testata ADUC
Il prossimo mondo: una dittatura sanitaria? Il dibattito in Francia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
9 maggio 2020 23:04
 
Sui social media, messaggi disillusi sull'incoerenza dei francesi. Disciplinati quanto gli italiani che sentiamo, troppo egoisti per capire i problemi di salute, indifferenti alle difficoltà degli operatori sanitari. Non appena il bilancio delle vittime sale, c'è indignazione per "allentarsi" nelle misure di contenimento. Tuttavia, al di là di alcuni epifenomeni, le infinite immagini di strade deserte, l'assenza di un'esplosione contro le azioni della polizia e, in modo angosciante, le denunce che abbiamo visto fiorire, testimoniano al contrario, che in modo globale e maggioritario i francesi hanno accettato senza alzare un sopracciglio, senza ribellarsi, il confino.

Le basi delle nostre civiltà sono state abbandonate senza dire una parola
Questa docilità sorprende. In primo luogo, poiché le misure decretate hanno toccato le basi della civiltà, il che è sembrato antropologicamente difficile immaginare che potessero essere messe in discussione così facilmente. "Rimango stupito, da un punto di vista antropologico, dall'accettazione, senza troppe proteste, mi sembra, dei metodi di accompagnare i morti di Covid-19 nell'Ehpad. L'obbligo di sostenere i morenti, e quindi i morti, è davvero una caratteristica fondamentale di tutte le società umane. Tuttavia, si è deciso che le persone sarebbero morte senza l'assistenza dei propri cari e che questo non accompagnamento sarebbe continuato in parte durante le sepolture, ridotto al minimo. Per me, è stata una grande trasgressione antropologica che è avvenuta quasi "da sola". Considerando che se questo fosse accaduto due mesi fa, avremmo protestato designando tali pratiche inumane e inaccettabili", ha osservato lo storico di guerra Stéphane Audoin-Rouzeau in un'intervista trasmessa da Mediapart e Tribune Juive.

Una democrazia amata abbandonata con facilità
L'abbandono dei nostri riti funebri fa eco alla nostra facile rinuncia ad alcune delle nostre regole democratiche. Giornalista specializzato in Europa e in economia, Jean Quatremer osserva in un post sul suo blog molto quotato questa settimana: "Ci sono voluti solo pochi istanti, il 16 marzo, per il capo di Stato e il suo governo, in nome della lotta contro la pandemia di coronavirus, per porre i francesi agli arresti domiciliari privandoli della maggior parte delle loro libertà civili, politiche e sociali che si ritenevano inalienabili: libertà di andare e venire, libertà di incontro, libertà di intraprendere, libertà di lavoro, ecc. (...) Questa sospensione dello Stato di diritto è stata fatta senza base giuridica. In effetti, il decreto del 16 marzo che limita la circolazione dei cittadini non rientra nei poteri dell'esecutivo, dal momento che solo un giudice, quello della libertà, può normalmente decidere su base individuale. ... disastro sanitario che mette in pericolo, per sua natura e gravità, la salute della popolazione", una definizione particolarmente vaga. Tutta questa legge coltiva la vaghezza, i reati che indica, ad esempio, lasciano gran parte all'interpretazione della polizia e quindi all'arbitrarietà. (...) È notevole che questa legislazione eccezionale, giustificata dall'uso di un linguaggio bellicoso unico in Europa ("Siamo in guerra") non sia stata oggetto di un rinvio al Consiglio costituzionale, e l'opposizione, altrettanto presa dal terrore come l'opinione pubblica, che ha rinunciato a esercitare i suoi diritti, un fatto senza precedenti, quando si tratta di un attacco particolarmente grave allo Stato di diritto. (...) Finché si applica lo stato di emergenza sanitaria (fino alla fine di luglio abbiamo appena appreso), la Francia non è più una democrazia, anche se non è tutto in realtà una dittatura e si deplora ciò che contrasta con la messa in scena del governo che si è congratulato con se stesso, ad esempio, per aver messo ai voti (ma un voto abbastanza simbolico) il suo piano di deconfinamento.

Il male era così terribile che tali rinunce erano necessarie?
Questa affermazione potrebbe essere spiegata dall'entità del pericolo da un lato e dall'assoluta convinzione dall'altro che nessuna altra misura era possibile. Tuttavia, su entrambi i punti, ci sono molti dubbi. Sull'entità del pericolo, con l'importantissima eccezione del più che problematico superamento delle capacità di assistenza per ventilazione, alcuni sottolineano che il coronavirus è, ad eccezione di alcune categorie molto fragili della popolazione, una malattia principalmente benigna. "E’ apparso quasi subito che la malattia fosse estremamente fatale per le persone di età superiore ai 70 anni (età media della morte in Italia o in Francia: 80 anni) e per quelli con patologie gravi, cioé persone molto deboli. Era quindi razionale limitare ogni cosa e far precipitare il Paese nella recessione? Forse sarebbe stato necessario concentrarsi sulla protezione di questi gruppi a rischio piuttosto che mettere un intero Paese sotto allarme senza pensare al domani, soprattutto perché sappiamo benissimo che il virus è qui da molto tempo", osserva Jean Quatremer.
Da parte sua, in un altro testo che è stato anche oggetto di molti commenti questa settimana, Eric Boucher riassume brutalmente in Opinion: "Allo stato attuale di ciò che sappiamo di questa pandemia, le statistiche dicono che il coronavirus uccide soprattutto il vecchio, già malato. A livello globale, ci sono 245.000 morti, di cui 67.000 negli Stati Uniti, 29.000 in Italia, 28.500 in Gran Bretagna, 25.000 in Spagna e Francia. Ci sono 1.320 morti in India, 610 nelle Filippine, 415 in Egitto, 460 in Algeria, 440 in Pakistan, 123 in Sudafrica, 64 in Camerun, 35 in Niger. Per rappresentare correttamente la mappa del mondo, ci sono stati 640 decessi a Filadelfia negli Stati Uniti, contro solo 85 in Nigeria. La paura di vedere i Paesi poveri devastati dal virus si è rivelata falsa, come per miracolo. Il Covid-19 sembra gradire gli anziani e odia il sole. Sommario: nel suo attuale stato di diffusione, la pandemia sta uccidendo gli anziani già malati e bianchi", ha detto, facendo notare che la chiusura dell'economia potrebbe avere conseguenze ancora più disastrose nei Paesi poveri.

Interventi mirati piuttosto che carneficina?
Nell’ambito di una gravità limitata a determinate categorie della popolazione, possono solo persistere domande sulla legittimità di una decisione tanto severa (e soprattutto così generalizzata) come quella che è stata imposta in Francia, Italia o Spagna. Lo sono ancora di più poiché i dati sono molto contraddittori in merito. Molti hanno sostenuto che ulteriori misure circoscritte sarebbero state altrettanto efficaci; e alcuni lo hanno persino fatto nelle prime ore della crisi, quindi non possono essere completamente accusati di apprendere facili lezioni da una situazione che si è già presentata. David L. Katz, direttore e fondatore del Centro di ricerca sulla prevenzione Yale-Griffin, in un editoriale pubblicato il 20 marzo sul New York Times ha osservato: “Distinguiamo regolarmente due tipi di azioni militari: carneficina (...) con il suo inevitabile danno collaterale e la precisione di un "colpo chirurgico", metodicamente mirato (...). Quest'ultimo, ben eseguito, limita le conseguenze indesiderate”. In questo approccio "chirurgico", il confinamento rigoroso riguarderebbe solo i soggetti più a rischio e le regioni maggiormente colpite.

Il contenimento era già nell'inconscio collettivo
Se la gravità della malattia e la pertinenza delle misure non consentono una perfetta comprensione della docilità dei popoli europei di fronte alla confisca delle loro libertà e al loro diritto di seppellire i loro morti come desiderano, devono essere esplorate altre strade. Jean Quatremer evidenzia una certa dittatura delle emozioni, criticata anche dal filosofo André Comte-Sponville in un'intervista pubblicata dal quotidiano svizzero Le Temps. Qui probabilmente è necessario esaminare l'influenza dei media. "Sarebbe senza dubbio necessario mettere in discussione la responsabilità dei media audiovisivi in "questo panico che ha colto l'opinione pubblica occidentale (con un'eccezione tedesca, i televisori di questo paese hanno deciso volontariamente di trattare il covid-19 per quello che meritava)", osserva Jean Quatremer. Il giornalista David Abiker, da parte sua, ci invita su Twitter a mettere in discussione il ruolo svolto dai nostri sistemi sanitari, ossessionati dalla precauzione per la nostra accettazione.
Commentando il post sul blog di Jean Quatremer deplorando il "dibattito proibito", osserva: "Non c'è dibattito possibile e fa testo quanto fatto in precedenza. Per molto tempo abbiamo istituito una società dell’igiene, precauzione e rischio zero (...). Ciò che rende questo virus così pericoloso non è solo quello che è. La società che questo virus ha trovato quando è arrivato è quella con le sue psicosi, le sue vulnerabilità. Ricordiamo il terrore causato dalle lasagne di cavallo e dal latte di Lactalis che non hanno ucciso nessuno (...). Non vi è stato alcun dibattito sul contenimento perché questo dibattito è stato assolutamente risolto in quello che viene chiamato inconscio collettivo. È una partita a tre giocatori che è in atto da anni. Domanda di prevenzione igienica come se tutti fossero dei bambini, supporto di media complici che alimentano il vittimismo e uno Stato pompiere impegnato a rispondere alla domanda. Il nostro confino lo avevamo preparato da lungo tempo (...). Guarda come il tutto era pronto, le parole ci erano familiari nelle aziende come nel campo sociale".

Le nostre libertà pubbliche sono sacrificate sull'altare della salute?
Cosa significa questa accettazione per il mondo e di cui ne abbiamo parlato per settimane. Jean Quatremer è molto pessimista riguardo alle possibili conseguenze sulle nostre libertà. "Credere che le libertà pubbliche, la democrazia, usciranno intatte da questo episodio è solo un dolce sogno. Lo stato di emergenza sanitaria rimarrà per molto tempo consacrato nella nostra legge esattamente come lo stato di emergenza, lanciato nel 2015, è stato finalmente incorporato nella legge ordinaria. È raro che uno Stato rinunci da solo ai poteri acquisiti sul legislatore e sul sistema giudiziario. Il tracciamento delle persone, tramite smartphone, che alcuni considerano una necessità, potrebbe benissimo diventare la regola in nome della salvaguardia della nostra salute che è diventata la priorità, essendo la privacy ridotta al livello di preoccupazione di un'altra epoca. Avendo scelto il contenimento totale, lo stato di emergenza lascerà tracce durature nella democrazia francese. (…) In conclusione, al momento, penso che non dovremmo sbagliare sul significato dell'evento inimmaginabile che stiamo vivendo: è il trionfo dell'individualismo, quello della salute immediata dell'individuo di fronte al benessere collettivo attuale e futuro. I termini del dibattito sono in realtà identici a quelli del cambiamento climatico: dovremmo accettare di sacrificare il nostro benessere immediato per garantire la sopravvivenza della specie umana?

Salute: un valore falso
Ci saranno rivolte? Non sono sicuro se si debba credere a David Abiker. Alcuni, tuttavia, protestano contro la prospettiva di una dittatura sanitaria. André Comte-Sponville osserva così: “Sta nascendo una civiltà che rende la salute il valore supremo. Pensa a questa battuta di Voltaire: "Ho deciso di essere felice, perché fa bene alla salute". In precedenza, la salute era un mezzo per raggiungere la felicità. Oggi lo rendiamo il fine supremo, di cui la felicità è solo un mezzo! Di conseguenza, deleghiamo alla medicina la gestione non solo delle nostre malattie, il che è normale, ma delle nostre vite e delle nostre società. Dio è morto, viva l'assicurazione sanitaria!" E continua: "La salute non è un valore, è un bene: qualcosa di invidiabile, non qualcosa di ammirevole! Tutti conoscono i più grandi valori: giustizia, amore, generosità, coraggio, libertà ... Non sono pronto a sacrificare la mia libertà sull'altare della salute! Possiamo accettare gli arresti domiciliari (che in realtà è solo l’inizio) solo se di breve durata. Temo che l'ordine sanitario possa sostituire "l'ordine morale", come dicevano al tempo del maccartismo. Temo che stiamo sprofondando nella "correttezza sanitaria", come abbiamo fatto nel politicamente corretto".

(articolo di Aurélie Haroche, pubblicato su Jim - Journal International de Médecin del 09/05/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori