testata ADUC
Quando il riso OGM potrebbe salvare la vita di milioni di bambini
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
12 novembre 2019 13:45
 
 Duecentocinquanta milioni ... Questo è il numero di bambini dai 6 mesi ai 5 anni che soffrono di carenza cronica di vitamina A, secondo l'OMS. Lungi dall'essere banale, può portare alla cecità e alla morte, incluso rendere questi bambini estremamente vulnerabili al morbillo e alla diarrea. Ogni anno, da 250.000 a 500.000 bambini diventano ciechi a causa della carenza di vitamina A. La metà di loro morirà in meno di 12 mesi.

Quale sarebbe l'uso del riso dorato?
Ma qual è la relazione tra riso dorato e OGM? Il riso dorato è un organismo geneticamente modificato (OGM) per produrre e accumulare ?-carotene nella parte commestibile del suo grano. Una volta consumato, il ?-carotene viene immagazzinato nel tessuto adiposo del corpo o convertito in vitamina A. Infatti, l'essere umano sintetizza la vitamina A dai carotenoidi che ingerisce, come il ?-carotene. naturalmente presente in carote, verdure verdi e alcuni frutti. Tuttavia, i 250 milioni di bambini sottoposti a questa carenza hanno sviluppato malnutrizione: la loro dieta non contiene abbastanza verdure. Fanno parte dei 3 miliardi di persone per cui il riso rappresenta l'80% del contributo energetico.
L'enigma si risolve facilmente. Se mangiano principalmente riso e non abbastanza verdure, due soluzioni sono ovvie. La prima è aiutarli a diversificare la loro dieta. Ma questo significa farli uscire dalla povertà. Per quanto lodevole e cruciale, questa idea è a lungo termine. E nel frattempo, questi bambini continuano a perdere la vista e incontrano la morte! Inaccettabile. Due ricercatori hanno quindi scoperto una seconda soluzione: aumentare il contenuto di vitamina A del riso. Nel 1999, Ingo Potrykus, professore presso l'Istituto di scienze agrarie dell'Istituto federale svizzero di tecnologia, e Peter Beyer, professore di biologia cellulare presso il Center for Applied Biosciences, Università di Friburgo, Germania, ha creato il riso dorato.
Oggi, il riso dorato è di proprietà del Golden Rice Humanitarian Board, un partenariato pubblico-privato. E dal 2005, la tecnologia e la varietà di semi sono utilizzabili. Eppure nessuno dei bambini bisognosi può trarne beneficio.

Una soluzione inaccessibile a causa di ... una regolamentazione obsoleta
Secondo il giornalista scientifico Ed Regis, la causa sta nella regolamentazione. E più precisamente nel protocollo di Cartagena sulla biosicurezza. Un trattato internazionale entrato in vigore nel 2003, stabilisce che gli OGM sono pericolosi e che la loro immissione sul mercato (redditizia o umanitaria) richiede la prova della loro innocuità. Presunzione di colpa!
Tuttavia, una meta-analisi del 2013 di 1.800 studi sugli OGM porta a un riconoscimento scientifico: questi cibi non presentano rischi specifici rispetto ai non OGM. E il loro consumo è sicuro per l'uomo. Nel 2017, un'altra meta-analisi ha concluso che solo il 5% delle pubblicazioni rileva effetti negativi del cibo geneticamente modificato. In altre parole, per il 95% degli studi scientifici, gli alimenti GM non presentano rischi specifici rispetto agli alimenti non OGM.
Nel suo libro Golden Rice: The Imperiled Birth of a GMO Superfood, Ed Regis teme il protocollo di Cartagena, riporta Trust my Science: "Tali regolamenti esistono a causa delle paure irrazionali degli OGM [...]. In Bangladesh, Cina, India e altrove in Asia, molti bambini sopravvivono solo con alcune ciotole di riso al giorno [...]. Una fornitura giornaliera di riso dorato potrebbe aiutare a preservare quel dono della vita che è la vista".
Soprattutto perché il riso dorato è già stato approvato da Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Anche se non è una soluzione miracolosa poiché allevia solo il problema della povertà, il riso dorato avrebbe il vantaggio innegabile di non permettere ai bambini di morire quando esiste una soluzione immediata.

(Articolo di Eléonore Solé. Pubblicato su Futura-Santé del 12/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori