testata ADUC
Quella frutta e quelle verdure dannose per l'ambiente
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 ottobre 2019 14:40
 
 I fagiolini e le clementine non sono sempre esemplari in materia ambientale. Alcuni frutti e verdure generano enormi sprechi energetici o inquinamento del suolo.

Frutta e verdura consumate fuori stagione
Fragole e ciliegie a Natale, no! Coltivate in serre o importate da terre lontane, questi frutti hanno in entrambi i casi un disastroso record ambientale. Ad esempio, i pomodori coltivati in condizioni ristrette richiedono 4,5 volte più energia e input rispetto a quelli piantati in terra, secondo uno studio dell'INRA. Le serre devono essere riscaldate 24 ore al giorno, illuminate e ventilate, il che genera un enorme spreco di energia. Tuttavia, le verdure di campo usano più terra e pesticidi. Comunque sia, la frutta e la verdura di stagione hanno più gusto e sono più economiche. Nel peggiore dei casi, si possono scegliere verdure surgelate che possono essere conservate e quindi ridurre la necessità di coltivarle fuori stagione.

Frutta e verdura golose di acqua
In dieci anni, il consumo europeo di avocado è aumentato da 202 milioni di tonnellate a 650 milioni, con un aumento del 220%. Tuttavia, ci vogliono quasi 100.000 litri di acqua al giorno per irrigare un ettaro di avocado. In Cile, l'aumento della produzione sta causando una vera catastrofe, con il prosciugamento di fiumi e terreni. E l'avvocado non è l'unico. Secondo uno studio olandese, la produzione di un chilogrammo di pistacchi richiede 11.363 litri di acqua, quella di fichi 3.350 litri e quella di datteri 2.277 litri. Mentre fragole, lamponi e carote non richiedono molta acqua. Tuttavia, il fabbisogno idrico di un avvocado rimane 15 volte inferiore a quello della carne bovina, afferma Xavier Equihua, presidente della World Organization of Advocacy, WAO.

Frutta e verdura trasportate in aereo
Ogni anno, secondo Interfel, la Francia importa circa 3,2 milioni di tonnellate di frutta e verdura fresche coltivate al di fuori dell'UE. Se il 98% arriva via mare, alcuni particolarmente fragili come asparagi, fagiolini o mango devono essere trasportati in aereo. Tuttavia, la frutta e la verdura trasportate per via aerea generano una media di 21,9 kg di CO2/kg contro 1,3 kg di CO2/Kg se sono importati via mare o camion e 0,3 kg di CO2/Kg per quelli prodotti localmente, secondo il database FoodGES di Ademe. Detto questo, i prodotti fuori stagione a volte consumano meno energia rispetto a quelli conservati per diversi mesi in celle frigorifere, afferma SNIFL (Unione nazionale importatori / esportatori di frutta e verdura).

Frutta e verdura trattate con fertilizzanti e pesticidi
Secondo un sondaggio dell'associazione Generations Futures, il 72,6% di frutta e il 41,1% di ortaggi controllati dalla repressione delle frodi (DGCCRF) tra il 2012 e il 2016 contenevano residui di pesticidi. I frutti più contaminati sono uva, clementine e ciliegie. La vite è davvero molto sensibile alla peronospora e alla peronospora, che è responsabile del 95% dei trattamenti fungicidi. Nelle verdure troviamo sedano, erbe fresche e cicoria in cima alla classifica. La patata soffre anche di un'irrorazione record di fungicidi, insetticidi e altri erbicidi (19 dosi di riferimento / ettaro / anno). La mela 33,4 all'anno e la banana 7,9.

Frutta e verdura lavorate
Gli alimenti trasformati inducono un aumento del consumo di energia e di imballaggio. I pomodori in scatola generano quindi 1,4 kg di CO2 equivalente / kg contro 0,3 kg di CO2/Kg per i pomodori freschi (in stagione) coltivati in Francia, calcolati dall'Ademe. Allo stesso modo, i mini asparagi in scatola provengono spesso dalla Cina, il più grande produttore al mondo. Tuttavia, nessuna grande differenza tra il succo d'arancia e le arance fresche, essendo le arance intere più pesanti da trasportare, è altrettanto utile spremerle sul posto. Tuttavia, la trasformazione non è sempre negativa: i frutti mal calibrati o troppo maturi finiscono per esempio nella composta, che limita i rifiuti.

(articolo di Céline Deluzarche pubblicato su Futura/Planète del 23/10/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori