testata ADUC
Scienza capovolta: i ragazzini preferiscono le bambole ai camion
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 dicembre 2019 13:55
 
 A cinque mesi, i ragazzini, come le ragazze della stessa età, mostrano più interesse per le bambole che per le automobili. Questo rimette in discussione i regali di Natale?

I camion sono per i ragazzi. Le bambole sono per le ragazze. Queste dichiarazioni un po’ sessiste potrebbero andare in fumo, almeno per i primi mesi di vita dei bambini. In effetti, uno studio condotto da Paola Escudero della Western University di Sydney ha sfidato questi schemi tradizionali.

Il contesto: un mondo blu e rosa
La nostra società è davvero giusta? All'inizio no. Le origini etniche o sociali possono favorire (o al contrario creare svantaggio) in alcuni contesti in un modo o nell'altro. Nel complesso, i modelli familiari e di lavoro rimangono per lo più nell'ordine tradizionale. Le donne svolgono ancora la maggior parte delle faccende domestiche (mentre ciò potrebbe rendere felici gli uomini di partecipare) e generalmente non svolgono gli stessi doveri delle loro controparti maschili. La distinzione inizia anche dalla più giovane età. Alle bambine vengono regalate bambole e costumi da principessa, mentre ai ragazzi vengono offerti camion e Lego.
Quindi gli scienziati si pongono la domanda su cosa sia naturale e cosa sia culturale. Vasto problema. Precedenti studi tendono a dimostrare che, già da sei mesi, i ragazzi preferiscono i giocattoli con le ruote, mentre le ragazze hanno maggiori probabilità di prendersi cura di un bambino. Una propensione che sarebbe (almeno in parte) innata, se crediamo ai risultati di una ricerca del 2008 fatta su dei macachi. I maschi hanno preferito essenzialmente le macchine, mentre le femmine avevano gusti molto più vari.
Tuttavia, un articolo pubblicato nel 2013 sul Journal of Experimental Child Psychology ha creato un piccolo problema, implicando che queste preferenze non sarebbero necessariamente rispettate dalla nascita ...

Lo studio: i bambini preferiscono i volti del sesso opposto
Paola Escudero e i suoi colleghi hanno reclutato 24 ragazzi tra i quattro e i cinque mesi e altrettante ragazze della stessa età. Hanno anche coinvolto 48 adulti di entrambi i sessi nell'esperimento. Il principio è semplice e frequentemente utilizzato nella ricerca sui bambini: seguiamo i loro occhi considerando che ciò che viene guardato più a lungo è preferito dai neonati.
Pertanto, sono state presentate a tutti i partecipanti immagini di volti di uomini, donne, giocattoli, bambole, automobili e forni. Cosa è venuto fuori?
Tutti i gruppi hanno mostrato maggiore attenzione per i volti reali, in particolare per quelli del sesso opposto (anche per i più piccoli). Per quanto riguarda gli oggetti, le bambole erano più affascinanti per i bambini rispetto alle automobili, compresi i ragazzi. Nessuna differenza di genere nella prima infanzia, quindi.

Visto dall’esterno: lascia che i ragazzi giochino con le bambole
Rimarranno, per i ricercatori, da determinare i motivi per cui entrambi i sessi preferiscono spontaneamente un tipo di giocattolo rispetto ad un altro. Sono state avanzate tre tracce: un cambiamento fisiologico, differenze nello sviluppo cognitivo e pressione sociale.
In ogni caso, è bene non fare in alcun caso delle considerazioni generali: i ragazzi hanno anche il diritto di desiderare una bambola, o le ragazze un camion dei pompieri. Ciò non rivela particolari disfunzioni, ma semplicemente: il desiderio di un bambino è facile da soddisfare.

(articolo di Janlou Chaput, pubblicato su Futura-Santé del 30/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori