testata ADUC
Riscaldamento climatico. Raddoppiata la presenza di arsenico nel riso
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 novembre 2019 8:39
 
 Numerosi studi hanno già messo in evidenza l'impatto negativo dell'aumento delle temperature e della CO2 atmosferica sul riso, con cereali notevolmente più piccoli o meno ricchi di nutrienti. Ma un altro fattore potrebbe ridurre ulteriormente i raccolti: l'arsenico. Secondo un nuovo studio pubblicato il 1 novembre su Nature Communications, il riscaldamento globale comporterà un raddoppio della concentrazione di arsenico inorganico nel riso con, di conseguenza, un crollo dei raccolti del 40%.

I germi rilasciano arsenico inorganico nell'acqua
In molte parti del mondo, tra cui Bangladesh e Cina, l'arsenico naturale nella roccia contamina le acque sotterranee che riforniscono le stazioni di pompaggio di acqua potabile. O viene immagazzinato come minerale nel terreno, inaccessibile alle piante, oppure rimane diluito in acqua in forma inorganica e può essere assorbito dalle piante. Il riso, le cui radici crescono nell'acqua, è particolarmente sensibile all'arsenico inorganico. Ad ogni ciclo di irrigazione con acqua contaminata, l'arsenico si accumula nel terreno.
"Il terreno è pieno di batteri e microrganismi che determinano se l'arsenico rimane in forma minerale o in forma inorganica", afferma Scott Fendorf, coautore dello studio e professore alla Stanford University. Sotto l'effetto dell'innalzamento delle temperature, i microrganismi rilasciano più arsenico nell'acqua che si accumula nel riso. "Una volta assorbito dalla pianta, l'arsenico inibisce l'assorbimento dei nutrienti e riduce la crescita e lo sviluppo delle piante", afferma Fendorf.

Arsenico, due volte più dannoso del riscaldamento globale per il riso
Nel loro esperimento, i ricercatori hanno ricreato in serra le condizioni di un riscaldamento di 5 gradi centigradi e una concentrazione atmosferica in CO2 doppia rispetto a quella odierna (lo scenario più pessimistico dell'IPCC). Hanno variato il contenuto di arsenico del suolo da 7,3 mg / kg a 24,5 mg / kg, corrispondente a un'irrigazione più frequente in acqua contaminata. Hanno rilevato un raddoppio del contenuto di arsenico nel riso e un calo del 40%, persino più forte di quello attribuito al solo cambiamento climatico (16%). In altre parole, l'arsenico è un fattore negativo peggiore del riscaldamento globale per la resa del riso.

Bambini molto esposti al riso contaminato con arsenico
"Nel 2100, la Terra avrà circa 10 miliardi di persone, il che significa che 5 miliardi di persone dipenderanno dal riso per il loro cibo", avverte Scott Fendorf. L'altro problema è che l'arsenico non è solo tossico per il riso, ma anche per l'uomo. A lungo termine, questo semi-metallo provoca lesioni cutanee, disturbi digestivi e tumori. È stato inoltre stabilito un collegamento con malattie cardiovascolari e diabete. La contaminazione si verifica attraverso l'acqua potabile, ma soprattutto dagli alimenti le cui colture sono state irrigate dall'acqua carica di arsenico, in particolare il riso.
"Questo è molto preoccupante per i bambini piccoli - dice E. Marie Muehe, l'autore principale-. Poiché sono più piccoli, significa che assorbono più arsenico in relazione al loro peso corporeo". Nel 2018, il Consiglio sanitario belga ha raccomandato di limitare il consumo di riso per donne in gravidanza e bambini e di far bollire il riso in una grande quantità di acqua.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Planète del 04/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori