testata ADUC
Quando i vestiti in lavatrice rilasciano plastica che finisce ovunque. Studio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
26 settembre 2019 17:54
 
 Lavare i vestiti in un ambiente delicato è il peggiore di tutti i cicli per l'ambiente poiché provoca il rilascio di centinaia di migliaia di microfibre extra nel sistema idrico.
Sebbene i cicli regolari della lavatrice inducano a unire di più i vestiti, usano meno acqua rispetto ai cicli più delicati, secondo una ricerca dell'Università di Newcastle.
È il volume di acqua utilizzato - al contrario dell'azione rotante - che provoca la dispersione delle particelle di plastica più piccole.
Poiché queste fibre sono così piccole, si scaricano dallo scarico della lavatrice e alla fine possono entrare nell'ambiente marino dove possono essere ingerite da piccoli animali e finire nella nostra catena alimentare.
Milioni di microfibre di plastica vengono versate ogni volta che laviamo indumenti che contengono materiali come nylon, poliestere e acrilico.
Il dottor Max Kelly ha misurato il rilascio di microfibre dai vestiti in poliestere da una gamma di cicli, temperature e volumi d'acqua diversi. Contando le fibre rilasciate, il suo team ha riscontrato che maggiore è il volume di acqua maggiore è il rilascio di fibre, indipendentemente dalla velocità e dalle forze abrasive della lavatrice.

Usando una macchina fotografica ad alta tecnologia, hanno contato 1,4 milioni di fibre da un lavaggio delicato di un indumento in poliestere, 800.000 quando è stato utilizzato un normale lavaggio in cotone e 600.000 da un programma espresso a freddo.

Kelly ha dichiarato: "Contro-intuitivamente, abbiamo scoperto che cicli "delicati" rilasciano più microfibre di plastica nell'acqua, e quindi nell'ambiente, rispetto ai cicli standard. Ricerche precedenti hanno suggerito, come fattore più importante nella quantità di microfibra rilasciata, la velocità con cui il tamburo gira, il numero di volte che cambia la direzione di rotazione durante un ciclo e la durata delle pause nel ciclo. Ma abbiamo dimostrato che anche a livelli ridotti di movimento, il rilascio di microfibra è ancora maggiore con un volume d'acqua maggiore rispetto ai rapporti del tessuto. Questo perché l'elevato volume di acqua utilizzato in un ciclo delicato, che dovrebbe proteggere gli indumenti sensibili dai danni, in realtà "strappa" più fibre dal materiale".

I consumatori dovrebbero assicurarsi di utilizzare il ciclo corretto per il loro bucato ed evitare di lavare mezzi carichi in modo che non vi sia un elevato volume di acqua negli indumenti.

Il dott. Neil Lant, ricercatore dell'Università di Newcastle che ha lavorato al progetto, ha dichiarato: "Le persone hanno pensato in modo abbastanza intuitivo che un delicato ciclo di lavaggio avrebbe ridotto la perdita di fibre perché le fibre si sfregavano di meno l'una contro l'altra". Gli indumenti in fibre naturali, come lana o seta, dovrebbero ancora essere lavati con un programma delicato.

I produttori di lavatrici hanno sviluppato filtri in microfibra per catturare i mini-inquinanti prima che vengano immessi nel sistema idrico, mentre l'industria tessile sta lavorando per ridurre la dispersione delle fibre.

Il professor Grant Burgess, microbiologo marino, ha affermato che si ritiene che le microfibre possano ostruire i sistemi digestivi dei piccoli animali che li ingeriscono. Ed ha aggiunto: “Alcune di queste fibre possono attrarre inquinanti e sostanze chimiche tossiche che si attaccano alle fibre. Possono agire come concentratori di altri inquinanti tossici e fungere da portatori di questi cattivi prodotti chimici."

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Environmental Science and Technology.

(articolo di Phoebe Weston, pubblicato sul quotidiano The Independent del 26/09/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori