/01/2020)

Il tribunale ha emesso lasentenza il giorno 3 gennaio 2020:
Il veganesimo etico e' in tutto e per tutto paragonabile a una religione o a un credo filosofico, e i suoi seguaci pertanto non possono essere sottoposti a discriminazione sulla sua base, in base all'Equality Act del 2010: e' quanto ha stabilito un tribunale del lavoro britannico, che ha sentenziato su un caso che fara' giurisprudenza.
(Ansa)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori