testata ADUC
Riscaldamento globale. La cattura del CO2 serve a poco
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 febbraio 2018 11:13
 
 Cadere in questa tentazione climatica e’ abbastanza facile. “Pensare che la tecnologia ci portera’ al riscatto se non ci impegniamo nel mitigare (ridurre i gas ad effetto serra) in modo sufficiente, puo’ sembrare interessante”, dice Thierry Courvoisier, presidente del Comitato Scientifico Ases delle Accademie europee (Easac). Ma creare “alcune aspettative poco realiste” su queste tecnologie potrebbe avere conseguenze irreversibili “per le generazioni future”, scrive questo astrofisico in una nota dell’Easac.
Courvoisier si riferisce alla lotta contro il cambio climatico e, in concreto, alle iniziative tecnologiche di emissioni negative -sostanzialmente, bloccare i gas ad effetto serra dell’atmosfera e trattenerli per controllare il riscaldamento globale-.
L’Accordo di Parigi, il patto internazionale che dovrebbe essere la guida per la lotta al cambio climatico durante questo secolo, si e’ posto come obiettivo un aumento medio della temperatura del Pianeta nel 2100 inferiore ai due gradi e, per quanto possibile, arrivare ad un massimo di un grado e mezzo. Si stabilisce di tentare “un equilibrio tra le emissioni antropomorfe” e “l’assorbimento” dei gas ad effetto serra attraverso dei “dispersori” nella seconda meta’ del secolo. In altre parole, la porta è stata aperta a queste tecnologie a emissioni negative come strumento per raggiungere gli obiettivi di Parigi.
Ma l’Easac, che è composta dalle accademie scientifiche nazionali dei membri dell'UE, ha analizzato il potenziale impatto di queste tecnologie attraverso un rapporto speciale, preparato da 12 ricercatori, e rifiuta di poter svolgere un ruolo fondamentale: "queste tecnologie offrono solo una possibilità realistica limitata alla rimozione del biossido di carbonio dall'atmosfera e non dalla scala prevista in alcuni scenari climatici".
Sebbene la relazione riconosca il ruolo futuro di queste tecniche, aggiunge che "non e’ ai livelli necessari per compensare le misure di mitigazione insufficienti". Cioè, i governi non possono compensare con la cattura di CO2 - il principale gas serra - i tagli delle emissioni che non fanno, fondamentalmente, nel loro settore energetico, che rappresenta circa l'80% del biossido di carbonio emesso dall’economia europea.
Quando uno Stato ratifica l'accordo di Parigi, che è stato siglato nella capitale francese nel 2015, deve presentare piani nazionali per ridurre le emissioni. Ma quelli sul tavolo, che coprono il periodo tra il 2020 e il 2030, non sono sufficienti per raggiungere l'obiettivo dei due gradi. L'ONU stima che entro il 2030 le emissioni globali dovrebbero essere di circa 40 gigatoni all'anno. Tuttavia, gli impegni nazionali dei firmatari dell'accordo, stimano che, entro tale data, nel mondo ci saranno circa 55 gigatoni di gas a effetto serra. E il problema è che il divario aumenterà nel corso dei decenni e si sta rapidamente esaurendo il cosiddetto "bilancio del carbonio" -la quantità di gas serra che l'umanità può emettere da qui alla fine del secolo, se si vuole raggiungere l'obiettivo dei due gradi-. È qui che entrano in gioco le tecnologie a emissioni negative per rimuovere i gas che sono stati espulsi dall'atmosfera.
L’Easac conclude che, con l'attuale livello di conoscenze, queste tecnologie non saranno in grado di far mantenere l’impegno. E avverte che l'implementazione di queste misure di cattura del biossido di carbonio su larga scala comporterà "alti costi economici e probabilmente impatti importanti sugli ecosistemi terrestri o marini". Lo studio avverte inoltre che negli scenari pianificati dall'IPCC - il gruppo di scienziati che analizzano i cambiamenti climatici sotto l'egida dell'ONU - un ruolo fondamentale è dato alle tecnologie a emissioni negative. Di fatto, affermano che in 344 dei 400 scenari proposti dall'IPCC in cui il mondo ha la possibilità di raggiungere l'obiettivo di due gradi, si presume che sia necessaria la cattura di CO2 su larga scala.
Lo studio Easac, quindi, conclude che i governi devono "concentrarsi sulla riduzione rapida delle emissioni di gas serra" e rivedere al rialzo, come stabilito nell'accordo di Parigi, i loro impegni ogni cinque anni.

(articolo di Manuel Planelles, pubblicato sul quotidiano El Pais del 01/02/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori