testata ADUC
Quando il Natale fu cancellato in Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda. Una lezione dalla storia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
16 novembre 2020 10:34
 
  La prospettiva di un Natale senza celebrazioni in larga scala sta depredando le menti. Dopo la diffusa cancellazione delle pantomime, delle "accensioni" festive delle luci e di altre attività della comunità, sembra probabile che i festeggiamenti del 2020 saranno molto più intimi, con il divieto alle famiglie di mescolarsi all'interno.
Ma cosa succede se le famiglie ignorano le regole di distanziamento, dovrebbero rimanere al loro posto e festeggiare insieme piuttosto che su Zoom? I politici che cercano di scontrarsi duramente con chi viola le regole potrebbero voler ricordare un periodo natalizio precedente e che fu limitato nel tempo.
Nel 1647, il Natale era vietato nei regni d'Inghilterra (che all'epoca comprendeva il Galles), Scozia e Irlanda e non funzionò molto bene. In seguito al divieto totale di tutto ciò che era festa, dalle decorazioni alle riunioni, scoppiarono ribellioni in tutto il paese. Mentre alcuni impiccavano l'agrifoglio in segno di sfida, altri si comportarono in modo più estremo ed hanno avuto conseguenze storiche.

Il Natale è annullato
Nel 1647, il Parlamento aveva vinto la guerra civile in Inghilterra, Scozia e Irlanda e il re Carlo fu tenuto prigioniero a Hampton Court. La Chiesa d'Inghilterra era stata abolita e sostituita da un sistema presbiteriano.
La riforma protestante aveva ristrutturato le chiese in tutte le isole britanniche e i giorni sacri, incluso il Natale, furono aboliti.
Le solite festività durante i 12 giorni di Natale (dal 25 dicembre al 5 gennaio) furono ritenute inaccettabili. I negozi dovevano rimanere aperti per tutto il periodo natalizio, compreso il giorno di Natale. Le esposizioni di decorazioni natalizie - agrifoglio, edera e altri sempreverdi - erano vietate. Anche altre tradizioni, come i banchetti e il consumo celebrativo di alcol, in grandi quantità allora come oggi, furono limitate.
 Il giorno di Natale, tuttavia, non passò in silenzio. La gente in Inghilterra, Scozia e Irlanda infranse le regole. A Norwich, al sindaco fu presentata una petizione per celebrare il tradizionale Natale. Non poteva permetterlo pubblicamente, ma ignorò le celebrazioni illegali in tutta la città.
A Canterbury si giocò la consueta partita di calcio di Natale e davanti alle porte di casa c'erano cespugli di agrifoglio festoso. Durante i 12 giorni di Natale, i festeggiamenti si diffusero in tutto il Kent e le forze armate dovettero essere usate per interrompere queste feste.
Il giorno di Natale fu celebrato nel cuore di Westminster e gli amministratori della chiesa di St Margaret (che fa parte dell'Abbazia di Westminster) furono arrestati per non aver bloccato le celebrazioni. Le strade di Londra erano addobbate di agrifoglio ed edera e i negozi erano chiusi. Il sindaco di Londra fu aggredito verbalmente mentre cercava di abbattere le decorazioni natalizie con l'aiuto dei reggimenti veterani della città.
Anche Ipswich e Bury St Edmunds nel Suffolk celebrarono il Natale in modo turbolento. Giovani uomini armati di mazze chiodate pattugliavano le strade convincendo i negozianti a rimanere chiusi.
Prendere le armi e infrangere le regole non significava solo vivere il divertimento della stagione. Combattere contro il divieto del Natale fu un atto politico. Le cose erano cambiate e la ribellione natalizia era tanto una protesta contro la "nuova normalità" quanto contro il divieto del divertimento. La gente era stufa di una serie di restrizioni e difficoltà finanziarie dovute al sistema presbiteriano e alle ricadute della guerra civile.

La peggiore sbornia di Natale
Le conseguenze delle rivolte natalizie di Norwich furono le più drammatiche. Il sindaco fu convocato a Londra nell'aprile del 1648 per spiegare il suo fallimento nel vietare le feste di Natale, ma una folla chiuse le porte della città per impedirgli di andarci. Le forze armate furono nuovamente dispiegate e nelle rivolte successive il deposito di munizioni della città esplose, uccidendo almeno 40 persone.
Norwich non era sola. Nel Kent, il gran giurì decise che i rivoltosi alle feste di Natale non avevano altra scelta che rispondere alla legge e la contea diede vita ad una cruenta ribellione contro il Parlamento. I realisti capitalizzarono il malcontento popolare e iniziarono a organizzare i rivoltosi.
Successivamente, nel 1647 e nel 1648, ci furono altre rivolte, e queste portarono a ribellioni che, a loro volta, causarono la seconda guerra civile in quell'estate. Re Carlo fu processato dopo la sua sconfitta in guerra e fu giustiziato. Ciò provocò una rivoluzione e la Gran Bretagna e l'Irlanda diventarono una repubblica, tutto a causa del Natale.

Questo Natale, la polizia di tutto il Paese è pronta a far rispettare i regolamenti COVID e a sciogliere i raduni. Mentre la pandemia rende le cose diverse, con la regola che infrange una questione di sicurezza tanto quanto qualsiasi altra cosa, i politici potrebbero imparare dalle conseguenze dell'ultima volta che il Natale è stato cancellato.
Come nel 1647, molte persone oggi sono stufe delle restrizioni del governo. Molti hanno anche subito difficoltà finanziarie a causa dei regolamenti COVID. Alcuni potrebbero inveire contro l'idea di porre fine a un anno miserabile sotto quelle che potrebbero considerare restrizioni che impediscoo le feste in famiglia.
Una situazione del genere dovrà essere gestita con cautela. Ci sono già stati disordini civili per i blocchi. I vaccini apparentemente stanno per arrivare nel nuovo anno, ma l'ultima cosa di cui il Paese ha bisogno sono ulteriori disordini. Ancora una volta, il governo dovrà bilanciare il rischio per la salute con altre sfide sociali che questa pandemia ha presentato.

(Articolo di Martyn Bennett -Professor of Early Modern History, Nottingham Trent University – pubblicato su The Conversation del 13/11/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori