testata ADUC
Riscaldamento climatico. Annunciata una catastrofe in oceani e criosfera
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
4 settembre 2019 15:16
 
  Il riscaldamento globale causato dalle attività umane avrà conseguenze drammatiche per gli oceani e la criosfera, che comprende ghiaccio marino, ghiacciai, calotte polari e terreno permanentemente ghiacciato. Queste sono le conclusioni di un rapporto speciale dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), un organo delle Nazioni Unite, che sarà presentato il 25 settembre a Monaco, e che l’agenzia stampa France Presso-AFP ha ottenuto in esclusiva.

Cenni su uno scenario inquietante negli oceani
Gli oceani hanno assorbito circa un quarto delle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo dagli anni 80. Di conseguenza, sono più caldi, più acidi e meno salati. La concentrazione di ossigeno negli ambienti marini è diminuita del 2% in 60 anni e si prevede che perderà altri 3 o 4 gradi se le emissioni di CO2 rimarranno allo stesso livello. A causa del riscaldamento e dell'acidificazione, le riserve alimentari in acque tropicali poco profonde potrebbero diminuire del 40%, compromettendo la nostra capacità di nutrire la popolazione mondiale.
La frequenza, l'intensità e l'estensione delle ondate di calore marino come quelle che hanno devastato la Grande barriera corallina australiana, sono aumentate. I coralli, da cui mezzo miliardo di persone dipendono per cibo e loro protezione, difficilmente sopravvivranno a un riscaldamento di 2 gradi C rispetto ai livelli preindustriali. D'altro canto, si prevede un raddoppio delle frequenze degli eventi estremi di El Niño - che innescano incendi boschivi, causano malattie e hanno effetti sui cicloni - se le emissioni non verranno ridotte.
Il livello degli oceani crescerà nei prossimi secoli, indipendentemente dalle misure adottate. Rispetto alla fine del XX secolo, i livelli degli oceani dovrebbero aumentare di circa 43 cm (29-59 cm) entro il 2100 se il riscaldamento globale viene mantenuto a 2 gradi C. Aumenterà di 84 cm (61-110 cm) se le tendenze attuali continuano, il che potrebbe tradursi in un riscaldamento globale di 3 o 4 gradi C. Nel ventiduesimo secolo, il tasso di innalzamento del livello del mare potrebbe aumentare da 3,6 millimetri all'anno a "diversi centimetri". Nel complesso, si prevede che il 20/90% delle zone umide andranno perse entro il 2100 a causa del previsto aumento del livello del mare.
L'innalzamento del livello del mare potrebbe spostare 280 milioni di persone in uno scenario ottimistico di un aumento della temperatura globale di 2 gradi C rispetto all'era preindustriale. Con il prevedibile aumento della frequenza dei cicloni, molte megalopoli costiere, ma anche piccole nazioni insulari, sarebbero colpite da inondazioni ogni anno a partire dal 2050. Il danno da alluvione potrebbe aumentare da 100 a 1.000 volte di più entro il 2100. L'aumento dei mari costringerà le regioni costiere ad adattarsi, con i Paesi ricchi in grado di proteggere meglio le loro megalopoli rispetto ai Paesi in via di sviluppo, dove le categorie più povere dovranno rifugiarsi in terre più in alto, diventando rifugiati climatici.

Lo scioglimento irrefrenabile di tutto il ghiaccio del Pianeta
Le calotte glaciali in Antartide e Groenlandia hanno perso una media di 430 miliardi di tonnellate ogni anno dal 2006, diventando la principale fonte di innalzamento del livello del mare. Tutti i ghiacciai, non solo quelli dei poli, sono interessati da questo declino. La quantità di acqua risultante dallo scioglimento dei ghiacciai raggiungerà il picco e poi diminuirà intorno al 2100. Si prevede che i ghiacciai di pianura, come l'Europa centrale, il Caucaso, l'Asia del Nord e la Scandinavia, perderanno oltre l'80% del loro volume entro il 2100. In tutto il mondo, oltre due miliardi di persone dipendono dai ghiacciai per l'acqua potabile. Le montagne dovrebbero perdere una quota significativa della loro copertura nevosa, con impatti significativi sull'agricoltura, sul turismo e sull'approvvigionamento energetico.
Un terzo, o addirittura fino al 99% del permafrost, lo strato di terra congelata in modo permanente, potrebbe sciogliersi entro il 2100 se il riscaldamento globale dovesse continuare al ritmo attuale, rilasciando ancora più gas serra. In uno scenario ottimistico, l'area interessata potrebbe essere limitata. Il livello di mercurio e sostanze tossiche nell'acqua potabile dovrebbe aumentare con lo scioglimento dei ghiacciai e del permafrost, che conterrebbe quasi 800.000 tonnellate di mercurio.

Nella foto AFP: Una tempesta colpisce il lungomare di Taizhou nella Cina orientale il 9 agosto 2019

(da un lancio dell’agenzia France Press AFP del 03/04/2019)

 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori