testata ADUC
Può la cannabis sostituire i farmaci da prescrizione?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 settembre 2020 17:37
 
Affinché un farmaco su prescrizione possa raggiungere il mercato, deve essere ampiamente studiato, prima in studi clinici sugli animali e poi sull'uomo. Devono essere determinati sicurezza, efficacia e rischi. Ma come sa chiunque abbia letto le avvertenze di un farmaco su prescrizione, ci sono ancora effetti collaterali. Ci sono rischi nell’interrompere una prescrizione. E, naturalmente, ci sono i rischi della dipendenza.
Gli antidolorifici oppioidi da prescrizione sono aumentati drasticamente, passando da pillola di uso comune a massicce crisi di salute pubblica. Allo stesso tempo, la percezione della marijuana si è spostata da considerarla come droga di passaggio ad usarla come medicina.

Ora, diversi studi recenti mostrano che l'opinione pubblica sta modificando i propri comportamenti al punto di sostituire la cannabis con oppioidi e altri farmaci da prescrizione che hanno rischi elevati o bassa efficacia. Oltre agli oppioidi, la sostituzione del farmaco è più comune per le benzodiazepine, come il Valium o il Klonopin, e gli antidepressivi.

I vantaggi di sostituire un farmaco che crea dipendenza sembrano ovvi, ma c'è un serio rischio nascosto nel farlo senza parlare con un medico. Ad esempio, con il CBD, le sue interazioni con i farmaci da prescrizione sono state appena studiate. Le complicazioni possono derivare da interazioni farmacologiche e sintomi di astinenza, con conseguenti dosaggi errati ed effetti collaterali potenzialmente sconosciuti.

I pazienti stanno sostituendo le prescrizioni con la cannabis
Con il CBD non regolamentato e derivato dalla canapa facilmente disponibile online e nei negozi negli Stati Uniti, così come la cannabis ricreativa e medica nei negozi di Stati Uniti e Canada, alcune persone stanno facendo proprio questo.

Una sostituzione specifica è promettente, ma anche pericolosa: le benzodiazepine.

Benzos, come Klonopin (clonazepam) e Valium (diazepam), sono comunemente prescritti per ansia, insonnia, convulsioni, astinenza da alcol e spasmi muscolari, che possono anche essere trattati con cannabis medica, specialmente CBD. Ma a differenza del CBD, le benzodiazepine sono state scientificamente sperimentate, completando il processo clinico e arrivando sul mercato negli anni '60. Inoltre, a differenza del CBD, sono note per creare dipendenza.

"C'è questa grande opportunità a causa della crisi degli oppioidi per trovare alternative", ha detto il dottor James Corroon, direttore medico presso il Center for Medical Cannabis in California, che ha pubblicato uno studio sulla sostituzione della cannabis per le prescrizioni farmaceutiche lo scorso anno. Dei 2.774 partecipanti, il 46% ha riferito di aver sostituito la cannabis con un farmaco. "C'è motivo di sperare", ha detto, "ma abbiamo bisogno di più dati".

C'è anche motivo di essere preoccupati. Secondo lo studio, i consumatori terapeutici, che si sono dichiarati tali, avevano circa cinque volte più probabilità di sostituire i farmaci con la cannabis rispetto ai consumatori ricreativi. E quasi un quarto dei consumatori ricreativi ha anche segnalato la sostituzione.

Lo scambio non prescritto di THC o CBD con un farmaco su prescrizione spesso si verifica inizialmente per caso: un paziente con dolore cronico potrebbe fumare marijuana a scopo ricreativo e si accorge che lo aiuta; un paziente con insonnia potrebbe mangiare un cioccolato al CBD per l'ansia ma poi è in grado di dormire; una persona potrebbe ottenere una dose di marijuana medica per l'ansia e scoprire che aiuta con il dolore e l'insonnia.

Anche se questa potrebbe sembrare una coincidenza fortuita per i pazienti, il modello è un avvertimento per i medici. "Queste persone non ricevono le cure giuste", ha detto il dottor Corroon. La preoccupazione è con le interazioni farmacologiche.

Se aggiungi il CBD a un regime farmacologico di un oppioide o di un benzo, si crea un effetto di amplificazione, ha spiegato il dottor Corroon. Con CBD e Valium, ad esempio, il fegato metabolizza prima il CBD. Il Valium viene quindi rimandato nel flusso sanguigno, consentendo alla stessa dose di durare più a lungo. Di conseguenza, il paziente può assumere involontariamente una terapia eccessiva. Ciò significa anche che a un paziente potrebbe essere prescritta una dose più bassa di Valium per provare lo stesso sollievo.

Questo può essere ottimo se un operatore sanitario sta supervisionando un paziente e le sue sostituzioni di farmaci, ma le dosi di benzodiazepine devono essere ridotte lentamente per essere interrotte in sicurezza, indipendentemente dal fatto che venga aggiunto un altro farmaco.

Le rapide diminuzioni di qualsiasi farmaco possono essere pericolose. Le benzodiazepine deprimono il sistema nervoso centrale e un brusco cambiamento può lasciare il cervello in difficoltà per l'equilibrio. L'astinenza da benzodiazepine può causare una ricomparsa dei sintomi, con l’aggiunta di ansia, insonnia e sintomi simil-influenzali. I sintomi più gravi includono attacchi di panico, tremori alle mani, depressione e convulsioni.

Senza il consiglio e la supervisione del medico, una persona potrebbe provare astinenza, dosi inutilmente basse o alte o esitazione mentre l'ansia diminuisce e ritorna, ha detto il dottor Corroon.

La cannabis può aiutare?
Il trattamento della cannabis viene ampiamente studiato come sostituzione parziale o totale degli oppioidi, ma la ricerca è appena iniziata sul suo possibile utilizzo per ridurre l'uso di benzodiazepine.

"C'è un ruolo per le benzodiazepine nella pratica clinica", ha detto il dottor Chad Purcell, un chirurgo residente alla Dalhousie University. Ma c'è un problema con le benzodiazepine che è simile a quello degli oppioidi, ha detto.

In un piccolo studio, il dottor Purcell e i suoi collaboratori hanno analizzato le informazioni fornite da pazienti nuovi al trattamento con cannabis che stavano già assumendo benzodiazepine. Quasi un terzo ha interrotto il trattamento con benzodiazepine entro i due mesi successivi. E quasi il 45% ha terminato l'uso entro quattro mesi.

"Sembra che ci sia qualcosa in gioco qui", ha detto il dottor Purcell. Ma ha messo in guardia dal tracciare una linea diretta tra i due consumi. Solo perché sono successe due cose - iniziare la cannabis e fermare le benzodiazepine - non significa che l'una abbia causato l'altra.

Un altro studio recente, condotto dal dottor Phillipe Lucas, VP of Patient Research presso il produttore di cannabis Tilray, ha mostrato tendenze elevate nella sostituzione della cannabis in tutti i tipi di farmaci da prescrizione.

Il dottor Lucas e gli autori hanno analizzato i modelli di consumo di cannabis e le sostituzioni di 2032 pazienti canadesi con cannabis medica che hanno risposto a un sondaggio.

Molti partecipanti hanno segnalato più di una sostituzione. Circa il 45% ha riferito di aver sostituito la cannabis con l'alcol, il 31% lo ha sostituito con il tabacco e il 26% lo ha sostituito con droghe illegali. Un “enorme” 69% ha riferito di aver sostituito la cannabis con farmaci da prescrizione.

Non sorprende che gli oppioidi fossero i più comuni tra le sostituzioni farmaceutiche, al 35%. Le prescrizioni di antidepressivi e anti-ansia sono risultate vicine al 21%.

Domande dettagliate hanno rivelato che dolore cronico e problemi di salute mentale erano i due motivi più comuni per cui i partecipanti assumevano cannabis, entrambi a poco meno del 30%.

Il dolore cronico è spesso accompagnato da condizioni di salute mentale, in particolare ansia e insonnia, ha affermato il dott. Lucas. È una comune tripletta di malattie e preoccupante. Le condizioni possono esacerbarsi tra di loro e il nodo dei sintomi può essere difficile da districare. Non è raro che un dolore infinito causi una grave ansia e prevenga il sonno, ha detto il dottor Lucas. Secondo lo studio, circa la metà dei partecipanti ha riferito di aver sperimentato tutti e tre i sintomi primari.

I pazienti che sperimentano questa triade medica spesso assumono più di una prescrizione giornaliera come trattamento, quindi non sorprende che molti partecipanti allo studio abbiano sostituito più di un farmaco, ha spiegato il dott. Lucas. Ed è possibile che, se una sostituzione della cannabis potesse trattare in modo più efficace una causa principale del dolore cronico, i farmaci per l'ansia, l'insonnia o la depressione potrebbero diventare inutili.

Per quelle persone che stanno facendo una scelta consapevole di sostituire, e lo fanno con la guida medica, sembra esserci solo un lato positivo. Sono le persone che accidentalmente fanno la sostituzione o si auto-prescrivono che preoccupano il dottor Lucas. "Mi dà grande preoccupazione."

Tieniti informato e in salute
Parla sempre con il tuo medico prima di iniziare o interrompere un nuovo farmaco. Chiedi informazioni sulle potenziali interazioni e opzioni di prescrizione. Se prendi già un farmaco su prescrizione, parla con il tuo medico curante del tuo uso di marijuana e/o CBD.

(articolo di Celia Gorman pubblicato su Leafly del 15/09/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori